«Ho ritrovato la maga dispersa dal 1904»
tio/20min/DG
MERCATO LUGANO
30.10.20 - 07:120

«Ho ritrovato la maga dispersa dal 1904»

Massimo Riganti è un punto di riferimento in Ticino per gli amanti della pittura dell'ottocento.

Ma la sua è anche una passione, che negli anni l'ha portato a collezionare numerosi quadri e che gli ha riservato sorprese non sempre piacevoli.

LUGANO - Il mondo dell’antiquariato è in grado di affascinare anche chi vi gravita attorno per caso. Così è stato, ad esempio, per Massimo Riganti, oggi esperto di dipinti dell’800 e punto di riferimento per gli amanti della pittura in quel del mercatino del sabato a Lugano.  La sua passione è maturata, infatti, lavorando come tappezziere e decoratore presso un grosso antiquario del Varesotto: «Così ho iniziato a frequentare l’ambiente e chi lo bazzicava». 

L'approdo ai dipinti - Riganti si evolve, professionalmente, portando avanti l’attività di decoratore d'interni. «Mi sono sempre occupato di arredamento. Avevo una ditta a Chiasso. Ho iniziato così a frequentare i mercatini alla ricerca di mobili da vendere ai miei clienti. Di fatto, quando mi chiedevano di arredare un'abitazione non cercavano solo mobili, ma anche dipinti. È così che ho cominciato a trattare l’articolo e così è iniziata la mia passione per la pittura dell’ottocento. Da visitatore del mercato, gradualmente, sono poi passato dall’altra parte del banco, inizialmente due o tre volte l’anno, spinto da amici».

Il pensionamento e il mercatino - Con il pensionamento, Riganti decide di chiudere l’attività e di dedicarsi al suo hobby: «I miei figli hanno scelto altre strade. Senza nessuno che avrebbe preso il mio posto in ditta, ho chiuso. Ma avevo bisogno di un passatempo. Che magari coprisse i costi della mia passione». 

Colpi di fortuna, ma non solo - Una passione che nel corso degli anni ha portato tante soddisfazioni: «Ho pubblicato due libri e una brochure. E per le mani mi sono passati anche pezzi di valore. Alcuni acquistati come “croste”. Ricordo un’occasione in cui presi da un amico un quadro solo per la cornice. Il dipinto era tutto sporco, irriconoscibile. Rimettendolo a posto è venuto fuori che era un’opera di Giuseppe Miti Zanetti. Un importante pittore e incisore. E aveva anche un certo valore». 

Ovviamente non sono mancate le “sole”. Quadri acquistati a prezzi importati rivelatisi falsi. «È un’attività che comporta del rischio - spiega il collezionista -. Soprattutto quando tratti una materia che non ti appartiene appieno».

Come molti suoi colleghi, Riganti non può più fare a meno di questa passione: «Sono collezionista, lo faccio per piacere. Sono circondato da quadri e l’attività che continuo a portare avanti serve anche per mantenere vivo questo fuoco. Non sono ricco, mantengo una vita non dispendiosa, dire pure modesta. Ma non voglio rinunciare a ciò che amo».

Le soddisfazioni - In 35 anni di amore per la pittura, Riganti si è tolto anche qualche soddisfazione: «C’era un pannello decorativo che risultava disperso dal 1904: la quarta maga di Adolfo Feragutti Visconti. Io l’ho ritrovato e adesso è riportato su tutti i libri di pittura ticinese, con il mio nome ovviamente».

tio/20min/DG
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
BREGGIA
6 ore
Gli alberi stanno tornando in piazza
Le piante erano state rimosse lo scorso marzo per i lavori di valorizzazione a Cabbio
MENDRISIO
8 ore
Si getta ancora la spugna, niente Fiera di San Martino
La tradizionale fiera di novembre non avrà luogo per il secondo anno di fila: «Decisione sofferta, ma obbligata»
LUGANO
9 ore
Oltre 7'200 veicoli controllati durante "Bimbi sicuri"
La maggioranza degli utenti della strada si comporta con prudenza, ma c'è qualche eccezione...
LUGANO
12 ore
Arresto "da film" sul lungolago: erano due truffatori
Le due persone fermate giovedì scorso sono sospettate di aver tentato una truffa di tipo "rip-deal".
CANTONE
14 ore
Un weekend con 38 contagi
Le strutture sanitarie accolgono 18 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
15 ore
Smaltire i rifiuti costerà meno
Dal primo gennaio 2022 il Cantone ha previsto una riduzione di dieci franchi per ogni tonnellata smaltita dai Comuni.
LUGANO
18 ore
Sempre più studenti ammassati sui bus
Grossi problemi su alcune linee. In particolare al mattino tra le 7.30 e le 8.15. La TPL cerca di correre ai ripari.
FOTO
CANTONE
18 ore
Fare del tempo libero un lavoro: alla Supsi si può
Il Bachelor in Leisure Management è un unicum in Svizzera. Ne abbiamo parlato con il responsabile Alessandro Siviero.
AUSTRIA
1 gior
Il vetraio Luca si porta a casa il bronzo
Una competizione memorabile per la Nazionale Svizzera delle professioni, che ha ottenuto 14 medaglie
CANTONE
1 gior
«C'è chi ha chiesto di entrare senza certificato, né mascherina»
Alle lamentele di alcuni familiari, che segnalano incongruenze nelle nuove normative, risponde il direttore di LIS.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile