lettore tio/20minuti
CANTONE
04.09.20 - 23:130
Aggiornamento : 05.09.20 - 10:31

Panchine e treni affollati, distanziamento questo sconosciuto

Ammassati sotto la pensilina del bus o sui treni. Così tanti ragazzi con la riapertura degli istituti scolastici.

L'infettivologo Garzoni: «Non deve arrivare lo Stato a punire, ma deve essere il singolo a fare uno sforzo».

LUGANO - La scuola è ripartita seguendo i severi piani di protezione. Ma la nuova normalità anti Covid, fatta di mille norme e attenzioni e inevitabile tra i banchi di scuola, sembra non aver ancora trovato piena applicazione quando si tratta di trasporti.

Sì perché, treni e bus (o almeno i giovani che in questi giorni hanno ricominciato a sfruttarli con regolarità) non sembrano aver abbracciato completamente il concetto di distanze sociali. Lo dimostrano alcune immagini invitate da lettori questa mattina. Da una parte si vede un regionale diretto a Bellinzona, dall'altra la fermata del bus in stazione a Lugano. In entrambi i casi le immagini sono sufficientemente eloquenti: ragazzi ammassati uno addosso all'altro, molti senza mascherina.

«Anche in questi casi vale quello che si è sempre detto: ci vuole buon senso - sottolinea Christian Garzoni, infettivologo della clinica Moncucco -. Questo virus ha una capacità di diffondersi quando i contatti sono ravvicinati. Sotto il metro e mezzo di distanza, quindi, è potenzialmente trasmissibile».

Ed evidentemente sembra essere questo il caso: «Chi resta molto vicino a un'altra persona ed è senza mascherina è prima di tutto egoista, perché rischia di infettare qualcuno se è malato e asintomatico, poi mette a rischio anche sé stesso».

Il rischio, per Garzoni, c'è anche in un Ticino con contagi vicini allo zero: «È vero che allo stato attuale circola poco virus. Ma stiamo evidentemente parlando di situazioni che sono comunque a rischio. E questo rischio ovviamente aumenta di pari passo con l'aumentare dei contagi».

Cosa fare? Per l'infettivologo è lo Stato che deve chinarsi sul problema. Ma aggiunge anche: «C'è una legge chiara che obbliga a mettere la mascherina sui mezzi pubblici. Se poi ci si trova per strada ammassati, magari è il caso di indossarla anche in quelle situazioni. E magari distanziarsi un po' non sarebbe male. È importante fare appello alla responsabilità individuale e collettiva. Non deve arrivare lo Stato a punire, ma deve essere il singolo a fare uno sforzo».

lettore tio/20minuti
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
skorpio 8 mesi fa su tio
Petrillo, si così finiscono come te
driver1973 8 mesi fa su tio
Va bene tutto ma ora basta. Quando vanno in giro di giorno a divertirsi senza mascherina con gli amici non succede nulla. Per andare a scuola invece si ammalano. Se hai paura di ammalarti andando a scuola allora non esci con gli amici. La stessa cosa vale per i professori. Se non si sono estinte le cassiere da marzo in poi non si estinguono nemmeno loro. Usare tutte le precauzioni del caso come giusto che sia ma LAVORARE
Dioneus 8 mesi fa su tio
@driver1973 Certo che di sciocchezze ne dici parecchie ;)
sedelin 8 mesi fa su tio
l'è ura da dagan na feta! basta infierire e pubblicare notizie tendenziose. nelle foto i ragazzi HANNO LA MASCHERA: cosa dovrebbero fare di più?
cacos 8 mesi fa su tio
@sedelin Ciao, abito vicino ad una scuola, passano 30 bus ogni giorno, i ragazzi seduti uno vicino all 'altro, pochi con la mascherina sui sedili vicino al conducente. Se il bus ha 30 posti difficile distanziare e le mascherine a ragazzi delle media voglio vedere quale autista li obbliga.
sedelin 8 mesi fa su tio
@cacos amen
Zoloren 8 mesi fa su tio
Tanto se non si ammalano alle fermate, si ammaleranno nei locali al week end...la nostra polizia invece che installare radar dovrebbe andare a vedere come vengono rispettate le misure anti covid nei locali del luganese...
Maxy70 8 mesi fa su tio
Lo Stato cosa deve fare? Piantonare le fermate dei mezzi pubblici con le armi spianate? Le disposizioni ci sono, basta osservarle. Sicuramente la mascherina, portata correttamente (non come sottogola o con il naso fuori!), sui mezzi pubblici e in caso di assembramento. Aggiungerei: evitare di starnazzare uno in faccia all'altra ma cercare di mantenere comunque un minimo possibile di distanziamento. È una "menata" tremenda per tutti... ovviamente!
saetta 8 mesi fa su tio
Non è una novità...era molto prevedibile che alla riapertura delle scuole ci sarebbe stata questa situazione...mica tutti hanno la possibilità di trasporti alternativi ai mezzi pubblici! Che süpa :-(
aleddgg 8 mesi fa su tio
Ma come possiamo fare sforzi se andiamo in una scuola con 1600 allievi? Non capisco io senso, sta a ffs e fart organizzarsi meglio
seo56 8 mesi fa su tio
Ne vedremo delle belle
Viperus 8 mesi fa su tio
Ma finitela di terrorizzare inutilmente la gente...BASTAAAAAA!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Il treno color rame che diventa una star
Si chiama Traverso e da qualche tempo lo si nota anche nella Svizzera italiana. Ecco da dove arriva.
FOTO
CANTONE
1 ora
La sfida lanciata agli artisti, ogni spazio può fare museo
Adriana Bock Schmitt impegnata a promuovere gli artisti del nostro cantone attraverso il progetto creattivati.ch
BELLINZONA
1 ora
Migliaia di api uccise: «Cattiveria e stupidità non hanno limiti»
Il fatto è accaduto sui Monti di Marno, sopra a Carasso. L'apicoltore: «Sporgerò denuncia, ma non mollo e vado avanti».
CANTONE
11 ore
Tre condanne per gli scontri alla Valascia
Due ticinesi e un vodese si sono visto comminare una pena pecuniaria per i fatti avvenuti il 14 gennaio del 2018.
LUGANO
13 ore
Un testamento da 16 milioni, ma per il Tf è carta straccia
Dopo una battaglia durata decenni il Tribunale federale respinge un documento datato 1936 ritrovato in un cassetto
LOCARNO
15 ore
Festino alle medie, il docente licenziato ricorre al Tram
La decisione dell'ex insegnante di storia e italiano è stata comunicata dal suo legale, l'avvocato Carlo Borradori.
CANTONE
16 ore
Raddoppiano gli aiuti Ponte Covid
Da giugno l'importo massimo del primo richiedente sarà aumentato a 2'000 franchi.
LUGANO
17 ore
Giovane ammanettato al Maghetti, due agenti sotto accusa
Nei confronti di due poliziotti della Città di Lugano sono state proposte condanne a pene pecuniarie e multe.
FOTO
LUGANO
18 ore
Cristiano Ronaldo a Lugano in segreto
L'attaccante della Juventus sulle rive del Ceresio per uno spot. Non è passato inosservato.
CANTONE
21 ore
Sono 60 i nuovi positivi in Ticino, ma nessun decesso
Nei nosocomi ticinesi si contano attualmente 5 ammissioni e 5 dimissioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile