Polizia Malcantone Ovest
CANTONE
24.09.20 - 18:360

Controlli "fantasma" di polizia, Magliaso non ci sta

Prosegue la diatriba tra Caslano e Magliaso sui pattugliamenti della Polizia Malcantone Ovest

Il fulcro della questione, secondo il Municipio di Magliaso, non è relativo a un paio di controlli, bensì al disservizio in generale

MAGLIASO - Non si placa la discussione attorno alla Polizia Malcantone Ovest (M.O.), i cui agenti sono inizialmente stati accusati dal Comune di Magliaso di notificare pattugliamenti mai fatti.

In seguito, ricordiamo, i poliziotti sono invece stati scagionati dal Municipio di Caslano, che ha dichiarato le accuse, dopo le verifiche del Comandante, «infondate».

Il Municipio di Magliaso però non ci sta, e ha pubblicato in data odierna un altro comunicato per «chiarire alcuni aspetti» sul disservizio da parte della M.O. 

Prima di tutto, Magliaso ci tiene a chiarire che non ha «fin da subito» avuto nulla in contrario alla pubblicazione del comunicato per il rinnovo della fiducia alla M.O.. «Tuttavia», si legge poi nella nota, non si può condividere l’asserzione «che il Comandante della M.O.» abbia «accertato che le accuse di Magliaso sui cosiddetti “controlli fantasma” siano infondate».

Infatti, il Municipio di Magliaso dubita delle prove, che non sono mai state presentate in sede commissionale, e ribadisce che le accuse sono confermate sulla base di «oggettivi riscontri, verificati con scienza e coscienza da parte di un collaboratore, al quale va tutta la fiducia e la credibilità dell’Esecutivo», viene dichiarato.

Magliaso spiega inoltre che non è una questione relativa ad alcuni controlli in particolare, ma che nel rispetto dei cittadini sia giusto «pretendere un servizio di polizia, sul proprio territorio, degno di tale nome» dice la nota, ammettendo che le difficoltà possano essere dovute al sottostrutturamento dell'effettivo, mai arrivato al «numero ottimale di 12 agenti».

La critica si allarga poi al fatto che «per ottenere determinati servizi o controlli si debba costantemente farne richiesta» tuona il comunicato, «e appena si allenta un po’ la pressione sul Comando, ecco che il servizio diventa, pian piano ma con certezza, un disservizio».

In conclusione, da parte di Magliaso, una domanda di fondo: «Perché in questi primi cinque anni di vita della M.O. vi sono stati diversi cambi di effettivi, con la perdita anche di validi agenti, e quando se ne cercano di nuovi pubblicando i relativi concorsi, questi sono spesso quasi disertati e i pochi partecipanti non hanno i requisiti richiesti? È un problema di tutte le polizie di prossimità o tocca solo la M.O.?» si chiede il Municipio, che, ironicamente, conclude: «Ai posteri l’ardua sentenza».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
cle72 4 sett fa su tio
Ho abitato per anni ad Agno ai tempi la polizia ci correva dietro per i motorini truccati... Beh ci siamo divertiti ricordo che per non essere controllati una sera abbiamo messo i motorini in casa di un amico e quando dico casa nel corridoio d entrata dopo essere stati inseguiti. Non hanno potuto fare nulla una volta arrivati sull uscio di casa. Bei tempi perché nonostante queste nostre blagonate c'era rispetto. Ora da qualche anno si leggono spesso problemi per la polizia del malcantone. Forse che gli agenti di oggi non sono più all'altezza? Una volta in divisa pensano siano intoccabili? Il dubbio cresce... Concordo con il municipio di Magliaso...
don lurio 1 mese fa su tio
Controlli fantasma bene speriamo che gli utenti rispettano la legge : scusate c'è bisogno della polizia per far rispettare la legge . Tutti i cittadini sanno che esistono le leggi e che sono da rispettare .Se le persone subiscono delle multe non è colpa del Municipio polizia ausiliario.
HSF 1 mese fa su tio
È evidente che non sai come funziona il sistema. Le multe (di posteggio ad esempio) ci sono lo stesso perché vengono fatte dall'ausiliario di polizia e non dalla Polizia Malcantone Ovest. Gli incassi poi vanno comunque solo in parte ai comuni convenzionati, una parte va comunque alla Polizia.
lo spiaggiato 1 mese fa su tio
E di che si lamentano?... se la polizia non passa hai meno rottura ai sferoidi alla popolazione... o forse é la mancanza di entrate delle multe che preoccupa il municipio di Magliaso?... :-/
albertolupo 1 mese fa su tio
@lo spiaggiato Si lamentano perché ogni Comune paga per la polizia. Cosa che in genere è vissuta male di suo, da molti municipi e consigli comunali, magari già contrari alle polizie regionali. Se poi hanno l’impressione di pagare per un servizio non fornito, allora succede questo, indipendentemente dalle multe date o no.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
5 ore
Coronavirus e Gran Consiglio: è un grattacapo
Nonostante il protocollo e le rigide misure sanitarie, si valuta nuovamente un cambiamento di sede
CANTONE
6 ore
Ecco l'ora solare: stanotte "si dorme di più"
Le lancette vanno riportate indietro di un'ora
CANTONE
12 ore
Una parentesi di sole prima di pioggia e neve
Al weekend di bel tempo farà seguito un inizio di settimana contraddistinto dalle precipitazioni.
LUGANO
12 ore
Permessi al Planet: scatta l'interpellanza
Giovanni Albertini e Sara Beretta Piccoli interrogano il Municipio in merito all'apertura della struttura di Pazzallo.
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
14 ore
Cede il terreno sotto i binari: disagi, ma danni limitati
Dopo qualche ora, le FFS hanno ripristinato la linea ferroviaria tra Cadenazzo e Locarno.
CANTONE
17 ore
Dieci ricoveri, un decesso e altri 257 contagi
Negli ospedali ticinesi ci sono 62 persone positive al coronavirus.
FOTO
RIVIERA
19 ore
Esce di strada e finisce contro i ripari fonici della ferrovia
L'incidente della circolazione ha avuto luogo questa notte all'incrocio fra via Traversa e via Cantonale.
CANTONE
1 gior
Un deputato positivo, ma il Gran Consiglio non va in quarantena
Il rispetto delle misure anti-contagio non rende necessario il provvedimento
CANTONE
1 gior
«Il mini lockdown non serve»
L'esperto in malattie infettive Christian Garzoni si appella per l'ennesima volta alla responsabilità dei cittadini
CANTONE
1 gior
Una classe in quarantena alla Scuola Media di Viganello
Lo comunicano il DSS e il DECS in un comunicato congiunto
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile