Tipress
CANTONE / SVIZZERA
25.08.20 - 18:180

Presidenza USAM, strada spianata per Fabio Regazzi

Dopo il ritiro della candidatura di Diana Gutjahr, il consigliere nazionale ticinese è rimasto l'unico in lizza.

L'elezione di Regazzi, già favorito del Parlamento dell'USAM, si terrà il prossimo 28 ottobre a Friburgo

GORDOLA - La strada per la presidenza dell'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) è ormai libera per il consigliere nazionale, e imprenditore, Fabio Regazzi (PPD/TI). La diretta «rivale», la consigliera nazionale Diana Gutjahr (UDC/TG), ha infatti ritirato la propria candidatura. Regazzi è rimasto l'unico in lizza.

In una nota odierna, l'USAM spiega il ritiro della Gutjahr col desiderio di quest'ultima di rafforzare la coesione dell'organizzazione, coesione più necessaria che mai tenuto conto a suo dire del clima ostile verso l'economia, come dimostrerebbero le esigenze sempre maggiori chieste al settore.

L'elezione di Regazzi, già favorito dal parlamento dell'USAM, avrebbe dovuto tenersi alla fine di aprile, ma la crisi pandemica ha scombussolato il calendario. Il congresso durante il quale si terrà l'ormai certa «incoronazione» di Regazzi è stato quindi fissato al 28 di ottobre a Friburgo.

Regazzi prenderà il posto dell'ex consigliere nazionale Jean-François Rime (UDC/FR). Bocciato alle ultime elezioni, Rime aveva annunciato il desiderio di passare la mano. Regazzi, avvocato, è membro dell'importante Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale e titolare della Regazzi SA (industria metallurgica).

In vista della votazione del prossimo 27 di settembre sul congedo paternità, nel febbraio scorso Regazzi aveva sostenuto in un'intervista al Matin Dimanche che il progetto fosse «sopportabile» per le piccole e medie aziende (PMI). Il deputato di Gordola aveva affermato che all'interno dell'USAM le posizioni al riguardo erano molto più differenziate di quanto si sospettasse.

Il sostegno a un congedo paternità si sente soprattutto da parte delle PMI romande, aveva spiegato il ticinese al domenicale. Anch'egli, seppur poco convinto all'inizio, lo considera opportuno e sopportabile anche per i piccoli e medi imprenditori.

La proposta in votazione a settembre prevede che le due settimane - in una volta sola o spalmate su singoli giorni - vadano sfruttate entro sei mesi dalla nascita di un figlio. Il congedo sarebbe finanziato mediante le indennità per perdita di guadagno (IPG), per un onere finanziario globale stimato in 230 milioni di franchi all'anno. L'attuale aliquota per i contributi IPG (0,45%) dovrà essere aumentata di 0,05 punti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 5 mesi fa su tio
Se hanno potuto eleggere Chiesa a presidente dell'UDC nazionale,ben più possibilità avrà Regazzi nell'USAM, che è materia che ben conosce.Non è sicuramente di sinistra.
MIM 5 mesi fa su tio
Forse dovrebbe mollare qualcosa... e senza il forse
VECCHIOTTO 5 mesi fa su tio
Via tutti che ci sono io
ciapp 5 mesi fa su tio
ahiahiahi
Tenero72 5 mesi fa su tio
la volpe alla presidenza del pollaio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile