«Non chiamiamoli soltanto giochi»
Tio/20min/DG
MERCATO LUGANO
16.10.20 - 06:000

«Non chiamiamoli soltanto giochi»

Ex docente, appassionato di giocattoli antichi, Gienry Papiri è una new entry al mercato del sabato.

La sua passione, però, ha radici antiche: «Già gli egizi giocavano. D'altra parte è un momento di apprendimento insostituibile»

LUGANO - Gienry Papiri è approdato al mercatino di Lugano dopo 44 anni di insegnamento nella scuola media e un interesse, coltivato da sempre, per i giocattoli. Una “new entry” lo si potrebbe quasi definire, visto che la sua bancarella è relativamente recente. «Da tre anni sono in pensione, ho deciso di seguire il percorso di mia moglie e di affiancarla al mercato».

Fianco a fianco con la moglie - In realtà questa passione Gienry la nutriva da tempo. «Ho sempre collezionato e riparato giocattoli, anche quelli dei miei allievi. Avendo molto più tempo libero ho deciso di farne un lavoro». E così, affianco alla bigiotteria, le sciarpe e gli articoli della moglie, sono apparsi i primi giochi vintage. «In parte sono cose accumulate nel corso degli anni, altre sono cercate e trovate tramite i miei canali». 

Non solo un giocattolo - Da lui si recano in molti, avanzando anche richieste specifiche: «Dal trenino al calcetto. O ancora dal gioco in legno, al meccano, o ai burattini». Per Gienry il giocattolo non è solo un articolo utile a tenere buoni i bambini. «Già gli egizi avevano attribuito importanza al gioco. Nei secoli si è sempre giocato. D’altra parte trattasi di un momento di apprendimento insostituibile che sviluppa la creatività».

In questo caso il riferimento va non tanto al videogame, ma al «gioco tridimensionale. Questo porta le mani, guidate dal cervello, a una valutazione di tutte quelle che sono le competenze necessarie in una disciplina. Tutto quello che è gioco porta a conoscere i materiali e ad attivare una intelligenza digitale che matura solo lavorando su strumenti concreti». 

Dai giochi in carta e cartapesta dell’’800 alla latta, fino ai materiali sintetici. Gienry tratta di tutto. «Con l'avvento della celluloide, la nonna della plastica - spiega -, si sono abbassati i costi dei giocattoli arrivando a rendere popolare qualcosa che prima era appannaggio di una classe agiata. Prima i bambini meno abbienti si dovevano accontentare del sasso o del legnetto, per intenderci». 

Il potere educativo del gioco - Per l'ex insegnante, in questo nuovo mestiere che si è creato, ciò che conta è il nesso tra il gioco e le sue potenzialità in termini educativi. «Favorisce lo sviluppo della personalità e può indirizzare a future scelte professionali». Ne è convinto: «L’aereo, il camion del pompieri, le costruzioni... offrono tutti competenze che in futuro potranno rivelarsi strumenti utili per scegliere la propria professione». 

Un esempio? Il meccano: «La vite e il bullone saranno sempre di moda. E pensare che le basi di questo gioco le ha gettate Leonardo da Vinci». 

E la sua azione socializzante - Non solo apprendimento professionale, ma anche sociale. «Giocare è un mezzo indispensabile per la crescita culturale, per passare il tempo con intelligenza. Ed è pure un formidabile elemento di contatto con l’altro». 

E, a quanto pare, il gioco è apprezzato da tutti, grandi e piccini. «Ho clienti di ogni età. Poi c'è"anche chi mi porta giocattoli rotti. Ossidati, rovinati, dissaldati, con parti mancanti… Un gioco che è fermo da 40 anni in un solaio o in un armadio ritorna così a nuova vita, sia per me che me ne occupo, sia per la persona che lo aveva goduto tanti anni prima e che così può tornare a rigoderne. È come una rinascita». 

 I costi? Spesso minimi, e in ogni caso ci si accorda prima. «Io faccio sempre un preventivo di massima - conclude -. E si cerca ovviamente di non superare il valore del giocattolo. Salvo che questi non sia soprattutto affettivo. Allora capita che sia il cliente stesso a chiedermi di ripararlo a qualunque costo. Perché l’importante, in quei casi, è rispolverare un’emozione, riviverla, conservarla. Come un qualcosa di prezioso, senza tempo».

Tio/20min/DG
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MURALTO/ LUGANO
43 min
Bocche cucite sui test non fatti sul corpo della vittima
Processo per il delitto in hotel: il giudice Ermani aveva "bacchettato" il medico legale. Nessuno al momento replica.
LUGANO
1 ora
«Io non giocherò più al calcio, ma ti spacco la faccia»
Torna la violenza nel calcio regionale. Ma l'origine del male risale a tanti anni fa.
CANTONE
1 ora
Gli universitari ticinesi tornano in classe: «È come ricominciare da capo»
Dopo un anno di studio da casa, condito da noia e solitudine, tre studenti ci raccontano il loro ritorno in aula.
CANTONE
8 ore
Massimo Suter passa all'UDC
La conferma arriva da un post pubblicato sulla pagina Facebook della sezione ticinese del partito
CANTONE
12 ore
Gobbi è diventato più permissivo
Permessi di residenza agli stranieri, il Ticino ha detto meno "no". Un ammorbidimento «per adeguarci alle sentenze»
FOTO
MAGLIASO
13 ore
Tre nasua albini allo Zoo al Maglio
Sono figli di un esemplare albino confiscato e che ha trovato accoglienza in Ticino.
CANTONE
14 ore
Delitto di Muralto, chiesti diciannove anni e sei mesi
Secondo l’accusa nella notte del 9 aprile 2019 all’Hotel La Palma si consumò un assassinio
CANTONE / SVIZZERA
17 ore
Il Ticino perderà due deputati... nel 2051
Colpa del calo della popolazione. La previsione dei politologi
CANTONE
18 ore
«L’ha strangolata, non erano tipi da asfissia erotica»
Nel processo per il delitto di Muralto, la procuratrice ha ribadito che la versione dell’imputato è «una menzogna».
CANTONE
20 ore
Il delitto in hotel, poi tutta una serie di menzogne
Si è riaperto con la requisitoria il processo nei confronti del 32enne accusato di assassinio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile