Keystone
CANTONE
24.09.20 - 17:200
Aggiornamento : 25.09.20 - 11:34

Il "gratta", il "pesa" e il "prova"

In Ticino il bosco virtuale più affollato si trova in un gruppo su Facebook

Che ora, un po' vittima della propria popolarità, ha bandito i commenti diventati negli ultimi tempi sempre più "tossici"

LUGANO - È il bosco virtuale più affollato del cantone. Quando cinque anni fa ha aperto su Facebook il gruppo “Cercatori di funghi in Ticino”, Franco Ciccone non poteva immaginare che il suo quasi quarantennale hobby avrebbe attirato sulla sua pagina web migliaia di appassionati. Chi più, chi meno, tutti smaniosi di scambiarsi dritte e fotografie sui primi avvistamenti stagionali di porcini, spugnole e gallinacci, ma anche di esibire il bottino più ricco o di rivelare la ricetta segreta più adatta alla tal specie.

Più 700 membri a settembre - Questi erano i suoi intenti iniziali. Perché poi la community fungina è cresciuta a dismisura, in modo esponenziale nell’ultimo mese: «Siamo quasi 4.700 membri. Nei primi tempi il gruppo aumentava molto lentamente, al ritmo di un migliaio all’anno. Ma dal 30 agosto ad oggi c’è stata una vera e propria esplosione con 700 nuove adesioni» racconta lo stesso Ciccone. Il motivo? «Credo sia il passaparola tra fungiatt. È un comodo termometro per capire se ci sono funghi oppure no». 

Troppe tossine nei post - E con la popolarità sono arrivati veleni e tossine che manco una falloide. Tanto da spingere l’amministratore a introdurre l’altro giorno precise regole di condotta. Pena l’espulsione dal gruppo. «Ultimamente erano cresciuti a dismisura i post aggressivi e la tendenza a litigare per e su tutto. Il massimo, forse, si è avuto l’altro giorno quando qualcuno ha scritto che sulla pagina certi cognomi stranieri erano fuori posto. Sono intervenuto contro il messaggio razzista perché questo è un gruppo per i cercatori di funghi in Ticino e non del Ticino».

Il “gratta” - Questa la goccia. Perché poi, al limite, è anche “istruttivo” aggirarsi tra fotografie e commenti per osservare fino a che eccessi possa condurre la ricerca delle pregiate muffe. E allora scopri che gli integralisti della cappella bruna alla fine si possono accorpare in poche, spesso brontolanti, specie. C’è il maniaco della pulizia, severo censore di chi non gratta o spazzola, fino all’ultimo granellino, il terriccio dal gambo del fungo. Perché, sentenziano con un fondo di ragione, la vera pulizia si fa nel bosco. Ma poi c’è modo nel rimprovero. Abbiamo letto un post che accusava di sporcizia il responsabile di un raccolto che la metà era terra: «Si rispetta il bosco bru-bru d’un bru-bru». 

Il “pesafumo” - C’è chi pesa il raccolto a vista, come neanche una guardia di confine saprebbe fare. Guai condividere la foto di una tavolata ricolma di porcini, inevitabilmente spunta l’uomo bilancia: «Ma lo sai che in Ticino non si possono raccogliere più di 3 kg per persona? Badino!». Anche l’autodifesa ha quasi sempre il sapore della scusa: «Eravamo in cinque nel bosco». «Siamo in baita da un mese». «Sono 5,2 chili per 1,76 fungiatt». 

Lo “stragista” - C’è chi, anche qui con più di un grammo di ragione, non può vedere le foto di cestini traboccanti di boleti grandi come una nocciola. Davanti a simile strage degli innocenti trovi il veterano che critica con garbo l’esposizione del «cimitero di baby porcini», e quello più nervoso che sbotta: «Maledetti! Nessun rispetto per il bosco. Foto da galera!».  

Lo “assaggiatore” - Ma la specie più problematica di tutti è il novizio. Quello che posta la foto di fungo rosso con i puntini bianchi e chiede candidamente: «Ma si può mangiare?». La cronaca recente mette in guardia.

«La commestibilità? Lasciamo fare all'esperto»
È soprattutto per disinnescare i rischi delle identificazioni a vista da parte dei sedicenti esperti che l’amministratore del gruppo, oltre al bando dei post aggressivi o peggio razzisti, ha appena introdotto una nuova regola. «Sarà consentito dare indicazioni sulla commestibilità soltanto ai micologi riconosciuti. Tutti gli altri membri dovranno limitarsi a dire di che specie si tratta, ma sarà bandito chi fornirà pareri sul consumo di un fungo in base alla foto» sottolinea Franco Ciccone. 

Forte anche di un successo che si misura con le migliaia di iscritti, il creatore del gruppo può ora contare sul supporto di un moderatore e per l’identificazione di almeno un controllore della Vapko (Associazione svizzera degli organi ufficiali di controllo dei funghi). A condizione che vengano postate almeno tre foto chiare del miceto. «Fermo restando che per molti funghi il riconoscimento si fa dal vivo» sottolinea Ciccone. 

Questo per rendere migliore il bosco virtuale, per quello reale è tutto più complicato. Anche se l’appassionato cercatore qualche suggerimento lo dà: «Un patentino sarebbe efficace contro l’incredibile affollamento nei boschi. Nel weekend, in molte zone del Ticino, è quasi impossibile parcheggiare l’auto. E poi i controlli sui chili raccolti. Da noi, a differenza che nei Grigioni, non se ne fanno abbastanza». 

 

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
miba 1 mese fa su tio
....e la stupidaggine corre sul web..... :):):)
Bandito976 1 mese fa su tio
@miba Ma i turisti del fungo lasciano qualche euro al Ticino?
miba 1 mese fa su tio
@Bandito976 Non lo so e non è questo il punto. Il punto è che qualche esaltato nostrano ne fa un dramma nel libro dei fessi, alias fèssbook. Ammetto comunque che in determinati casi hanno un comportamento inaccettabile ma forse che tutti i Ticinesi che si recano in Italia hanno un comportamento accettabile?? Suvvia, facciamo i seri...
Frankeat 1 mese fa su tio
@Bandito976 Ma se anche non lo facessero?
lo spiaggiato 1 mese fa su tio
Un mondo difficile...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
4 ore
Cucina in fiamme a Viganello
È accaduto questa sera in via Pedemonte. Pompieri e polizia sul posto
CANTONE
5 ore
«Perché noi no, e i bordelli sì?»
Locali a luci rosse di nuovo aperti in Ticino. Decisive le scelte federali. E ora c'è chi è furioso.
CANTONE
6 ore
«Non mi dimentico dei nervi della gente»
Il Covid-19 ci sta mettendo a dura prova. L'appello di Raffaele De Rosa, direttore del DSS: «Teniamo duro».
CANTONE
8 ore
Don Guanella, due focolai: 89 positivi
Le strutture colpite sono quelle di Maggia e Castel San Pietro. Contagiati 44 ospiti e 45 collaboratori. Sette i decessi
CANTONE
9 ore
Nessuna vacanza per i radar
L'elenco dei rilevamenti della velocità previsti durante la prossima settimana
BRISSAGO
9 ore
Sette positivi alla Clinica Hildebrand
Uno di questi si trova in isolamento. Gi altri sono stati trasferiti alla Carità.
CANTONE
10 ore
Halloween e vacanze scolastiche: ma attenti, il virus non se n'è andato
Il Governo invita la popolazione a rispettare le disposizioni anti-Covid. E i locali erotici possono riaprire
BELLINZONA
10 ore
«Ben 20'000 franchi di danni e non si scusano»
Ritrovate le persone a bordo dell'auto in fuga che nella notte tra sabato e domenica aveva causato un incidente.
CANTONE
10 ore
Il coronavirus annulla Espoprofessioni
La quattordicesima edizione dell'evento avrebbe dovuto avere luogo il prossimo marzo 2021
NOVAZZANO / CHIASSO
14 ore
Due “strane scoperte" in dogana
700 litri di olio non dichiarato a Ponte Faloppia. Armi e documenti contraffatti a Brogeda
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile