Dalle candele ai tessuti antichi: «E gli affari vanno ancora bene»
Tio/20minuti/DG
MERCATO LUGANO
02.10.20 - 06:000

Dalle candele ai tessuti antichi: «E gli affari vanno ancora bene»

Jrene Mudu è un volto noto in quel di Lugano per chi bazzica i mercatini.

Da circa 45 anni propone articoli quali tovaglie, camicie e molto altro: «Negli anni abbiamo accumulato oggetti particolari. E i nostri prezzi sono onesti».

LUGANO - Sul suo banchetto si possono trovare stoffe d'epoca tra le più disparate. Tovaglie, camicie... e molto altro. «Avevo anche un collezionista di Milano a cui interessavano esclusivamente le calze», Ci racconta Jrene Mudu, da decenni a Lugano con la sua bancarella. 

La storia che ci racconta è quella di tanti che, come lei, si avvicinano all'antiquariato per curiosità, ne restano affascinati e cadono infine nella "trappola" del collezionismo. «Sono arrivata in Ticino dalla Svizzera interna, assieme a mio marito, circa 45 anni fa - racconta -. Volevamo cambiare vita. All'epoca gestivamo un tea room a Zurigo. All'inizio è stata dura, facevamo un po' fatica».

La candela che fa accendere la lampadina - L'illuminazione (è proprio il caso di dirlo), arriva nel corso di una visita dalla madre, a Rupperswil. «C’era, e c’è ancora, l’usanza di fare le candele. Passammo un pomeriggio da una signora che teneva dei corsi. Mia madre mi fece notare che si era costruita la casa con i soldi guadagnati al mercato grazie alle sue candele. Decisi di affinare la tecnica».

La prima bancarella - In un paio di anni Jrene diventa una provetta costruttrice di candele.  A quel punto decide di buttarsi: «Ho comprato 500 chili di cera. Mio marito, ex fabbro, mi ha costruito il necessario per dar vita alle mie creazioni. Ne abbiamo fatte tantissime. La cosa incredibile è che, portate al mercato, andavano via subito. Eravamo ancora in via Nassa. Fu un successo tale che mio marito si mise a lavorare con me». 

La bigiotteria e l'antiquariato - Intanto, tramite un amico, Jrene inizia a vendere anche della bigiotteria indonesiana. «Andava tantissimo. Nel frattempo mio marito iniziava a girare alla ricerca di altri oggetti da proporre. Con l'esperienza maturata come fabbro era in grado non solo di riconoscere attrezzi vecchi, ma anche di restaurarli. Iniziammo a vendere chiavi antiche, vecchi orologi, ferri di cavallo. Di tutto. Erano gli anni ‘80...».

Fino ai tessuti - Dopo l’iniziale successo con le candele, Jrene vuole cambiare strada: «Prepararle portava via molto tempo. E non ci attirava più produrle. Abbiamo cominciato a comprare tutto ciò che era antico e vecchio. Eravamo come impazziti, entrambi affetti dallo stesso “virus”. Portavamo a casa porcellane, argenti, pentole… L’antico è entrato nella nostra vita. Fino a che siamo arrivati ad acquistare tele e lenzuola vecchie. Eravamo nuovi del ramo... Provammo a mettere fuori le cose meno belle, selezionandole tra il mucchio. Il giorno stesso una persona passò e ci comprò tutto. Letteralmente. E pagando benissimo».

Con il tempo arriva l’esperienza, la capacità nello scegliere e nel trovare i prodotti giusti si affina. E cresce la mania del collezionismo. «Tante cose di valore le abbiamo tenute per noi. Alla fine diventa una passione dalla quale non è più possibile liberarsi. Abbiamo a casa un girarrosto del ‘700, molto raro. L’abbiamo preso che era tutto arrugginito, ora è splendido». 

«Si vende ancora bene» - Oggi Jrene e il marito non sono più giovanissimi. Ed è venuta meno la forza per girare continuamente alla ricerca di oggetti. «Ma nel corso degli anni abbiamo accumulato tantissimo, avevamo un hangar ad Ascona pieno - racconta -. Devo dire che da quanto è terminato il lockdown e abbiamo potuto riprendere la nostra attività, proprio al Mercatino del sabato di Lugano, gli affari vanno molto bene. Abbiamo anche abbassato i prezzi».

I suoi prodotti, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, attirano qualunque tipo di clientela: «Devo dire che, in generale, sono più uomini che donne a venire da me - conclude Jrene -.  Anche giovani. Poco tempo fa un ragazzo ha voluto delle lenzuola antiche di lino per la sua casa. E non per collezionarle, ma per dormirci dentro».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
VIDEO E SONDAGGIO
CANTONE
31 min
Viaggiare è (di nuovo) più complicato
Con la variante Omicron, i paesi stanno correndo ai ripari. E ci sono viaggiatori costretti a rivedere i propri piani
RIAZZINO
9 ore
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
13 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
14 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
16 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
17 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
21 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
22 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
23 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
23 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile