Ti Press
CANTONE / SVIZZERA
29.08.20 - 08:110
Aggiornamento : 30.08.20 - 14:13

Energia solare: «Il Ticino sfrutterà il suo potenziale tra 292 anni»

Il nostro Cantone si posiziona al di sotto della media svizzera (262 anni), secondo uno studio pubblicato dal WWF.

Il Comune ticinese che sfrutta maggiormente il potenziale dei tetti è Balerna. A Tenero-Contra il miglioramento maggiore rispetto a due anni fa.

LUGANO - Secondo un recente studio, pubblicato oggi dal WWF, la Svizzera sfrutterà a pieno il proprio potenziale di energia solare generata sui tetti solo tra 262 anni. Le differenze fra i vari Cantoni sono però significative. Quello più efficace è Neuchâtel con 145 anni, seguito da Lucerna (177 anni) e Friburgo (182 anni), mentre il Ticino, con 292 anni, si posiziona grossomodo a metà classifica (ma comunque decisamente sotto la media nazionale). I Cantoni meno efficaci sono Uri (436 anni), Grigioni (389 anni) e Glarona (386 anni).

La valutazione ha esaminato a livello di Comuni e Cantoni in che misura il potenziale esistente sui tetti svizzeri venga effettivamente sfruttato per l'energia solare, procedendo inoltre a un confronto dei dati con quelli dell'ultima valutazione del 2017.
 
Nel 2019 la Svizzera ha sfruttato nel complesso solo il 3.87% del proprio potenziale di generazione di energia solare sui tetti, ovvero poco meno dello 0.8% in più rispetto al 2017. A questo ritmo, il nostro Paese non sfrutterà a pieno il proprio potenziale per l’energia solare generata sui tetti prima del 2282.

Balerna sfrutta il suo potenziale - L'analisi mostra che, in Ticino, il Comune che in percentuale sfrutta maggiormente il potenziale esistente sui tetti per produrre energia solare è Balerna (13.4%), seguito da Mendrisio (10.6%). Tutti gli altri si trovano al di sotto della soglia del 10%. Sul totale dei comuni solo 6 dei 115 non presentano impianti fotovoltaici: Bedretto, Bosco Gurin, Corippo, Linescio, Personico e Vico Morcote.

Tenero-Contra spicca su tutti - Il Comune di Tenero-Contra è invece quello che nell’ultimo biennio ha migliorato maggiormente il suo sfruttamento (+3.4%). Gli altri cinque migliori Comuni ticinesi sono Croglio (+2.6%), Curio (+2.3%) Miglieglia (+2.3%) e Novaggio (+2.3%). In fondo alla classifica troviamo invece quasi esclusivamente località montane, dove però spesso esistono vincoli paesaggistici per l'utilizzo dei pannelli solari.

«Comuni, siate coraggiosi!» - Lo studio si basa su dati disponibili in formato digitale, valutati da Swiss Energy Planning (SEP). L’analisi è supportata da EnergieSchweiz e dal Digital Innovation Office UFE. «Comuni, siate coraggiosi nel portare avanti lo sviluppo del solare. Non possiamo fingere che la crisi climatica si trovi da qualche altra parte, in un periodo vago, in un futuro lontano», sottolinea Myriam Planzer, responsabile di progetto presso WWF Svizzera. I tetti svizzeri offrono infatti un potenziale «quasi inesplorato» per consentire l'uscita dal petrolio e dal gas naturale, e i dati mostrano chiaramente che tuttora non viene utilizzato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Igor Gogo 3 mesi fa su fb
da me in jugoslavia avranno le auto che volano tra 292anni....
Luca Civelli 3 mesi fa su fb
Ovvio che sia così: non è certo nell’interesse delle varie aziende elettriche sfruttare le fonti alternative all’idroelettrico.
Pedraita Maurizio 3 mesi fa su fb
"Calcoli" campati in aria e acchiappa boccaloni😎
seo56 3 mesi fa su tio
Ma li pagano per dare questi grotteschi, per non dire altro, studi?
GI 3 mesi fa su tio
bene spero di poterci essere....
Mattia Beltrami 3 mesi fa su fb
Reto Lucchini meglio tardi che mai ajajaj
Arminda Armi 3 mesi fa su fb
292 anni per sfruttare il potenziale dell energia solare.Ticinese? Mi sembra che siano calcoli cervellotici e molto teorici. Iniziamo a sfruttare tutti i tetti degli stabili pubblici, sia cantonali che comunali. Non diamo la possibilità di bloccare con ricorsi la costruzione di parchi eolici e solari.Vedrete che In un decennio ( finanze pubbliche disponibili permettendo) invece di 292, gli anni scenderanno ad alcune decine. Ma purtroppo in troppi che promuovono le energie rinnovabili nei loro programmi di partito, sono i primi a firmare petizioni ed a opporsi alla fattibilità di parchi eolici e solari in montagna. Con questi scenari la frittata è servita.
VECCHIOTTO 3 mesi fa su tio
E tutto un commercio di parole per tanti politici di fede ecologica. Quanti fra loro hanno casa con pannelli solari? Meglio tenersi i soldi che vedersi là casa che ne aumenta di stima, l energia prodotta in surplus che ti viene rubata, pagata una miseria e oltretutto su questi soldi ci paghi le tasse, o vedersi costretto semestralmente a pagare contributi per energie rinnovabili come qualunque persona che dell ambiente non si interessa per niente. Io dico che a queste condizioni non vale la pena essere i primi della classe.
Nmemo 3 mesi fa su tio
Fin quando le Aziende di distribuzione non trasformeranno la rete in “batteria virtuale” e il produttore privato riceverà il corrispondente d’energia prodotto da pannelli solari a costi eccessivamente maggiorati, si vende tanta polvere per gli allocchi. Insomma oggi si lucra!
Roberto Di Marcantonio 3 mesi fa su fb
E normale ti pagano l'energia pulita 0.06Chf e quando la ricompri la paghi 0.2Chf. Il sussidio è minimo. Quindi tanta spesa e poca resa. L'ho fatto per ecologia e non mi pento ma capisco tutto questo ritardo
Maurizio Roggero 3 mesi fa su fb
In Ticino si pensa soltanto alla speculazione edilizia, su questo siamo sicuramente i primi della classe a livello nazionale... 😤 Mentre per l’efficienza energetica, non solo solare, beh direi piuttosto che sia meglio chiamarla deficienza energetica quella che abbiamo nel nostro cantone... 😪
Claudio Trabattoni 3 mesi fa su fb
La non cosi' ricca Francia mette a disposizione della popolazione 20 miliardi di euro per sostenere l'energia verde, eoliche comprese.
Samuele Solcà 3 mesi fa su fb
non è che si mettono pannelli solari a casaccio al posto delle tegole, prima viene effettuato un calcolo per valutare l'effettiva sostenibilità sia a livello economico sia a livello energetico. Logico che Balerna è avvantaggiato sia per i capannoni con grandi superfici sia per l'esposizione al sole. Mi chiedo se chi ha fatto lo studio sia mai stato per esempio a Corippo🤔🤔🤔. Sicuramente ci saranno pannelli fotovoltaici anche a Bedretto ma visto che non sono allacciati alla rete elettrica chi fa questi studi senza schiodarsi dalla scrivania non potrà mai trovarli
Michela Ceriani 3 mesi fa su fb
Fosse solo questo...
Ivano Bettinsoli 3 mesi fa su fb
Fin tanto che finanziate le zecche e rifugiati vari, di certo non stimolate la gente in gamba ad investire
Paolo Sanfi 3 mesi fa su fb
Qualche incentivo in più magari...
Gio Ber 3 mesi fa su fb
...ma se nemmeno vogliono vedere le pale eoliche !! E in più non so nemmeno se il cantone eroga ancora incentivi per impianti fotovoltaici. Però se hai un auto con classe efficienza “G” sei tartassato. Oppure mettono 80 km/h per l’inquinamento per fare Chiasso - Lugano quando poi c’è vicino la Pianura padana con un territorio che è grande come tutta la Svizzera e inquina di più di tutta l’Europa. Il Ticino è il più tartassato su queste cose.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
CANTONE
6 ore
Disagi sulle strade e black out
Disagi in tutto il Cantone: colonne, incidenti, alberi caduti, black out e trasporto pubblico in difficoltà.
CANTONE
7 ore
La neve non ferma i radar, ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili colpiranno però solo tre distretti.
CANTONE
8 ore
Maltempo, ritardi e soppressioni di treni
Saltata la corrente alla stazione di Chiasso. Scambi bloccati a Cadenazzo e a Bellinzona
FOTO
CANTONE
10 ore
Neve, continuano i disagi nel Sottoceneri
Diverse le strade chiuse e le code. La polizia invita a limitare gli spostamenti.
LOSONE
11 ore
Limo della Silo Melezza: "Questa è ecomafia"
Un'accusa pesante, con tanto di nomi e cognomi, arriva attraverso un'interpellanza inoltrata oggi da Matteo Pronzini
CANTONE
12 ore
Mancava da oltre 150 anni, ma ora è tornato
Il Gipeto, il più grande avvoltoio delle Alpi, è tornato a nidificare su suolo ticinese.
CANTONE
14 ore
Altre 27 persone ricoverate, i pazienti dimessi sono 18
Nelle ultime 24 ore i nuovi contagi accertati sono stati 323. Si tratta della cifra più alta delle ultime tre settimane.
CANTONE
15 ore
Se un funzionario del Cantone cambia sesso
Il Dipartimento del territorio ha gestito per la prima volta la transizione di un dipendente. E se l'è cavata molto bene
FOTO E VIDEO
ASCONA
15 ore
«Una nuvola di fumo nero». Pompieri sul posto
Le fiamme sono divampate da un magazzino sito in via Delta.
FOTO E VIDEO
CANTONE
16 ore
Bianco Ticino. E non mancano i disagi al traffico
L'allerta (di grado 4) sarà in vigore fino a domenica a mezzogiorno
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile