tipress
CANTONE
07.10.20 - 06:020
Aggiornamento : 11:59

«Qualche italiano rischia di rimanere a casa»

Il settore della sicurezza privata è in difficoltà: e punta il dito contro il Dipartimento delle istituzioni

Permessi bloccati agli stranieri. La Polizia: «Colpa di un inghippo da parte italiana»

LUGANO - Hanno fatto la loro parte, con la pandemia. Nei supermercati ma non solo: gli agenti di sicurezza in Ticino lavorano più che mai. C'è chi si è lamentato per le condizioni di lavoro. Ma nei giorni scorsi è emerso un nuovo problema, che è arrivato fino in Parlamento

Il motivo: da alcuni mesi la professione sarebbe interdetta agli italiani. I tesserini per il porto d'armi e l'esercizio della security, rilasciati dal Servizio armi ed esplosivi della Polizia, dalla primavera non verrebbero rilasciati a frontalieri e titolari di permesso B. 

Un «nuovo grave abuso dello stato di diritto» secondo i deputati dell'Mps. In un'interrogazione hanno puntato il dito contro Gobbi, e ne accusano il Dipartimento - sulla scorta delle recenti polemiche - di una prassi ritenuta «discriminatoria» nei confronti degli stranieri. 

«Ottenere i permessi per lavorare è diventato molto più difficile negli ultimi anni» conferma un 45enne italiano con permesso B, attivo nel settore. «È un atteggiamento che dura da tempo, fatto di cavilli e tempi lunghissimi, con assurde richieste di documenti». Secondo il securino la procedura, a parità di casellario giudiziale, «per uno straniero richiede molto più tempo e ha esiti molto più incerti». Il suo caso ne sarebbe la dimostrazione. 

Ma da alcuni mesi a questa parte la situazione si sarebbe «ulteriormente aggravata». I problemi sono ammessi esplicitamente in una circolare diramata a settembre (vedi allegato) dalla Polizia cantonale a diverse agenzie di sicurezza private sul territorio. «Come sicuramente vi è noto - si legge - negli ultimi mesi il nostro ufficio non ha potuto rilasciare autorizzazioni» ai cittadini italiani «con permesso G o B residenti in Ticino da meno di cinque anni». 

La causa del diniego, secondo la circolare, è da attribuire alle autorità italiane «che non ci forniscono più le informazioni di polizia necessarie» per stabilire se gli aspiranti agenti sono "puliti" o no. Il contenuto del documento - rimbalzato sui social non senza indignazione - è confermato e ribadito dalla Polizia cantonale, contattata. 

«Al momento risulta estremamente complicato, se non praticamente impossibile per i cittadini italiani lavorare nell’ambito della sicurezza in Ticino» spiegano dal Servizio competente. «Attualmente gli attuali accordi internazionali non contemplano lo scambio di questo tipo di informazioni per procedure amministrative».

Non è questione "primanostrismo", assicura la polizia, ma di parità di trattamento. «Il principio della verifica delle banche dati di polizia vale per tutti gli istanti, siano essi cittadini svizzeri o meno. L’autorità ticinese è tenuta ad agire in questo modo, allo scopo di assicurare che solo persone senza precedenti incompatibili ricevano l’autorizzazione e, anche, a tutela della parità di trattamento nei confronti dei cittadini svizzeri, per i quali le verifiche avvengono attraverso le informazioni di polizia già in possesso del servizio. Infatti, il principio della verifica delle banche dati di polizia vale per tutti gli istanti, siano essi cittadini svizzeri o meno».

Un problema per i lavoratori, e anche per le agenzie di sicurezza. «Abbiamo richieste di permessi in sospeso da circa sei mesi» conferma Stefano Moro di Securitas. «Siamo fiduciosi che il problema verrà risolto presto, diversamente dovremmo licenziare alcune persone, a malincuore». Per Securitas si tratta di 4 collaboratori su 360. Altre aziende potrebbero avere problemi maggiori. Dalla Polizia cantonale rassicurano: «Sono in corso iniziative da parte nostra per cercare di risolvere la problematica quanto prima».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Pongo 1 mese fa su tio
"Secondo il securino la procedura, a parità di casellario giudiziale, «per uno straniero richiede molto più tempo e ha esiti molto più incerti". Cioè spiegami, dovrebbe essere il contrario?
seo56 1 mese fa su tio
Bene!!
albertolupo 1 mese fa su tio
@Alan Nessi: il documento più "complicato" previsto dalla Legge e dal suo Regolamento è l'estratto del casellario giudiziale. Avrei un qualche dubbio che gli italiani non riescano ad ottenerlo in quattro e quattr'otto... (nota: l'Italia, per l'ottenimento di determinati documenti, è molto più avanti della Svizzera e del Ticino...). Visti i "rugamenti di busecche" del nostro buon Norman, il sospetto che cerchino di ostacolare alcuni, piuttosto che altri, potrei anche averlo.
demon631 1 mese fa su tio
@albertolupo Caro Abertolupo in mio collega di lavoro ha aspetto 6 mesi per l'estratto del casellario giudiziale, in ITALIA tu che dici siete molto avanti, qui da noi lo richiedi via internet, 5 giorni ed è nelle tue mani.
Maurizio Roggero 1 mese fa su fb
E nonostante ciò i ticinesi che vogliono lavorare nel settore devono andare oltre Gottardo per trovare un posto di lavoro... 😪
roma 1 mese fa su tio
...qui da noi non si trovano i "profili" nemmeno per questo ambito lavorativo?
Manuela Belli 1 mese fa su fb
Più che giusto!
Alan Nessi 1 mese fa su fb
Non capisco lo stupore o le polemiche che ruotano attorno a questo articolo. I securini sono chiamati a svolgere anche compiti delicati o che richiedono discrezione e responsabilità . Trovo legittimo e corretto verificare che non abbiano pendenze o precedenti penali. Se poi uno stato estero non vuole fornire tali informazioni il problema è suo e la polemica deve interessare esclusivamente lui. Le autorità ticinesi stanno solo facendo il il massimo per assicurare alla collettività professionisti qualificati ed integerrimi
roma 1 mese fa su tio
...ma in Ticino è davvero così impossibile trovare "profili e risorse" anche per questo ramo professionale?
demon631 1 mese fa su tio
Sarebbe ora meno frontalieri più Ticinesi, con stipendio adeguato per vivere in Ticino, questo sistema che stiamo usando in nome del Dio soldo non va più bene è ora di cambiare diamo lavoro ai residenti e non agli stranieri, politica del ciuf non vi siete ancora accorti che i nostri giovani non tornano più dalla Svizzera interna, la li pagano bene qui fanno la fame.....sveglia tornate ai 40'000 permessi annui poi troverete anche i residenti che torneranno a lavorare per il Ticino.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Attualità
35 min
Ladri e borseggiatori non vanno in vacanza: scatta Prevena 2020
Anche quest'anno la polizia mette in guardia la popolazione in vista del periodo natalizio
CANTONE
3 ore
Ecco la conferma: è allerta neve
MeteoSvizzera dirama un avviso di "pericolo forte", con la fase più intensa prevista venerdì tra le 6 e le 18
SONDAGGIO
CANTONE
3 ore
Ecco la rivoluzione del trasporto pubblico
Mancano meno di due settimane al giorno X: il prossimo 13 dicembre sarà messo in esercizio il tunnel del Ceneri
CANTONE
5 ore
Covid, 270 casi e 8 decessi in Ticino
Sono 329 le persone ricoverate col Covid-19. Un dato in diminuzione per il quarto giorno consecutivo.
CANTONE
5 ore
Il dottor Ostinelli si difende: «Sono contro il regime di terrore e il pensiero unico»
Sull'Ordine dei Medici (che da lui aveva preso pubblicamente le distanze): «Nessuna propaganda. Disapprovo questo agire»
CANTONE
5 ore
«Quello di domani sarà un risveglio invernale»
MeteoSvizzera preannuncia un'allerta meteo di grado 4. La conferma attesa in mattinata
CANTONE
8 ore
Aumenta la disoccupazione, ma anche i permessi G: «Ecco perché»
Il sindacalista Gargantini spiega il meccanismo morboso messo in atto: «Si prendono tre precari al posto di uno fisso»
ORSELINA
9 ore
Quando Maradona chiese di curarsi in Ticino
Il fatto risale al primo lustro degli anni 2000. Il ricordo di Claudio Filliger, ex direttore della Clinica Varini.
CANTONE
19 ore
I consigli della Polizia fanno arrabbiare le femministe
Il collettivo "Io l'8 ogni giorno" punta il dito contro un vademecum anti-aggressione, e chiede di rimuoverlo
BELLINZONA
19 ore
I giovani ne hanno combinate (anche con il Covid)
Furti, incendi, reati sui social, assembramenti. Il punto con il Magistrato dei minorenni
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile