Tipress
Si chiama "passeggiata" non corsa
AGNO
12.08.20 - 06:010

Il Municipio chiede dossi, il Cantone: «Non si può»

La convivenza sulla frequentata passeggiata "Bill Arigoni" è messa a rischio dalla velocità dei ciclisti

Le limitazioni sul tracciato proposte dall'Esecutivo di Agno non trovano però il via libera degli uffici cantonali. La legislazione concede possibilità d'intervento «molto limitate»

AGNO - Vanno vengono, ogni tanto si fermano. Ma più che altro sfrecciano. E quando incrociano un passante spesso sono scintille. Una tensione quasi elettrica, come il motorino che sospinge le due ruote. Parliamo dei margini di convivenza sempre più stretti e tesi tra pedoni e velocipedi sulle ciclopedonali. 

Tensioni quasi quotidiane - Un problema che risulta particolarmente sentito sulla popolare passeggiata che costeggia il golfo tra Agno e Magliaso. «Quotidianamente, in particolare all’inizio della stagione turistica, riceviamo email di persone che si lamentano per l’eccessiva velocità dei ciclisti» confermano dalla Cancelleria di Agno. La “Passeggiata” intitolata al compianto granconsigliere Bill Arigoni è infatti molto amata da chi si sposta a piedi, in particolare dalle famiglie con piccoli e passeggini al seguito. Ma il suo tracciato fuori dal traffico ha vieppiù attirato i ciclisti. Non sono rari i gruppi di cicloamatori che così bypassano la strada cantonale al Vallone, ma numerosi sono anche gli e-biker che apprezzano la via sgombra di ostacoli. Tanto da sfrecciare a velocità spesso eccessiva, incrociandosi pericolosamente con chi passeggia.

Il Municipio propone - Spinto ad intervenire dai malumori montanti, il Municipio di Agno ha chiesto al Cantone immediati interventi a protezione degli utenti. Non solo chiesto, ma ha anche suggerito la strada da seguire: vietando, ad esempio, l’uso della passeggiata a determinate categorie di ciclisti (leggasi e-biker) oppure introducendo un limite di velocità o degli ostacoli fisici - cunette - nei punti di scarsa visibilità (ad esempio, la curva di fronte al circolo velico).

Il Cantone: pochi margini - Proposte che però non hanno trovato luce verde da Bellinzona. Le possibilità di intervento sono «molto limitate» ha spiegato Giovanni Simona, capo dell’Ufficio dei servizi di manutenzione. Questione di legge, «non si può impedire alle biciclette l’uso di una ciclopista». Altrettanto arduo comminare multe per velocità, dal momento che il ciclista non è obbligato ad avere un tachimetro sul proprio mezzo.

«Ma anche i pedoni...» - La stessa posa di eventuali dossi potrebbe acuire in realtà i rischi: «Non si può moderare le biciclette con gli stessi provvedimenti, che si usano per i veicoli a motore, perché potrebbero essere la causa di incidenti con conseguenze anche gravi per i ciclisti» rileva Simona, secondo il quale: «Non esistono, a mia conoscenza, provvedimenti di moderazione normalizzati per le biciclette». In difesa di queste ultime, il capoufficio evidenzia che «anche i pedoni dovrebbero prestare attenzione alle biciclette avendo particolare riguardo a non ostacolare il loro passaggio. Il tema a mio parere è piuttosto da ricondurre all'educazione e alla sensibilità di tutti gli utenti». 

Buonsenso di marcia - Morale? Come nelle convivenze difficili il Cantone fa appello al «buonsenso di tutti i protagonisti». E promette di aggiungere sulla cartellonistica di propria competenza un invito a circolare lentamente. Basterà? Ci permettiamo di dubitarne.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
skorpio 1 anno fa su tio
Era nata come "pedonale" non per niente si chiama Passeggiata....per cui la soliuzione è facile: ciclisti devono andare sulla cantonale,punto.
lollo68 1 anno fa su tio
Chi ha il mezzo più veloce deve fare attenzione a chi va più piano. Se chi cammina tiene la destra dovrebbe esserci spazio sufficiente per il sorpasso con cautela.
tip75 1 anno fa su tio
le bici e i pedoni non si possono mescolare eppure i nostri pianificatori continuano a farlo anche sui tracciati nuovi...la domanda è quale parte della materia grigia gli manca???
sedelin 1 anno fa su tio
delimitare la pista ciclabile da quella pedonale con una striscia gialla, come si fa per i bambini.
mmoroni 1 anno fa su tio
Basterebbe usare i freni.......e munirsi di campanelli non irritanti.
Giovanii 1 anno fa su tio
Tutti a cavallo.
F/A-18 1 anno fa su tio
@Giovanii Siamo alla frutta, consiglio un buon libro di come si viveva anche solo 100 anni fa, il nostro vivere è parecchio malato, urgono medicine......., il virus purtroppo non ci ha migliorato, forse qualcosa di più pesante?
cle72 1 anno fa su tio
Purtroppo l'educazione è alla base di tutto. Oggi molti non sanno cosa sia. Non l ho mai fatta e dunque non so se sono demarcatee corsie per pedoni e ciclisti. Basterebbe questo ognuno nella sua corsia. Ovviamente ciclisti a velocità moderata e pedoni nella propria corsia. Niente di complicato.
Evry 1 anno fa su tio
Una grande parte dei ciclist iNON rispettono i pedoni e gli altri utenti delle strade ma si sentono PADRONI delle strade e dei MARCIAPIEDI !
comp61 1 anno fa su tio
@Evry Sicuro, come i pedoni che camminano in mezzo alla ciclopista, bambini che scorazzano liberi ecc. difficile convivenza. In altri posti dove c’è veramente la cultura del muoversi in bici, tutti hanno la propria pista.
Shion 1 anno fa su tio
@Evry Stesso discorso riguardo ai pedoni (non sono ciclista)
ctu67 1 anno fa su tio
Tranquilli io sono un ciclista. Ma prima di intervenire ci deve scappare il ferito grave.!!! Dopo Tutti sapevano che sono pericolosi gli e-ciclisti inesperti(70% dei possessori di ebike e minkiamonopattini!!!,)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
46 min
Sfonda la vetrina con il Suv
Incidente questa mattina davanti alla stazione di Mendrisio. Un brutto spavento, ma nessun ferito
CONFINE
2 ore
Turisti del tampone, oltre frontiera per risparmiare
In Germania costa 14 euro, in Italia 15. Ma c'è chi per i ticinesi rialza il prezzo anche del 60 per cento
CANTONE
3 ore
Covid, i pazienti in cure intense salgono a due
I ricoverati a causa del virus restano nove.
CANTONE
4 ore
Meno auto, moto, bus e treni (ma più biciclette)
Il Dipartimento del territorio ha pubblicato oggi il rapporto "La mobilità in Ticino nel 2020".
LOCARNO
5 ore
«Volevo aiutare i "piccoli" a sopravvivere»
Economia e Covid: ecco come e perché Katia Roncoroni, 50enne di Losone, si è reinventata influencer marketing.
CANTONE
7 ore
Meno di 30 anni e già con il fegato compromesso
La pandemia ha acutizzato le dipendenze da alcol, che possono sfociare in gravi problemi di salute.
CANTONE
17 ore
Ticinesi pazzi per la sella: «Ne vendiamo tre tonnellate al mese»
La sella di capriolo è uno dei piatti maggiormente in voga in questo periodo dell’anno. E i numeri lo confermano.
TENERO
19 ore
In spiaggia anche in inverno
Ripartire da una disavventura? Capita al bagno pubblico, colpito pesantemente dal maltempo lo scorso luglio.
LUGANO
21 ore
Tassisti aggrediti dal branco
Un pestaggio è avvenuto sabato notte in Via Pretorio: due persone sono rimaste lievemente ferite.
MENDRISIO
22 ore
Colpo di scena: Ligornetto riapre al traffico in transito
La misura non potrà essere attuata, fintanto che il TF non si sarà espresso sull'effetto sospensivo richiesto da Stabio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile