Se i rifiuti domestici finiscono nel lago
Foto lettore Tio/20minuti
LUGANO
31.08.20 - 06:300
Aggiornamento : 10:21

Se i rifiuti domestici finiscono nel lago

Quando piove molto, le canalizzazioni non riescono a trasportare tutta l'acqua e scaricano

Arrivano soluzioni. «Il problema sarebbe parzialmente risolto se la gente smettesse di gettare nel WC rifiuti come cotton fioc e assorbenti»

LUGANO - «Che schifo». Non ci sono molte parole ad accompagnare il video giunto in redazione. Le immagini mostrano uno scarico nel lago Ceresio, all'altezza di Rivetta Tell. La persona che ha ripreso le immagini parla di «sostanze maleodoranti», «spazzatura e rifiuti che finiscono nel lago», non così distante dalla Foce, dove «grandi e piccini fanno il bagno».

Gli scaricatori di piena - Basta rivolgersi all'Ufficio della protezione delle acque e dell’approvvigionamento idrico per scoprire che «lo scarico in questione è il canale Genzana che scorre intubato dalla zona della ex latteria Luganese a Massagno fino a piazza Indipendenza, per poi sfociare a lago in Rivetta Tell». Il canale Genzana «è principalmente alimentato dagli scaricatori di piena del consorzio di depurazione di Lugano e dintorni (CDALED), che riceve le acque di scarico dai comuni limitrofi», ci spiega il capoufficio Mauro Veronesi.

Dovrebbero essere "solo" acque molto diluite - Ma come finiscono i rifiuti nel lago? «Il sistema delle canalizzazioni di Lugano è perlopiù misto - continua Veronesi -, ovvero le acque meteoriche si mescolano a quelle luride durante le piogge. Quando le precipitazioni sono troppo intense, le canalizzazioni miste non ce la fanno a trasportare tutta l’acqua e scaricano nei ricettori (fiumi o lago)». In realtà sono «acque molto diluite» che possono però contenere residui di rifiuti domestici. Una situazione «fisiologica e inevitabile», aggiunge il capo dell'Ufficio della protezione delle acque.

Soluzioni provvisorie - Se il problema sono le forti piogge, la soluzione è la separazione delle acque meteoriche da quelle luride. «Consorzi e comuni stanno progressivamente provvedendo alla separazione. Ma si tratta di interventi onerosi dal profilo tecnico e finanziario, soprattutto nei centri abitati, per cui ci vorrà del tempo», precisa Veronesi. Nel frattempo, gli scaricatori di piena sono stati dotati «di griglie in grado di trattenere i rifiuti solidi». Inoltre, «si costruiscono bacini di chiarificazione in rete in grado di far sedimentare e trattenere le sostanze solide».

Al lavoro per cambiare le cose - Il materiale che si vede nel video, proveniva dunque dagli scaricatori di piena che si immettono nel canale Genzana più a monte. La progressiva separazione delle acque (meteoriche da luride) e l’eliminazione di acque parassite (da riali intubati, drenaggi, ecc.) migliorerà in futuro la situazione. «Ci vorrà un po’ di pazienza - spiega il capoufficio -, ma posso confermare che Città di Lugano e CDALED stanno lavorando alacremente alla risoluzione del problema».

«Non gettate rifiuti nel WC» - Veronesi coglie quindi l'occasione per lanciare un appello alla popolazione: «La questione di fondo è che purtroppo nei WC vengono gettati rifiuti come bastoncini per le orecchie, assorbenti, pannolini e altro, che andrebbero smaltiti come rifiuti solidi urbani». Durante le forti piogge, gli scaricatori di piena entrano in funzione e questi rifiuti finiscono in fiumi e laghi. «Basterebbe sensibilizzare la gente il tal senso - conclude - e il problema sarebbe già parzialmente risolto».

Foto lettore Tio/20minuti
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
MENDRISIO
7 ore
«Oggi qualcuno sorride, ma altri piangono»
È entrato in vigore stamattina il divieto di transito attraverso il nucleo di Ligornetto. Non mancano però le lamentele.
CANTONE
8 ore
Tre nuove quarantene di classe in Ticino
Scendono a quota 7 gli ospedalizzati a causa del virus.
SONDAGGIO
CANTONE
10 ore
Canarie e Dubai fanno il pieno di turisti ticinesi
In vista delle vacanze autunnali, le prenotazioni sono in aumento. Ma non sono ancora al livello pre-crisi
CANTONE
12 ore
«Ci chiamano doule, accompagniamo alla vita, ma anche alla morte»
Assistono al parto, ma sono presenti anche al termine di una vita. Una di loro racconta cosa vuol dire essere doula.
CAPOLAGO
21 ore
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
1 gior
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
1 gior
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
1 gior
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
1 gior
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
1 gior
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile