tio.ch/20minuti
+2
CANTONE
05.10.20 - 17:230

Sentieri flagellati dal maltempo: «Avremo lavoro fino a Natale»

Il vento ha causato danni importanti nei boschi e nei parchi del Mendrisiotto.

«Alcuni sentieri sono messi davvero male, fate attenzione e informatevi», mette in guardia il responsabile della manutenzione Federico Cattaneo.

MENDRISIO - Il maltempo della scorso weekend ha lasciato dietro di sé una scia di danni. Strade cantonali e comunali sono state ormai ripulite, ma i sentieri sono tuttora martoriati. Diversi sono inagibili, mentre per quelli percorribili la prudenza è più che mai d’obbligo. «Il consiglio è di non recarsi nei sentieri senza informarsi prima, perché sono veramente pericolanti», mette in guardia il responsabile per il Mendrisiotto della rete cantonale dei sentieri Federico Cattaneo.

Zone indifese - I danni nella regione più a sud del Cantone sono particolarmente importanti. Se il Sopraceneri è stato interessato soprattutto da abbondanti precipitazioni, il Mendrisiotto è stato colpito dal vento (vedi articoli correlati): raffiche di scirocco da nord-est che hanno raggiunto in particolare le zone non protette dalle montagne. Come il Parco della Motta (attualmente i suoi sentieri sono tutti chiusi) o la Piana del Laveggio.

Tonnellate di legno da smaltire - La caduta di piante e rami è stata quindi più marcata che altrove. Ma che fine fa tutto questo materiale? «Una parte del legname viene stoccata a lato del sentiero perché ogni albero ha un proprietario - spiega Cattaneo -. Ci sono poi situazioni pericolanti che rendono necessario l’intervento di un elicottero, che porta la pianta direttamente in discarica». Se invece il legname è ancora buono, lo si utilizza per creare scalini, passerelle, ecc. 

Mesi di lavoro in vista - Fra taglio di alberi caduti e sistemazione di sentieri smottati, per ripristinare la sicurezza su tutta la rete momò - oltre 400 km - ci vorrà un mesetto. Ma per tornare completamente alla normalità saranno necessari 3/4 mesi: «Avremo lavoro fino a Natale. Normalmente negli ultimi mesi dell’anno ci occupiamo del controllo e della ricostruzione dei manufatti come passerelle, ponti e staccionate. Cosa che quest’anno sarà difficile fare», spiega il nostro interlocutore, a capo di un selvicoltore diplomato, due apprendisti e alcuni ausiliari.

Ausiliari indispensabili - Ausiliari che provengono tramite la disoccupazione e che in questo periodo «serviranno più che mai», anche perché a causa del Covid-19 la Protezione Civile non è in grado di fornire effettivi. «Fortunatamente - conclude Cattaneo - la collaborazione con i vari Uffici tecnici è ottima».

tio.ch/20minuti
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Amalia Cereghetti 2 mesi fa su fb
Ci sono tanti disoccupati , gente in assistenza , forza lavorare !!!!!...
Giorgio Gori 2 mesi fa su fb
Prendere i falsi asilanti che popolano le strade,togliere telefonini birrette ecc...dare pale guanti per non sciupare le mani e il gioco è fatto!
Samu Samu 2 mesi fa su fb
Giorgio Gori pienamente d’accordo con lei
JoeBar Agostini 2 mesi fa su fb
Concordo
Cinto Gusme 2 mesi fa su fb
iè mia buuu de fa nient
Romy Ribi 2 mesi fa su fb
Io le farei lavorare sopratutto i giovani maschi, noi, già aiutiamo mi sembra pagando le tasse! (In risposta a Eleonora che mi ha fatto una domanda) A Tesserete e in altri posti, le prendevano assieme agli operatori comunali x spalare la neve e pulire strade e aiuole ed erano contenti di lavorare, c'era tutto un servizio anni fa.
Romy Ribi 2 mesi fa su fb
Ci sono molti giovani maschi sani e magari volenterosi nei centri asilanti, magari sarebbero disposti ad aiutare x dare loro una certa dignità e guadagnarsi "l'argent de poche"!
Giorgio Gori 2 mesi fa su fb
Magari!
Tizi Bel 2 mesi fa su fb
Romy Ribi ma figurati se questi verranno chiamati a lavorare😆.
Eleonora Gambola 2 mesi fa su fb
Romy Ribi tu invece com'è che aiuti, in questa situazione di bisogno?
Francesco Pedrazzi 2 mesi fa su fb
Paolo Bitti o alla lidl
Davide Galfetti 2 mesi fa su fb
Complimenti, generalizziamo sempre. Lungimiranza! Un problema esiste, ciò non significa che bisogna generalizzarlo. Far di tutta l'erba un fascio non serve a nulla.
Romy Ribi 2 mesi fa su fb
Paolo Bitti Non è colpa loro, è la Confederazione che le rende pigri e le illude che qui è tutto gratisI. Invece noi Svizzeri se vogliamo mangiare dobbiamo lavorare!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / BRASILE
59 min
Anziano ticinese ucciso a Fortaleza
Il pensionato, un 79enne già consigliere comunale a Caslano, si era trasferito in Brasile ormai da 16 anni.
CANTONE
3 ore
Covid, altri 219 casi e 3 decessi in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore si è reso necessario il ricovero di 34 malati. Quindici sono stati dimessi
CANTONE
5 ore
È prevista altra neve (stavolta in montagna)
Mattinata di tregua, poi nel pomeriggio arriveranno nuove precipitazioni
LUGANO
5 ore
Pubblicità dei mercatini di Lugano a Losanna in tempo di covid: arriva l'interpellanza
Demis Fumasoli interroga il Municipio: «La volontà di attirare persone da lontano è un pugno nello stomaco».
FOTO E VIDEO
CANTONE
20 ore
Disagi sulle strade e black out
Disagi in tutto il Cantone: colonne, incidenti, alberi caduti, black out e trasporto pubblico in difficoltà.
CANTONE
20 ore
La neve non ferma i radar, ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili colpiranno però solo tre distretti.
CANTONE
21 ore
Maltempo, ritardi e soppressioni di treni
Saltata la corrente alla stazione di Chiasso. Scambi bloccati a Cadenazzo e a Bellinzona
FOTO
CANTONE
23 ore
Neve, continuano i disagi nel Sottoceneri
Diverse le strade chiuse e le code. La polizia invita a limitare gli spostamenti.
LOSONE
1 gior
Limo della Silo Melezza: "Questa è ecomafia"
Un'accusa pesante, con tanto di nomi e cognomi, arriva attraverso un'interpellanza inoltrata oggi da Matteo Pronzini
CANTONE
1 gior
Mancava da oltre 150 anni, ma ora è tornato
Il Gipeto, il più grande avvoltoio delle Alpi, è tornato a nidificare su suolo ticinese.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile