Tipress (archivio)
CANTONE / SVIZZEA
17.09.20 - 09:490

«Il 71% dei ticinesi teme un aumento dei premi»

Un sondaggio di bonus.ch mette in risalto i timori degli assicurati svizzeri.

In Romandia l'aumento è temuto dal 79% degli intervistati, mentre nella Svizzera tedesca solo una persona su due si dice preoccupata. Il portale però rassicura: «L'aumento sarà contenuto tra lo 0.5% e l'1.5%».

BERNA - Mentre si avvicina l'annuncio ufficiale dei premi malattia per il 2021, quasi tre quarti dei ticinesi dichiarano di temere un aumento dei premi a causa dell'epidemia di coronavirus. Ad avere lo stesso timore sono il 79% dei romandi e il 48% degli svizzeri tedeschi. È quanto emerge da un sondaggio realizzato dal portale di raffronto online bonus.ch.

Prendendo in considerazione la Svizzera senza distinzione tra regioni linguistiche, circa il 64% degli assicurati teme un aumento dei premi nel 2021 a seguito della pandemia di Covid-19. Tra una regione linguistica e l'altra, le differenze sono notevoli: mentre romandi e ticinesi sono più timorosi, gli svizzero-tedeschi non vogliono preoccuparsi oltremodo riguardo all'impatto del coronavirus sui premi dell'assicurazione malattia del 2021. Date le particolari circostanze in cui si trova in questo momento il Paese, bonus.ch prevede un aumento dei premi compreso tra lo 0.5% e l'1.5%.

Le persone interrogate hanno anche potuto esprimere la loro opinione sul modello assicurativo della telemedicina, molto richiesto durante il periodo del semi-confinamento. Alla domanda se la crisi sanitaria abbia fatto loro riconsiderare questo modello, i risultati sono a dir poco contrastanti: il 5% dice di aver stipulato o di voler stipulare una polizza con telemedicina, mentre l'11,3% vi si interessa più seriamente. Il 36,6%, invece, non vede in questo modello alcun interesse.

Dal sondaggio risulta pure che nel 2020 oltre il 90% degli intervistati è rimasto fedele alla propria assicurazione malattia. Una proporzione elevata, che si spiega in parte con un rialzo dei premi piuttosto debole (0,2%). A metà agosto, quando ai partecipanti è stato chiesto se avessero intenzione o meno di cambiare per il 2021, l'aumento dei premi era stimato tra l'1 e il 2%. Risultati: in base a questa tendenza, oltre la metà dei partecipanti al sondaggio (57%) ha dichiarato di non avere intenzione di cambiare compagnia. Solo il 17,1% ha invece indicato che prenderà in considerazione un cambio di assicuratore, mentre il resto non ha opinioni in merito.

L'indagine è stata effettuata nel mese di agosto su un campione 1'400 persone provenienti da tutte le regioni linguistiche che dovevano valutare il loro assicuratore sui punti seguenti: aumento dei premi, chiarezza delle informazioni fornite dalla cassa malati, gestione delle prestazioni e servizio clienti. Le risposte sono state convertite in un punteggio su una scala di valutazione crescente, da 1 a 6, indica bonus.ch in una nota odierna.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 1 anno fa su tio
Anche se aumentano e sempre un bene per la nostra salute. Inoltre ci sono diversi che non pagano la cassa-malati...ah... ha....
Lore62 1 anno fa su tio
@don lurio Ancora qualche annetto di aumenti gratuiti, poi quando consegni lo stipendio a fine del mese direttamente alle casse malati, voglio vedere come la pensi... XD
Tato50 1 anno fa su tio
@Lore62 Lore, ci vuole serenità e pazienza. Quando ci suoneranno " con te partiroooo le casse malati mai più pagheroooo ". Io sono magari in dirittura d'arrivo se settimana prossima chi di dovere si riunirà per decidere quale futuro avrò;-)) Ma non me ne frega un accidenti qualsiasi sia il verdetto; quattro li ho fregati, spero, se sarà il caso, di fare altrettanto con il quinto; non per me, ma per chi resta ;-))
gluvi 1 anno fa su tio
Dovevano votare si Mo sono c....i
Libero pensatore 1 anno fa su tio
Per me gli aumenti dei premi ormai sono la regola. Non resterò sorpreso da nulla, d’altronde è il popolo, a più riprese, che ha ribadito con larghe maggioranza che questo sistema va bene. Ai miei tempi si diceva: “hai voluto la bicicletta? Adesso pedala!”
Tato50 1 anno fa su tio
@Libero pensatore Bravo; specialisti in autolesionismo quindi pagare ( compresi chi era per il cambiamento) -;((
tazmaniac 1 anno fa su tio
@Libero pensatore Migros abbassa i prezzi, guarda caso, grazie alla forte concorrenza di Lidl e Aldi, Coop fa altrettanto...Swisscom idem. Le ferrovie continuano indisturbate ad aumentare i prezzi... Per fortuna non si è votato per una CM unica, altrimenti oggi con questo andazzo l'85% degli svizzeri non potrebbe già più far fronte ai premi mensili.
Libero pensatore 1 anno fa su tio
@tazmaniac Spiegami qual’è la CM che fa le veci di lidl o Aldi ? Non esiste, ed è per questo che il meccanismo della concorrenza, che io concepisco e gradisco, nel caso della salute non funziona. La salute è un bene pubblico e come tale dovrebbe essere gestito dall’ente pubblico e finanziato con le imposte. Esattamente come la scuola, la sicurezza e via discorrendo. Si lasci ai privati tutto ciò che non rientra nel pacchetto base, questo ok, ma il resto no. Il modello della concorrenza non funziona, è inutile portare avanti teorie quando i dati di fatto forniscono risultati in netta contrapposizione con quello che prevede la teoria.
tazmaniac 1 anno fa su tio
@Libero pensatore tutte quelle esistenti ne fanno le veci. Sulla salute sono d'accordo con te, ma onestamente, se guardo in Svizzera le ditte che hanno il monopolio di qualcosa, non riesco a trovarne una che abbia contenuto o cerchi di contenere gli aumenti dei prezzi nel corso degli anni, anzi. La CM unica potrebbe essere la soluzione solo se gestita in modo ineccepibile e senza il minimo pensiero di scopo di lucro. Ma dal mio punto di vista, covid a parte, i risparmi andrebbero fatti da altre parti: - fatture dei medici vergognose, al limite dell'usuraio - prezzi dei medicamenti in Svizzera fuori da ogni logica - utilizzo fuori controllo delle prestazioni CM da parte di tantissimi pazienti
Libero pensatore 1 anno fa su tio
@tazmaniac Non credo che sia così, nel senso che alla fine le CM praticano prezzi simili se vengono valutati su un orizzonte temporale medio. Di fatto la concorrenza non esiste. Per quanto riguarda i prezzi delle prestazioni concordo con te, sono molto elevati. Uno dei motivi è proprio legato al fatto che le prestazioni di molti professionisti e molti farmaci vengono pagati dalle CM. È noto che quando è un’assicurazione a pagare, i costi lievitano perché colui che beneficia della prestazione non si preoccupa del sui costi, perché lo stesso è sostenuto da terzi. Non a casa i prezzi di occhiali, lenti e i servizi degli ottici non sono aumentati, anzi. Idem per i dentisti. Ci sono due cose che potemmo fare per contenere i premi, responsabilozzamdo il paziente sul tema dei costi: 1. Aumento della franchigia 2. Riduzione delle prestazioni assicurate e/o limitazione del rimborso sul Prezzo di farmaci (si rimborsa il prezzo del generico e basta ad esempio) Per coloro che non hanno mezzi finanziari dovrebbe essere il cantone a pagare fino al raggiungimento della franchigia.
Maxy70 1 anno fa su tio
"Il 71% dei ticinesi teme un aumento dei premi"... Timore sicuramente giustificato. Non penserete che il COVID sia gratuito! Ovviamente, per cercare almeno di limitare i costi sanitari, visto che i richiami alla responsabilità e solidarietà restano lettera morta, si cerchi almeno di rispettare le misure di protezione (mascherina, distanziamento). Invece no, felicemente ammucchiati come caproni, nei mezzi pubblici senza mascherina. E vai!
Frankeat 1 anno fa su tio
@Maxy70 Non so dove vivi e quali mezzi pubblici prendi, ma su tutti quelli che uso sono, non ho mai visto neanche una persona senza.
KilBill65 1 anno fa su tio
La cassa malati sta diventando un lusso, che a lungo andare con questi aumenti non potremmo piu' permetterci…..Solo i ricchi potranno pagare….Perche' e' cosi che andra'!!! Ci sono famiglie in Ticino che pagano 2 affitti, uno e' quello di casa l'altro e' la cassa malati….Quindi, se la nostra politica non si da una svegliata si troveranno dei grossi problemi di liquidita' per tappare i buchi delle casse!!!!…….
lollo68 1 anno fa su tio
@KilBill65 Purtroppo è un lusso che non possiamo decidere di non pagare. La spesa maggiore per la nostra famiglia sono i premi della cassa malati poi seguono gli interessi ipotecari. Per non dare i sussidi nel calcolo ti aggiungono tutto il valore locativo, ma deducono al massimo CHF 4'000 per gli interessi ipotecari!
Tato50 1 anno fa su tio
@lollo68 D'accordo sul valore locativo, ma gli interessi ipotecari non hanno un tetto di 4000 franchi ( a meno che ne paghi 3800 all'anno ). Io se ne ho sull'arco di un anno 8'000 li deduco e vengono accettati. Ora stanno studiando di togliere il valore locativo, che in pratica è l'affitto che pagheresti in casa tua e quindi una porcata. Però andranno da una porcata all'altra, perché non potrai più dedurre gli interessi ipotecari e le spese di manutenzione. Quindi ci fregano in entrambi i casi ;-(((
Marta 1 anno fa su tio
..un vero tormentone questa supertassa!! ..ma i socialisti dove sono??
Frankeat 1 anno fa su tio
@Marta Saranno nei CdA delle CM
Heinz 1 anno fa su tio
Nady RD ti sconsiglio fortemente di non pagare, entri in un mondo di rogne, ti pignorano Conti o beni e finisci negli elenchi dei cattivi pagatori. Lascia stare...
Heinz 1 anno fa su tio
L'unica buona notizia é che il 29% della popolazione é sufficientemente ricca da fregarsene degli aumenti imposti dalle lobby delle assicurazioni. Il lato tragico é che questo salassi sono perfettamente legali...
yvan 1 anno fa su tio
Non dovrebbero temerlo, E' UNA CERTEZZA!!!
Busca 1 anno fa su tio
Perfettamente d'accordo. Altro aspetto: le casse hanno riserve abbondanti per situazioni straordinarie. Se non per l'eccezionalità degli anni 2020 e 2021, allora a cosa servono?
Wunder-Baum 1 anno fa su tio
@Busca Fatture nel tritacarta, ma tutti pero !
miba 1 anno fa su tio
Scusate la franchezza e se magari posso apparire antipatico.... Avete paura per un possibile aumento dei premi 2021? Solo colpa vostra! Avevate l'opportunità di poter cambiare qualcosa con la votazione e sulla cassa malati unica ma purtroppo vi siete fatti abbindolare da chi ha interessi miliardari in gioco e l'avete respinta. Con tale decisione avete legittimato gli ad si ci oratori malattia a fare il bello ed il brutto tempo e quindi ora "ciapa sü e porta a ca". Doveva te riflettere meglio prima
GI 1 anno fa su tio
se in così tanti lo temono.....di certo non potrà che esserci....tanto l'assicurazione è OBBLIGATORIA....
Lokal1 1 anno fa su tio
Non dobbiamo avere paura! Avere paura significa sperare ancora che per una sola volta non aumenta il premio scassamalati! e quando mai è successo?
seo56 1 anno fa su tio
Teme? Siate realisti, ci sarà una bella e inevitabile stangata.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
«Come pensare che un carcere minorile possa essere educativo?»
I contrari al progetto di un centro educativo chiuso escono allo scoperto
CANTONE
2 ore
Cassis presidente, festa annullata
La cerimonia a Bellinzona verrà rimandata «causa Covid»
LUGANO
3 ore
Salta anche il carnevale di Tesserete
Cancellata preventivamente la manifestazione. Il Comune di Capriasca: «Gesto di responsabilità sociale»
CANTONE
7 ore
Dose di richiamo, ultima chiamata per gli over 65
In vista dell'apertura alle altre fasce d'età, le autorità cantonali sollecitano i pensionati ad annunciarsi.
CANTONE
8 ore
Altri 167 nuovi contagi e sette classi in quarantena
Negli ospedali del nostro cantone si contano attualmente settanta pazienti Covid
CHIASSO
9 ore
Cinquanta milioni per cinquanta impieghi?
L'Mps punta il dito contro la Scuola di Moda di Chiasso. Costi troppo elevati rispetto all'impatto sul territorio
CANTONE
13 ore
«Il medico di famiglia vi farà risparmiare»
Dietro le quinte del progetto mediX ticino, coordinato dall'infettivologo Christian Garzoni.
LUGANO
1 gior
S'invola per gli Emirati, lasciando un cavallino nero in Ticino
Sul sito delle aste dell'Ufficio di esecuzione è sbucata una Ferrari 458 nera
CANTONE
1 gior
La “pandemia dei bambini”... anche nelle scuole ticinesi
In molti si dicono favorevoli all'introduzione dei test ripetuti e alla mascherina obbligatoria dalla quarta elementare
CANTONE
1 gior
Alle medie mancano professori di francese
Formazione dei docenti, il DECS e il DFA hanno fatto il punto della situazione tra passato, presente e futuro.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile