Ti Press
La stazione oggi
CANTONE
28.08.20 - 13:490

Locarno-Muralto, proseguono i lavori per la nuova stazione

Tutti gli attori stanno promuovendo i progetti di loro competenza in vista del nuovo nodo intermodale.

MURALTO - Una misura centrale del Programma d’agglomerato del Locarnese (PALoc) è il nodo intermodale dalla Stazione di Locarno-Muralto. Essa comprende un nuovo terminal per gli autobus, il riassetto della viabilità e dei posteggi, la realizzazione di posteggi per biciclette, la sistemazione dei percorsi pedonali e la riqualifica del comparto. Accanto a questi interventi FFS ha in programma una nuova edificazione a monte della Stazione, compreso un capiente autosilo.

In occasione della seduta che avuto luogo l'altro ieri, la Delegazione delle autorità - composta da rappresentanti del Dipartimento del territorio (DT), della Commissione intercomunale dei trasporti, dei Municipi di Muralto e Locarno, delle FFS e delle FART - ha preso atto dell’avanzamento dei lavori.

Il DT ha comunica che il progetto definitivo è in consultazione presso i servizi cantonali interessati e che è in corso l’elaborazione del progetto stradale, verosimilmente pubblicato entro la fine del 2020.

Il Municipio di Muralto ha licenziato il messaggio per il Consiglio Comunale per la variante del piano regolatore e licenzierà a breve quello per la richiesta del credito di costruzione del modulo 1 (costruzione sopra e sotto il terminal bus).

Le FFS hanno dato disponibilità per l’utilizzo di una parte dei posteggi a monte dei binari per la sostituzione di quelli mancanti durante la fase dei cantieri per le strutture nel nodo intermodale e fino alla costruzione dell’autosilo. E restano in attesa dell’approvazione della variante di piano regolatore per procedere alla progettazione definitiva dell’autosilo e dei nuovi stabili abitativi/commerciali.

Le FART proseguono nella programmazione del potenziamento dei servizi conseguente allo sviluppo di AlpTransit con nuovi veicoli. Con la messa in servizio del nuovo nodo intermodale verrà introdotta a tappe la propulsione elettrica allo scopo di contenere le emissioni inquinanti e foniche.

In conclusione, tutti gli attori in gioco stanno promuovendo i progetti di loro competenza «in modo coordinato e nel minor tempo possibile, allo scopo di massimizzare i benefici derivanti dall’apertura della galleria del Monte Ceneri e dal potenziamento del trasporto pubblico e realizzare una riqualifica complessiva dell’intero comparto a vantaggio dei cittadini e dei visitatori del centro dell’agglomerato», si legge in conclusione sul comunicato stampa.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile