Fonte immagine: Collegio Papio
Ecco come dovrebbe apparire la nuova mensa del Papio.
ASCONA
11.09.20 - 16:360

Il Papio chiede aiuto al popolo per la mensa

Servono 50.000 franchi. Il glorioso collegio lancia una singolare iniziativa di crowdfunding. 

Sintomo di una crisi? «Mandare avanti una scuola privata non è mai facile – evidenzia il direttore amministrativo Ivan Degli Esposti –. Semplicemente abbiamo trovato interessante questa soluzione». 

ASCONA - Servono 50.000 franchi al Collegio Papio di Ascona. La gloriosa scuola privata lancia una singolare iniziativa di crowdfunding sulla piattaforma progettiamo.ch. Una vera e propria "prima", che potrebbe suscitare anche qualche malignità. Segno che il collegio è alla canna del gas? «No, assolutamente – replica Ivan Degli Esposti, direttore amministrativo –. Semplicemente abbiamo trovato interessante questa soluzione». 

Vi rivolgete direttamente alla popolazione ticinese (e non solo). Non era mai successo prima...
«Il collegio è un patrimonio di tutti. La nostra non è una scuola migliore delle altre, ma è una valida alternativa. Qui, tra l'altro, si sono formati anche personaggi illustri».

Quanto è costata complessivamente la nuova mensa? 
«Sette milioni e mezzo di franchi. La struttura era vecchia di mezzo secolo, bisognava intervenire. Un terzo della spesa è stato coperto da enti pubblici, come Comune, Patriziato e Parrocchia. Un terzo da privati. Mentre un altro terzo è legato a un mutuo bancario. È proprio per cercare di estinguere quest'ultimo che abbiamo lanciato questa raccolta fondi popolare».

E come sta andando?
«Il crowdfunding è stato appena lanciato. Abbiamo l'obiettivo di raccogliere 50.000 franchi. In un giorno abbiamo già raccolto il 15% di questa cifra. Evidentemente c'è ancora gente che vuole bene al collegio». 

Quando sarà operativa la mensa?
«I lavori sono nella fase finale. Verosimilmente da novembre. Lo spazio comprenderà le nuove cucine e un refettorio per 200 persone, oltre ai locali di servizio e agli impianti tecnici necessari. È un nuovo tassello per offrire una scuola di qualità ai nostri allievi e alle famiglie».

Torniamo alla provocazione iniziale. Non temete che qualcuno possa interpretare male il vostro messaggio?
«No. Vanno fatte delle scelte e vanno trovate le vie giuste. Mandare avanti una scuola privata non è mai facile. Se facciamo un elenco di chi si trova in difficoltà economiche oggi, potremmo scrivere un libro. Noi siamo sempre nella necessità di dovere trovare dei finanziatori. È una nostra costante. Il Covid-19, inoltre, non ha agevolato qualche benefattore. Stiamo puntando parecchio sulla comunicazione, anche multimediale. La gente recepisce bene il nostro intento». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
4 ore
Brucia l'auto del medico: condannato
Un 58enne se l'era presa per un'operazione «andata male». Ed è finito davanti al giudice
LUGANO
5 ore
È la sola al mondo ad avere quella malattia: lo scopre dopo 7 anni
L’incredibile percorso di Silvia Arioli, classe 1982: «Ho trovato la verità solo perché sono caparbia e “del mestiere”».
LUGANO
7 ore
Delitto alla pensione La Santa: l'accusa è assassinio
Il 34enne austriaco dovrà rispondere davanti al giudice dei fatti avvenuti lo scorso 17 dicembre a Viganello.
PAMBIO-NORANCO
9 ore
Sparisce un'urna tra le lapidi
Cimitero profanato. La denuncia è stata confermata da Marco Regazzoni, comandante della Polizia Ceresio Sud.
CANTONE
9 ore
Sfruttamento della prostituzione: arresti confermati
Due soggetti, già finiti in manette, avrebbero gestito un giro di "lucciole" presso diversi appartamenti.
CANTONE
9 ore
Pazienti oncologici col coronavirus monitorati a distanza
Si tratta di un progetto pilota dello IOSI, premiato al congresso della Società svizzera di ricerca sul cancro
CANTONE
9 ore
Salario minimo: sarà «fisso, garantito e prevedibile»
Il Governo adotta il nuovo regolamento. Viene anzitutto specificata la nozione di “stagista”
CANTONE
11 ore
Rientrano in gioco anche i cinque procuratori "bocciati"
La Commissione Giustizia e diritti ha proposto al Parlamento 27 nomi ritenuti idonei alla carica di procuratore pubblico
CANTONE
13 ore
«Messi in circolazione 2'000 chili di canapa e hashish»
Avviata nel 2017, l'indagine è stata condotta dalla Polizia cantonale in collaborazione con agenti spagnoli e italiani.
CANTONE
14 ore
Altri quattro decessi in Ticino, 128 i nuovi positivi
Da inizio pandemia sono 542 le vittime del coronavirus nel nostro cantone.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile