lettore tio/20minuti
CANTONE
04.09.20 - 23:130
Aggiornamento : 05.09.20 - 10:31

Panchine e treni affollati, distanziamento questo sconosciuto

Ammassati sotto la pensilina del bus o sui treni. Così tanti ragazzi con la riapertura degli istituti scolastici.

L'infettivologo Garzoni: «Non deve arrivare lo Stato a punire, ma deve essere il singolo a fare uno sforzo».

LUGANO - La scuola è ripartita seguendo i severi piani di protezione. Ma la nuova normalità anti Covid, fatta di mille norme e attenzioni e inevitabile tra i banchi di scuola, sembra non aver ancora trovato piena applicazione quando si tratta di trasporti.

Sì perché, treni e bus (o almeno i giovani che in questi giorni hanno ricominciato a sfruttarli con regolarità) non sembrano aver abbracciato completamente il concetto di distanze sociali. Lo dimostrano alcune immagini invitate da lettori questa mattina. Da una parte si vede un regionale diretto a Bellinzona, dall'altra la fermata del bus in stazione a Lugano. In entrambi i casi le immagini sono sufficientemente eloquenti: ragazzi ammassati uno addosso all'altro, molti senza mascherina.

«Anche in questi casi vale quello che si è sempre detto: ci vuole buon senso - sottolinea Christian Garzoni, infettivologo della clinica Moncucco -. Questo virus ha una capacità di diffondersi quando i contatti sono ravvicinati. Sotto il metro e mezzo di distanza, quindi, è potenzialmente trasmissibile».

Ed evidentemente sembra essere questo il caso: «Chi resta molto vicino a un'altra persona ed è senza mascherina è prima di tutto egoista, perché rischia di infettare qualcuno se è malato e asintomatico, poi mette a rischio anche sé stesso».

Il rischio, per Garzoni, c'è anche in un Ticino con contagi vicini allo zero: «È vero che allo stato attuale circola poco virus. Ma stiamo evidentemente parlando di situazioni che sono comunque a rischio. E questo rischio ovviamente aumenta di pari passo con l'aumentare dei contagi».

Cosa fare? Per l'infettivologo è lo Stato che deve chinarsi sul problema. Ma aggiunge anche: «C'è una legge chiara che obbliga a mettere la mascherina sui mezzi pubblici. Se poi ci si trova per strada ammassati, magari è il caso di indossarla anche in quelle situazioni. E magari distanziarsi un po' non sarebbe male. È importante fare appello alla responsabilità individuale e collettiva. Non deve arrivare lo Stato a punire, ma deve essere il singolo a fare uno sforzo».

lettore tio/20minuti
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
skorpio 1 anno fa su tio
Petrillo, si così finiscono come te
driver1973 1 anno fa su tio
Va bene tutto ma ora basta. Quando vanno in giro di giorno a divertirsi senza mascherina con gli amici non succede nulla. Per andare a scuola invece si ammalano. Se hai paura di ammalarti andando a scuola allora non esci con gli amici. La stessa cosa vale per i professori. Se non si sono estinte le cassiere da marzo in poi non si estinguono nemmeno loro. Usare tutte le precauzioni del caso come giusto che sia ma LAVORARE
Dioneus 1 anno fa su tio
@driver1973 Certo che di sciocchezze ne dici parecchie ;)
sedelin 1 anno fa su tio
l'è ura da dagan na feta! basta infierire e pubblicare notizie tendenziose. nelle foto i ragazzi HANNO LA MASCHERA: cosa dovrebbero fare di più?
cacos 1 anno fa su tio
@sedelin Ciao, abito vicino ad una scuola, passano 30 bus ogni giorno, i ragazzi seduti uno vicino all 'altro, pochi con la mascherina sui sedili vicino al conducente. Se il bus ha 30 posti difficile distanziare e le mascherine a ragazzi delle media voglio vedere quale autista li obbliga.
sedelin 1 anno fa su tio
@cacos amen
Zoloren 1 anno fa su tio
Tanto se non si ammalano alle fermate, si ammaleranno nei locali al week end...la nostra polizia invece che installare radar dovrebbe andare a vedere come vengono rispettate le misure anti covid nei locali del luganese...
Maxy70 1 anno fa su tio
Lo Stato cosa deve fare? Piantonare le fermate dei mezzi pubblici con le armi spianate? Le disposizioni ci sono, basta osservarle. Sicuramente la mascherina, portata correttamente (non come sottogola o con il naso fuori!), sui mezzi pubblici e in caso di assembramento. Aggiungerei: evitare di starnazzare uno in faccia all'altra ma cercare di mantenere comunque un minimo possibile di distanziamento. È una "menata" tremenda per tutti... ovviamente!
saetta 1 anno fa su tio
Non è una novità...era molto prevedibile che alla riapertura delle scuole ci sarebbe stata questa situazione...mica tutti hanno la possibilità di trasporti alternativi ai mezzi pubblici! Che süpa :-(
aleddgg 1 anno fa su tio
Ma come possiamo fare sforzi se andiamo in una scuola con 1600 allievi? Non capisco io senso, sta a ffs e fart organizzarsi meglio
seo56 1 anno fa su tio
Ne vedremo delle belle
Viperus 1 anno fa su tio
Ma finitela di terrorizzare inutilmente la gente...BASTAAAAAA!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
8 ore
Strappa la collanina, scatta l'arresto
Riaperte le discoteche in seguito alle chiusure Covid, si sono riaffacciati anche i malviventi
CENERI
11 ore
Testa-coda sul Ceneri
Incidente sulla Cantonale oggi a mezzogiorno. La polizia è sul posto
LUGANO
1 gior
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
1 gior
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CADENAZZO
1 gior
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
CANTONE
1 gior
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
1 gior
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
1 gior
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
1 gior
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
2 gior
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile