Glamilla
Da sinistra Nic (31), Lisa (23) e Max (23)
CANTONE
05.10.20 - 06:350
Aggiornamento : 11:09

Fra gli artisti che non amano i social anche un gruppo ticinese

Nell'era di Facebook, quasi tutti gli artisti usano internet per farsi conoscere. C'è però qualcuno che si rifiuta.

«Preferiamo un confronto diretto con le persone».

LUGANO - Nel mondo 2,4 miliardi di persone consultano quotidianamente Facebook. Un miliardo quelli che invece navigano su Instagram. Una comunità che è sempre più in crescita, quella dei social network. Poi ci sono coloro che non sono interessati ad avere un profilo. Scelta personale, ma quando questa decisione viene presa da un gruppo musicale ci si chiede perché, dato che per la maggior parte degli artisti i social sono una vetrina verso il mondo. Non è così per Max (23), Nic (31) e Lisa (23), tre giovani luganesi che insieme hanno fondato il gruppo musicale “Deep Arte”. La loro è una band “classica”, niente social, un EP in costruzione e poi i live, Covid permettendo.

Perché avete deciso di non usare i social per la promozione?
Lisa: «Preferiamo un confronto con persone con cui possiamo avere un contatto diretto. Siamo consapevoli che i social rappresentino un valido supporto per farsi conoscere, ma sono qualcosa da gestire costantemente, devi pubblicare in continuazione dei contenuti. Si rischia di diventare succubi dei fan. Il nostro scopo non è quello di diventare famosi, lo facciamo perché piace a noi».

Pensate che i social siano troppo improntati sull’apparenza?
Lisa: «La pagina di un social tende a dire tutto e subito. Facilmente ci si crea un’immagine del gruppo basata sulla foto profilo, senza nemmeno aver ascoltato la loro musica. Trovo che sia un peccato perché non tutti hanno gli strumenti per creare contenuti online di qualità, o più semplicemente il focus è sulla creazione musicale».

Quanto è importante per voi il parere del pubblico?
Nic: «L’opinione degli altri fa parte della socialità. Da un lato c’è il desiderio di trasmettere ad altri le proprie creazioni, dall’altro quello di avere una visione meno di parte».

Gioco di parole con il vostro nome giusto?
Nic: «Esatto. L’idea ci è venuta per caso. Uno di noi un giorno ha detto: “Questo pezzo mi piace, ma io sono di parte”. E da lì è nato il gioco di parole con “deep” (profondo), che suona bene e fa molto introspezione e arte che è quello che facciamo».

Per farvi conoscere dunque vi affidate alle serate nei locali. In Ticino ce ne sono abbastanza?
Max: «Una decina a dir tanto e la maggior parte sono dei posti piccoli e non sempre attrezzatissimi. Fino a qualche anno fa c’era Palco ai giovani, un ottimo modo per farsi conoscere, ottenere serate nei locali e fare qualche intervista».

Non solo live, ma anche un EP in costruzione. 
Nic: «Solitamente per presentarti in un locale devi fare sentire la tua musica agli organizzatori. Nel nostro caso la preparazione dell’EP è anche un modo per esercitarsi in modo da non dover fare troppe prove prima delle serate. Questa necessità è nata dal fatto che gli altri due membri del gruppo Gianni, il sassofonista di 27 anni, e Raffaele, il chitarrista di 23, vivono in altre parti della Svizzera e non riusciamo a incontrarci spesso».

Come vi finanziate?
Nic: «Per il disco con la band precedente avevamo avviato un finanziamento collettivo con un'azione di crowdfunding. Questa volta contiamo principalmente sulle nostre forze beneficiando dell’aiuto della Legge Giovani. Uno strumento molto importante perché permette a chiunque di creare qualcosa anche solo per il piacere di farlo. Tutti ne sono in grado».  

La ricetta per essere soddisfatti della propria arte?
Lisa: «La voglia di fare musica, un programma, un po’ di pazienza e saper prendere le cose non troppo sul serio. Perché essendo in tanti a volte si discute, ma è un processo necessario dal quale spesso scaturiscono le idee migliori».

Vivere senza Facebook, la lezione delle star - Più di 2.7 miliardi di utenti attivi al mese, 1,79 miliardi di persone si collegano ogni giorno, terzo sito web più visitato. Questi i numeri di Facebook, che salgono se si tengono conto anche gli altri social media acquisiti dal gigante di Zuckerberg. Infatti sono più di 3,14 miliardi le persone che usano attivamente Facebook, Instagram, WhatsApp o Messenger ogni mese. Con questi numeri i social media danno potenzialmente la possibilità di farsi conoscere da mezzo mondo. Questo l'hanno capito i numerosi influencer e artisti che pubblicano giornalmente contenuti pubblicitari. Ma c'è chi non sta al gioco. Una su tutte è Maria De Filippi. La "Sanguinaria" chiamata così perché miete successi spazzando la concorrenza ha avuto in passato un account social, ma non lo aggiorna da anni. George Clooney detesta Instagram. Niente social per Daniel Radcliffe: l'ex maghetto ha dichiarato di aver fatto questa scelta per proteggere il più possibile la sua privacy.

Glamilla
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CURIO
55 min
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
1 ora
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
1 ora
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
2 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
4 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
7 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
8 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
11 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
FOTO
CANTONE
12 ore
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
CANTONE
15 ore
«Le ragazze non sono tornate»
Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile