Archivio Tipress
CANTONE
02.09.20 - 13:460
Aggiornamento : 20:05

I ristoranti vogliono più spazio all'aperto... anche durante l'inverno

Con il virus, GastroTicino chiede facilitazioni per il riscaldamento delle terrazze esterne o l'installazione di gazebi

«Le norme attuali rischiano di mettere in difficoltà le attività, con chiusure e licenziamenti»

BELLINZONA - La stagione estiva ha certamente aiutato bar e ristoranti, che hanno potuto accogliere i clienti negli spazi all'aperto. Ma alle soglie dell'autunno e le temperature che si faranno sempre più rigide, per il settore non mancano le preoccupazioni: «Il permanere delle norme per arginare la diffusione del virus farà sì che i locali avranno molti meno posti interni a disposizione della clientela» afferma infatti GastroTicino in un odierno comunicato.

Una situazione, questa, che rischia quindi di pesare sul settore, con tanto di chiusure e licenziamenti, nonché un impoverimento dell'offerta turistica e sociale, sottolinea ancora l'associazione. Ecco dunque che alle autorità cantonali e comunali viene chiesto d'intervenire, valutando «la possibilità di poter concedere facilitazioni per arredare e riscaldare le terrazze esterne o gli spazi sul suolo pubblico con tende, gazebi chiusi e altre strutture simili». Si tratta di una misura che alcuni Comuni hanno già concesso, «consapevoli che si tratta di aiuti eccezionali per l'autunno-inverno 2020-2021».

La richiesta di GastroTicino giunge anche in considerazione del fatto che in molte piazze verosimilmente non avranno luogo o saranno in forse i grandi eventi di dicembre, come Locarno on Ice, i villaggi di Natale senza ristorazione e altro ancora. La facilitazione permetterebbe quindi a bar e ristoranti «di poter proporre un'alternativa alla popolazione, rendendo vive le piazze, sempre tenendo in considerazione le norme sul distanziamento sociale e gli assembramenti».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
11 min
La corsa al vaccino un po' rallentata: «Ci aspettavamo di più»
Al Centro cantonale di Giubiasco sono state somministrate le prime dosi alle persone sopra i 75 anni.
CANTONE
2 ore
Pedaggi italiani, ticinesi nel mirino: «Meglio pagare»
Diversi automobilisti ricevono solleciti da Autostrade per l'Italia. L'avvocato: «Fare i furbi non conviene»
CANTONE
4 ore
«Se le cifre crescono ancora dovremo preoccuparci»
L'infettivologo Christian Garzoni sulla crescita dei positivi in Ticino: «Un'oscillazione da tenere d'occhio».
GIUBIASCO
6 ore
Sit-in per i lavoratori di DPD: «Condizioni insostenibili»
Esponenti del mondo politico esprimono solidarietà: «Occorre una soluzione».
CHIASSO
7 ore
Tenta di attraversare la frontiera con cinque chili di eroina in auto
La droga era nascosta nel veicolo, con targhe tedesche, in panetti da 500 grammi
CANTONE
8 ore
Il Ticino spinge BPS Suisse a un 2020 da record
Nonostante l'anno particolare, sono aumentati sia il risultato d'esercizio che l'utile
FOTO E VIDEO
CHIASSO
10 ore
Rapina in un distributore di benzina a Pedrinate
Due malviventi con il casco e armati di pistola hanno minacciato una commessa e un cliente facendosi consegnare i soldi.
BOSCO GURIN
11 ore
I comuni “riaprono” le piste a Bosco Gurin
È arrivato ampio appoggio anche dai privati, che daranno sostegno contro le «diatribe con Comune e Patriziato»
CANTONE
12 ore
Aumentano i positivi, 72 in 24 ore
Viene segnalata anche una nuova classe in quarantena presso il Liceo di Lugano 2.
LOCARNO
14 ore
La lezione del Municipio sul burkini. Divieto "bocciato"
Per l'Esecutivo la regolamentazione non sarebbe nemmeno conforme alla costituzione.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile