Depositphotos
CANTONE
24.08.20 - 06:270
Aggiornamento : 08:03

«Tra quelle mura, mia nonna sta diventando pazza»

Covid e case per anziani: la testimonianza drammatica di una nipote. Troppo isolamento. E ora?

Intanto il medico cantonale Giorgio Merlani ribadisce la volontà di introdurre allentamenti. E bacchetta le strutture che si sono rivelate troppo severe nell’applicare le direttive.

LUGANO - Da una parte le misure anti Covid, dall’altra solitudine e confinamento. Con gli anziani a uscirne sempre e comunque perdenti. Negli scorsi giorni il medico cantonale Giorgio Merlani ha annunciato possibili allentamenti per quanto riguarda gli ospiti delle case di riposo, e le visite da parte dei parenti. Intanto, però, sale la tensione tra chi ha un proprio caro, ormai da mesi, rinchiuso in una di queste strutture. Emblematica la testimonianza raccolta da Tio/20Minuti di una giovane alle prese con una situazione surreale.

Con la mascherina tutto il giorno – La nostra interlocutrice chiede il massimo anonimato. Anche sulla struttura in cui risiede la nonna. «Le direttive cantonali – sussurra – impongono l’obbligo della mascherina solo se i due metri di distanza non sono rispettati. Mia nonna, invece, è costretta a portare la mascherina sempre, tutto il giorno. Vi immaginate una persona anziana, che già si sente sola da mesi, costretta a vedere da marzo persone solo con maschere? Mai un’espressione del viso, mai un volto umano “intero”.  Chi non diventerebbe pazzo? Mia nonna sta male per questo».

Niente caffetteria e niente camera – Ma non è tutto. «Quando andiamo a trovare i nostri cari, l’accesso alla caffetteria è vietato. Così come quello alla camera. In questo modo non abbiamo nessuna idea di come il famigliare viva. L’accesso al giardino, invece, può essere concesso solo agli anziani che riescono a muoversi in maniera autonoma. Quindi gli anziani con mobilità limitata, o con deficienza intellettuale, sono doppiamente puniti».

Il tempo scorre – La ragazza in questione è fortemente scossa da come la nonna viene trattata. «Capisco pienamente che la si voglia proteggere dal nuovo coronavirus, evitando situazioni senza ritorno. Ma è altrettanto importante ponderare sulla bilancia i diversi bisogni. Io non capisco. La Confederazione sa che ci sono problemi. Decide di avviare degli studi sulla questione, ma poi preferisce delegare la responsabilità a livello cantonale. Il fatto è che il tempo scorre. Quando si è anziani, ogni giorno può essere fatale e portare con sé ferite molto difficili da guarire».

Una frecciata a chi ha esagerato – In diverse case di riposo si parla di anziani che, a causa del confinamento dovuto al Covid, hanno perso capacità intellettuali, o motorie. Giorgio Merlani, interpellato da Tio/20Minuti, ribadisce quanto aveva già dichiarato al quotidiano “La Regione”. Con qualche aggiunta. «I lavori per l’aggiornamento delle direttive sono in corso. Abbiamo constatato che diverse strutture applicano le direttive in maniera più restrittiva rispetto a quelle emanate lo scorso 3 giugno. È importante che ora le strutture realizzino che non hanno margini per imporre limitazioni della libertà maggiori rispetto alle direttive e che determinati allentamenti sono necessari. Negli scorsi giorni abbiamo quindi inviato una lettera alle strutture sottolineando questi aspetti».

La svolta è (forse) vicina – In merito alla possibilità di allentamenti e modifiche delle direttive del 3 giugno, Merlani aggiunge: «Le direttive seguono l’andamento epidemiologico della situazione. Di conseguenza vi saranno degli adeguamenti, anche per quanto riguarda le visite (si parla di visite più lunghe). Saranno fondamentali, come in ogni contesto, le misure di protezione che già conosciamo, e soprattutto il rispetto delle distanze e l’uso di mascherine».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Aveva tentato di recarsi in Siria, senza successo
La fedpol ha fornito nuove informazioni sulla donna che ieri ha ferito due persone alla Manor di Lugano.
ONSERNONE
2 ore
Mentre tagliava le piante, gli è caduto addosso un muro
L'incidente si è verificato in Valle Onsernone. Gravi ferite per un 52enne della regione
CANTONE
3 ore
«Sconcerto e delusione» per la conferenza stampa di ieri
Critiche da parte dell’Associazione ticinese dei giornalisti per come Gobbi e Cocchi hanno gestito la conferenza stampa
CANTONE
3 ore
Altre dieci vittime del Covid-19 in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore 21 persone sono state ricoverate in ospedale, mentre 29 lo hanno lasciato.
CANTONE
4 ore
«Quando mi ha detto “ti ammazzo” qualcosa si è rotto»
Quella di Federica è solo una delle tante, troppe, storie di violenza. Che non è solo fisica, ma psicologica, verbale
FOTO E VIDEO
MAROGGIA
6 ore
«Un colpo duro per tutti. Maroggia ha perso il suo ultimo simbolo»
Il Mulino apparteneva alla famiglia Fontana da 42 anni ed era stato tramandato di padre in figlio.
CANTONE
7 ore
Il Ticino chiama Berna
Un'iniziativa cantonale chiede di modificare il codice penale, a tutela delle donne vittima di violenza
CANTONE
15 ore
«Già coinvolta in un'indagine legata al terrorismo»
La Fedpol conferma il possibile ruolo della donna in fatti legati al terrorismo jihadista
LUGANO
18 ore
«Questa aggressione si ricollega ai casi in Francia e a Morges»
Le Autorità fanno il punto sul presunto attacco di matrice terroristica verificatosi alla Manor.
FOTO
LUGANO
20 ore
Accoltellamento alla Manor: «Non è escluso l'atto terroristico»
Fermata una 28enne domiciliata nel Luganese.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile