Tipress
Si chiama "passeggiata" non corsa
AGNO
12.08.20 - 06:010

Il Municipio chiede dossi, il Cantone: «Non si può»

La convivenza sulla frequentata passeggiata "Bill Arigoni" è messa a rischio dalla velocità dei ciclisti

Le limitazioni sul tracciato proposte dall'Esecutivo di Agno non trovano però il via libera degli uffici cantonali. La legislazione concede possibilità d'intervento «molto limitate»

AGNO - Vanno vengono, ogni tanto si fermano. Ma più che altro sfrecciano. E quando incrociano un passante spesso sono scintille. Una tensione quasi elettrica, come il motorino che sospinge le due ruote. Parliamo dei margini di convivenza sempre più stretti e tesi tra pedoni e velocipedi sulle ciclopedonali. 

Tensioni quasi quotidiane - Un problema che risulta particolarmente sentito sulla popolare passeggiata che costeggia il golfo tra Agno e Magliaso. «Quotidianamente, in particolare all’inizio della stagione turistica, riceviamo email di persone che si lamentano per l’eccessiva velocità dei ciclisti» confermano dalla Cancelleria di Agno. La “Passeggiata” intitolata al compianto granconsigliere Bill Arigoni è infatti molto amata da chi si sposta a piedi, in particolare dalle famiglie con piccoli e passeggini al seguito. Ma il suo tracciato fuori dal traffico ha vieppiù attirato i ciclisti. Non sono rari i gruppi di cicloamatori che così bypassano la strada cantonale al Vallone, ma numerosi sono anche gli e-biker che apprezzano la via sgombra di ostacoli. Tanto da sfrecciare a velocità spesso eccessiva, incrociandosi pericolosamente con chi passeggia.

Il Municipio propone - Spinto ad intervenire dai malumori montanti, il Municipio di Agno ha chiesto al Cantone immediati interventi a protezione degli utenti. Non solo chiesto, ma ha anche suggerito la strada da seguire: vietando, ad esempio, l’uso della passeggiata a determinate categorie di ciclisti (leggasi e-biker) oppure introducendo un limite di velocità o degli ostacoli fisici - cunette - nei punti di scarsa visibilità (ad esempio, la curva di fronte al circolo velico).

Il Cantone: pochi margini - Proposte che però non hanno trovato luce verde da Bellinzona. Le possibilità di intervento sono «molto limitate» ha spiegato Giovanni Simona, capo dell’Ufficio dei servizi di manutenzione. Questione di legge, «non si può impedire alle biciclette l’uso di una ciclopista». Altrettanto arduo comminare multe per velocità, dal momento che il ciclista non è obbligato ad avere un tachimetro sul proprio mezzo.

«Ma anche i pedoni...» - La stessa posa di eventuali dossi potrebbe acuire in realtà i rischi: «Non si può moderare le biciclette con gli stessi provvedimenti, che si usano per i veicoli a motore, perché potrebbero essere la causa di incidenti con conseguenze anche gravi per i ciclisti» rileva Simona, secondo il quale: «Non esistono, a mia conoscenza, provvedimenti di moderazione normalizzati per le biciclette». In difesa di queste ultime, il capoufficio evidenzia che «anche i pedoni dovrebbero prestare attenzione alle biciclette avendo particolare riguardo a non ostacolare il loro passaggio. Il tema a mio parere è piuttosto da ricondurre all'educazione e alla sensibilità di tutti gli utenti». 

Buonsenso di marcia - Morale? Come nelle convivenze difficili il Cantone fa appello al «buonsenso di tutti i protagonisti». E promette di aggiungere sulla cartellonistica di propria competenza un invito a circolare lentamente. Basterà? Ci permettiamo di dubitarne.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
skorpio 10 mesi fa su tio
Era nata come "pedonale" non per niente si chiama Passeggiata....per cui la soliuzione è facile: ciclisti devono andare sulla cantonale,punto.
lollo68 10 mesi fa su tio
Chi ha il mezzo più veloce deve fare attenzione a chi va più piano. Se chi cammina tiene la destra dovrebbe esserci spazio sufficiente per il sorpasso con cautela.
tip75 10 mesi fa su tio
le bici e i pedoni non si possono mescolare eppure i nostri pianificatori continuano a farlo anche sui tracciati nuovi...la domanda è quale parte della materia grigia gli manca???
sedelin 10 mesi fa su tio
delimitare la pista ciclabile da quella pedonale con una striscia gialla, come si fa per i bambini.
mmoroni 10 mesi fa su tio
Basterebbe usare i freni.......e munirsi di campanelli non irritanti.
Giovanii 10 mesi fa su tio
Tutti a cavallo.
F/A-18 10 mesi fa su tio
@Giovanii Siamo alla frutta, consiglio un buon libro di come si viveva anche solo 100 anni fa, il nostro vivere è parecchio malato, urgono medicine......., il virus purtroppo non ci ha migliorato, forse qualcosa di più pesante?
cle72 10 mesi fa su tio
Purtroppo l'educazione è alla base di tutto. Oggi molti non sanno cosa sia. Non l ho mai fatta e dunque non so se sono demarcatee corsie per pedoni e ciclisti. Basterebbe questo ognuno nella sua corsia. Ovviamente ciclisti a velocità moderata e pedoni nella propria corsia. Niente di complicato.
Evry 10 mesi fa su tio
Una grande parte dei ciclist iNON rispettono i pedoni e gli altri utenti delle strade ma si sentono PADRONI delle strade e dei MARCIAPIEDI !
comp61 10 mesi fa su tio
@Evry Sicuro, come i pedoni che camminano in mezzo alla ciclopista, bambini che scorazzano liberi ecc. difficile convivenza. In altri posti dove c’è veramente la cultura del muoversi in bici, tutti hanno la propria pista.
Shion 10 mesi fa su tio
@Evry Stesso discorso riguardo ai pedoni (non sono ciclista)
ctu67 10 mesi fa su tio
Tranquilli io sono un ciclista. Ma prima di intervenire ci deve scappare il ferito grave.!!! Dopo Tutti sapevano che sono pericolosi gli e-ciclisti inesperti(70% dei possessori di ebike e minkiamonopattini!!!,)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
TENERO
3 ore
Tensione al centro Tertianum Al Vigneto
Dipendenti scontenti per quanto starebbe accadendo nelle ultime settimane. Nel mirino la nuova direttrice. 
GAMBAROGNO
6 ore
Quanto è complicato avere un cane da protezione
Greggi e lupo: la recente giornata informativa del Cantone mette a nudo tutte le difficoltà dei contadini.
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
La danza che unisce, premiati due progetti ticinesi
MOPS_DanceSyndrome e Mix-Dance New Ability si sono spariti il premio principale dell'associazione ilmioequilibrio.
BELLINZONA
12 ore
Ristrutturazione del Liceo: «Un progetto che nasce vecchio»
L'MPS prende posizione rispetto al piano pensato dal Governo e non risparmia critiche.
CANTONE / SVIZZERA
15 ore
Niente più mascherine sui marciapiedi delle stazioni
La decisione è stata presa dopo che il Consiglio federale ha revocato l'obbligo d'indossarla all'aperto.
CANTONE
16 ore
Il ventiseiesimo giorno senza decessi
In Ticino si segnalano altri cinque contagi in ventiquattro ore
CANTONE
17 ore
Un Super Puma per la radioattività
Il 30 giugno l'elicottero effettuerà dei voli di misurazione sopra Lugano e altre aree ticinesi
CANTONE / SVIZZERA
18 ore
In Svizzera si contano 343'000 frontalieri
Alla fine del 2020 la percentuale più alta si registrava in Ticino. Un ritratto dei lavoratori provenienti dall'estero
LUGANO
20 ore
Il neonato paga la piscina: ma il Comune rimedia
Tariffe "baby" fino a tre anni nei Lidi della Città. Il caso di un bambino di 14 giorni a Carona
CANTONE
21 ore
Non banalizzate la montagna, il pericolo è dietro l'angolo
Affinché le vette ticinesi siano luoghi di piacere non bisogna sottovalutarle: i consigli di Montagne Sicure
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile