Tipress
CANTONE
05.10.20 - 16:350
Aggiornamento : 19:39

«Non spetta a me giudicare, ma il carico di lavoro ha pesato»

Il PG Andrea Pagani, in un lungo comunicato, analizza la difficile situazione venutasi a creare a Palazzo di Giustizia

E aggiunge: «Per migliorare la vigilanza sull'operato dei procuratori, occorre disporre di maggiori strumenti, che oggi il Procuratore Generale non ha»

LUGANO - Dai messaggi brevi, WhatsApp per intenderci, ad un lungo comunicato stampa in cui il Procuratore generale Andrea Pagani cerca di far chiarezza su come sono maturati i preavvisi del Consiglio della Magistratura. 

L'esame interno - Per lo meno per la parte di giudizio che gli compete, il PG ricorda che «nel 2020, fra marzo e giugno, tenuto conto di due mesi di lockdown, a prescindere dall'avvicinarsi dello scadere delle cariche, ho personalmente esaminato i dati di tutti i Magistrati, che ho poi ascoltato, con verbali discussi e controfirmati, trasmessi in luglio al Consiglio della Magistratura». 

Le problematiche - Questa seconda serie di audizioni, dopo quelle effettuate tra aprile e ottobre 2019, «particolarmente impegnativa e che nessuno aveva mai svolto in precedenza, ha fatto emergere - dice oggi Pagani - ulteriori problematiche o criticità di diversa natura, le quali, senza mie conclusioni, sono state sottoposte al Consiglio della Magistratura, come esplicitamente richiesto. Di questo i Procuratori erano a perfetta conoscenza».

«Non spetta a me giudicare» - Quanto ai recenti preavvisi, con le bocciature dei cinque da parte del Consiglio della Magistratura, Pagani sottolinea che «non spetta a me giudicare i pareri emessi dall'Autorità di vigilanza (CM), di cui peraltro non sono stato destinatario. Dalla mia ottica parziale (poiché non ho partecipato alle audizioni dei Procuratori dinnanzi al Consiglio della Magistratura, che ha per di più emesso i suoi preavvisi sulla scorta di elementi forniti da diversi anelli della catena penale comprese beninteso le considerazioni del Procuratore Generale), posso tuttavia anche condividere i preavvisi stessi nella sostanza, ognuno nella sua specificità. Per contro, sono rimasto sorpreso dalla durezza formale degli stessi e dai termini utilizzati».

L'auspicio - In conclusione il PG auspica che il Ministero Pubblico possa tornare a lavorare al più presto con la necessaria serenità e sottolinea come «per migliorare la vigilanza sull'operato dei Procuratori, occorra disporre di maggiori strumenti, che oggi il Procuratore Generale non ha. Io e i miei sostituti siamo disponibili a partecipare attivamente a questo processo di "riforma", nella misura in cui le Autorità competenti lo riterranno opportuno o necessari».

«Non tutti reggono il carico» - Infine, secondo Pagani, «in parte, l’attuale situazione è dipesa dal considerevole carico di lavoro, che non tutti sono sempre in grado di reggere garantendo l'imprescindibile qualità che le parti devono poter esigere nell'ambito dei procedimenti penali».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CURIO
10 min
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
27 min
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
30 min
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
1 ora
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
3 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
6 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
8 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
10 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
FOTO
CANTONE
11 ore
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
CANTONE
14 ore
«Le ragazze non sono tornate»
Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile