Tipress (archivio)
CANTONE / OBVALDO
02.09.20 - 11:170

La Fondazione Brandenberger premia Enrico Morresi

Il giornalista ticinese è stato scelto per il suo «impegno nel promuovere la qualità e l'affidabilità dell'informazione»

Il presidente della Fondazione: «In un tempo in cui fake news, voci incontrollate, incertezze e speculazioni turbano la popolazione, l'etica giornalistica è di fondamentale importanza per la tutela della fiducia nei media».

KERNS - La Fondazione Dr. J. E. Brandenberger ha assegnato un premio dotato di 200'000 franchi al giornalista ticinese e studioso d'etica dei media Enrico Morresi, per il suo impegno nel promuovere la qualità e l'affidabilità dell'informazione.

La carriera di Morresi è iniziata nel 1958 al "Corriere del Ticino". Fra le altre cose è stato poi autore di documentari in patria e all'estero per l'allora Televisione della Svizzera italiana e responsabile del "parlato" di Rete Due.

È stato vicepresidente della Commissione nazionale dell'Unesco. Dal 1984 ha militato nel Consiglio svizzero della stampa e dal 2000 al 2012 ha presieduto la Fondazione che regge il Consiglio medesimo. Dopo il pensionamento è rimasto attivo come ricercatore e autore di ambiziose opere scientifiche, si legge in un comunicato odierno della fondazione.

«La sua vasta e profonda esperienza, la sua osservazione attenta ed empatica dei conflitti, delle crisi e delle tragedie più diverse hanno inspirato a Enrico Morresi a porsi domande sempre più urgenti, a suo avviso cruciali. L'interrogativo etico, nel suo caso, sembra essere il naturale e inevitabile punto di arrivo di una carriera professionale originale e di successo», afferma la fondazione.

«In un tempo in cui fake news, voci incontrollate, incertezze e speculazioni turbano la popolazione, l'etica giornalistica è di fondamentale importanza per la tutela della fiducia nei media», ha dichiarato il presidente del consiglio della fondazione Carlo Schmid-Sutter, citato nella nota.

Il premio è assegnato ogni anno a una personalità per il suo impegno a favore della promozione e della conservazione della cultura e dell'uomo. Irma Marthe Brandenberger istituì la fondazione in memoria di suo padre, il Dr. J. E. Brandenberger, inventore del cellofan. La consegna del premio a Morresi avverrà il 21 novembre a Lugano.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
polonord 2 mesi fa su tio
Complimenti vivissimi al signor Morresi per questo meritatissimo riconoscimento.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 min
«Gli assembramenti sono stati solo spostati di un'ora»
Lo slittamento dell'orario delle scuole superiori non avrebbe finora avuto l'effetto sperato.
CANTONE
2 ore
Aveva tentato di recarsi in Siria, senza successo
La fedpol ha fornito nuove informazioni sulla donna che ieri ha ferito due persone alla Manor di Lugano.
ONSERNONE
3 ore
Mentre tagliava le piante, gli è caduto addosso un muro
L'incidente si è verificato in Valle Onsernone. Gravi ferite per un 52enne della regione
CANTONE
3 ore
«Sconcerto e delusione» per la conferenza stampa di ieri
Critiche da parte dell’Associazione ticinese dei giornalisti per come Gobbi e Cocchi hanno gestito la conferenza stampa
CANTONE
4 ore
Altre dieci vittime del Covid-19 in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore 21 persone sono state ricoverate in ospedale, mentre 29 lo hanno lasciato.
CANTONE
5 ore
«Quando mi ha detto “ti ammazzo” qualcosa si è rotto»
Quella di Federica è solo una delle tante, troppe, storie di violenza. Che non è solo fisica, ma psicologica, verbale
FOTO E VIDEO
MAROGGIA
7 ore
«Un colpo duro per tutti. Maroggia ha perso il suo ultimo simbolo»
Il Mulino apparteneva alla famiglia Fontana da 42 anni ed era stato tramandato di padre in figlio.
CANTONE
7 ore
Il Ticino chiama Berna
Un'iniziativa cantonale chiede di modificare il codice penale, a tutela delle donne vittima di violenza
CANTONE
15 ore
«Già coinvolta in un'indagine legata al terrorismo»
La Fedpol conferma il possibile ruolo della donna in fatti legati al terrorismo jihadista
LUGANO
19 ore
«Questa aggressione si ricollega ai casi in Francia e a Morges»
Le Autorità fanno il punto sul presunto attacco di matrice terroristica verificatosi alla Manor.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile