Archivio Tipress
CANTONE
02.09.20 - 13:460
Aggiornamento : 20:05

I ristoranti vogliono più spazio all'aperto... anche durante l'inverno

Con il virus, GastroTicino chiede facilitazioni per il riscaldamento delle terrazze esterne o l'installazione di gazebi

«Le norme attuali rischiano di mettere in difficoltà le attività, con chiusure e licenziamenti»

BELLINZONA - La stagione estiva ha certamente aiutato bar e ristoranti, che hanno potuto accogliere i clienti negli spazi all'aperto. Ma alle soglie dell'autunno e le temperature che si faranno sempre più rigide, per il settore non mancano le preoccupazioni: «Il permanere delle norme per arginare la diffusione del virus farà sì che i locali avranno molti meno posti interni a disposizione della clientela» afferma infatti GastroTicino in un odierno comunicato.

Una situazione, questa, che rischia quindi di pesare sul settore, con tanto di chiusure e licenziamenti, nonché un impoverimento dell'offerta turistica e sociale, sottolinea ancora l'associazione. Ecco dunque che alle autorità cantonali e comunali viene chiesto d'intervenire, valutando «la possibilità di poter concedere facilitazioni per arredare e riscaldare le terrazze esterne o gli spazi sul suolo pubblico con tende, gazebi chiusi e altre strutture simili». Si tratta di una misura che alcuni Comuni hanno già concesso, «consapevoli che si tratta di aiuti eccezionali per l'autunno-inverno 2020-2021».

La richiesta di GastroTicino giunge anche in considerazione del fatto che in molte piazze verosimilmente non avranno luogo o saranno in forse i grandi eventi di dicembre, come Locarno on Ice, i villaggi di Natale senza ristorazione e altro ancora. La facilitazione permetterebbe quindi a bar e ristoranti «di poter proporre un'alternativa alla popolazione, rendendo vive le piazze, sempre tenendo in considerazione le norme sul distanziamento sociale e gli assembramenti».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
17 min
Materiale e sterpaglie in fiamme a Cadro
L'incendio è divampato all'esterno di uno stabile adibito a magazzino.
CANTONE
2 ore
La "fabbrica" dei collaudi va fuorigiri
Il Governo garantisce il rispetto dei piani di protezione, ma i collaboratori parlano di ritmi quasi pre-pandemici
MENDRISIO
4 ore
Càvea Festival, gli organizzatori gettano di nuovo la spugna
Per il secondo anno consecutivo le cave di Arzo rimarranno senza musica. L'attesa terza edizione non ci sarà.
BELLINZONA
8 ore
Ecco come sarà il nuovo Pretorio
Il Consiglio di Stato chiede al Parlamento un credito di 43 milioni e 420mila franchi per ristrutturazione e ampliamento
FOTO
BREGGIA
9 ore
Gli alberi se ne vanno per poi tornare
Nell'ambito della valorizzazione della piazza di Cabbio è iniziato lo spostamento di tigli e platani
CANTONE
9 ore
L'autostrada A2 si prepara per il semisvincolo
Al via i lavori per il risanamento globale del tratto compreso tra gli svincoli di Bellinzona Nord e Bellinzona Sud
FOTO E VIDEO
BRISSAGO
10 ore
Come ti salvo l'Isolino dalle neofite invasive
Le specie alloctone avevano colonizzato l'Isola dei conigli, ma un intervento mirato le ha estirpate.
CANTONE
10 ore
Covid: 44 positivi e 7 ricoveri
Il tasso di riproduzione Rt è dell'1,09. Sono 156 su 100mila le persone positive negli ultimi 14 giorni
BEDANO
14 ore
Decide Google Maps, niente aiuti per il ragazzo
Sconti sull'abbonamento del bus per chi tra casa e scuola impiega più di 20 minuti a piedi. Beffa per alcuni.
CANTONE
14 ore
Sofferenza (e licenziamenti) dietro il sipario
Il lockdown culturale sembra senza fine. Le eccellenze artistiche in Ticino sono in affanno
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile