Ti-Press
CANTONE
19.08.20 - 06:000

Partecipazione alle spese per l’assistenza sociale: trenta Comuni aspettano il nulla

L’iniziativa, lanciata oltre un anno e mezzo fa, è ancora ferma al palo. Imbarazzo in Piazza della Foca.

Addirittura, dopo più di 18 mesi, non ci sarebbe una persona incaricata di coordinare il dossier. Le giustificazioni del deputato Matteo Quadranti: «Tutto è finito nel calderone di Ticino 2020».

BELLINZONA - Aspetta e spera… Verrebbe da dire questo a chi a fine 2018 ha depositato presso il Cantone un’iniziativa comunale generica che chiedeva allo Stato di rivedere il modo in cui i Comuni devono partecipare alle spese per sostenere le persone in assistenza. Sì, perché dopo un anno e mezzo, tutto è ancora fermo al palo. Al punto di partenza. A confermarlo sono più parlamentari. 

Nomi di spicco – È il 24 di ottobre del 2018 quando viene depositato il testo dell’iniziativa, con Cadenazzo in prima linea. Otto al momento i Comuni che aderiscono. Diventeranno 30 in due mesi. Nella lista, tra gli altri, spiccano Bellinzona, Chiasso e Locarno. L’11 gennaio 2019 l’iniziativa viene dichiarata ufficialmente riuscita.

Un concetto solidale – Al Cantone si chiede in sostanza di riconoscere ai Comuni maggiormente colpiti dai costi provocati dalla spesa per l’assistenza sociale, uno sgravio dell’onere finanziario. Considerando in particolare fattori come, ad esempio, la forza finanziaria del Comune, e non più solo il numero di persone in assistenza che risiedono nello stesso Comune. Un concetto più solidale che permetterebbe risparmi ai Comuni finanziariamente più deboli. Verrebbe, inoltre, introdotto il concetto di Comune virtuoso, valorizzando quei Comuni che mostrano impegno nel proporre iniziative volte a prevenire il fenomeno dell’assistenza.      

Tutto tace – In Piazza della Foca tutto tace. Sulla questione, il Gran Consiglio sarebbe stato sollecitato più di una volta nel corso degli ultimi 18 mesi. Invano. I Comuni coinvolti avrebbero una riunione in programma a inizio settembre. Ma possono già mettersi il cuore in pace. A Bellinzona nulla si è mosso.

Caverzasio ha mollato la patata bollente – Inizialmente la patata bollente era nelle mani di Daniele Caverzasio (Lega), nel frattempo diventato presidente del Gran Consiglio. «E da quando ho assunto questa carica – ammette –, ho cercato di assumere un ruolo “super partes”. Quindi non mi occupo più di commissioni specifiche».

Come un minestrone – Palla dunque nel campo di Matteo Quadranti (PLRT), coordinatore della sottocommissione della gestione, che tuttavia non pare avere novità di rilievo da annunciare. «C’è stata la tendenza a mettere un po’ tutto nel calderone della riforma di Ticino 2020», si limita a commentare. 

Alcune iniziative si concretizzano dopo anni e anni – Già, ma questo era un tema importante. Possibile che dopo un anno e mezzo non si sia mossa una mosca? «C’è stato il Covid di mezzo, ma non deve essere una scusa. Su alcune iniziative particolarmente complesse possono passare anni prima di arrivare a qualcosa di concreto».

La riunione di settembre – Il problema è che l’iniziativa, al momento, non si trova nemmeno sotto la lente di Quadranti. «Non è ancora stato nominato un responsabile del dossier – dice –. È arrivato relativamente da poco da noi. In ogni caso, a settembre, prevediamo di fare un incontro con il Consiglio di Stato. Si parlerà di Ticino 2020 e dunque, per forza, anche di questa iniziativa».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
4 ore
Brucia l'auto del medico: condannato
Un 58enne se l'era presa per un'operazione «andata male». Ed è finito davanti al giudice
LUGANO
5 ore
È la sola al mondo ad avere quella malattia: lo scopre dopo 7 anni
L’incredibile percorso di Silvia Arioli, classe 1982: «Ho trovato la verità solo perché sono caparbia e “del mestiere”».
LUGANO
7 ore
Delitto alla pensione La Santa: l'accusa è assassinio
Il 34enne austriaco dovrà rispondere davanti al giudice dei fatti avvenuti lo scorso 17 dicembre a Viganello.
PAMBIO-NORANCO
8 ore
Sparisce un'urna tra le lapidi
Cimitero profanato. La denuncia è stata confermata da Marco Regazzoni, comandante della Polizia Ceresio Sud.
CANTONE
9 ore
Sfruttamento della prostituzione: arresti confermati
Due soggetti, già finiti in manette, avrebbero gestito un giro di "lucciole" presso diversi appartamenti.
CANTONE
9 ore
Pazienti oncologici col coronavirus monitorati a distanza
Si tratta di un progetto pilota dello IOSI, premiato al congresso della Società svizzera di ricerca sul cancro
CANTONE
9 ore
Salario minimo: sarà «fisso, garantito e prevedibile»
Il Governo adotta il nuovo regolamento. Viene anzitutto specificata la nozione di “stagista”
CANTONE
10 ore
Rientrano in gioco anche i cinque procuratori "bocciati"
La Commissione Giustizia e diritti ha proposto al Parlamento 27 nomi ritenuti idonei alla carica di procuratore pubblico
CANTONE
13 ore
«Messi in circolazione 2'000 chili di canapa e hashish»
Avviata nel 2017, l'indagine è stata condotta dalla Polizia cantonale in collaborazione con agenti spagnoli e italiani.
CANTONE
14 ore
Altri quattro decessi in Ticino, 128 i nuovi positivi
Da inizio pandemia sono 542 le vittime del coronavirus nel nostro cantone.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile