Ti-Press
CANTONE
11.08.20 - 18:330
Aggiornamento : 19:44

Poveri anziani: questo è un 2020 da film dell’orrore

Isolamento da Covid. Soprattutto chi si trova in una casa di riposo continua a pagare un prezzo altissimo.  

Il recente appello del presidente della Società professionale svizzera di geriatria ha evidenziato una situazione drammatica. Molti ospiti accusano la perdita di capacità cognitive o motorie.

BELLINZONA - Ospiti delle strutture per anziani sempre più vittime del Covid-19. E non solo per il rischio di ammalarsi o di morire. No, i rappresentanti della "quarta età" che vivono in una casa di cura, in questo tremendo 2020, stanno pagando pegno anche dal punto di vista dei rapporti umani, dell’autostima, della lucidità mentale. Molti registrano peggioramenti dal profilo cognitivo e motorio. «Essere in una casa di riposo oggi – ammette Gabriele Fattorini, direttore di Pro Senectute Ticino e Moesano – è dura. E questo nonostante il grande impegno degli addetti ai lavori». 

Da un estremo all'altro – Difficilissima anche la posizione di chi si trova a doverle gestire, queste strutture. Come non dimenticare le polemiche legate al propagarsi del Covid in alcune case per anziani del Bellinzonese? Ma, citando un estremo opposto trattato da Tio/20 Minuti, hanno fatto altrettanto rumore le norme applicate in maniera rigidissima dalla Casa don Guanella di Maggia, con relative lamentele da parte dei famigliari.

Solitudine canaglia – «La sensazione – fa notare Giampaolo Cereghetti, presidente dell’Associazione Ticinese Terza Età – è che diversi anziani in questi mesi abbiano perso in lucidità mentale e in mobilità. Lo abbiamo notato anche tra gli anziani più attivi, di cui noi ci occupiamo in prevalenza. La maggior parte delle attività sono state sospese per mesi. La solitudine per alcuni è stata terribile».

C'è chi si è sentito uno scarto – Cereghetti è esplicito: «C’è chi ha perso colpi da un profilo cognitivo. Molti si sono sentiti turbati dal fatto di ricevere tutti i giorni informazioni contraddittorie da parte del mondo scientifico. Non è colpa di nessuno, il Covid-19 non lo si conosceva. Ma è normale che c’è chi si sia sentito uno scarto della società. Quando poi si sente dire che per un vaccino valido passeranno anni, una persona anziana può facilmente scoraggiarsi. Perché sa che si trova già nell’ultima parte della sua esistenza».    

L'appello che forse muoverà le acque – Le visite nelle case per anziani vanno favorite. Non proibite. Lo ha chiesto a gran voce di recente il presidente della Società professionale svizzera di geriatria, Andreas Stuck. «Gli anziani stanno pagando un prezzo altissimo di fronte a questa situazione – sostiene Fattorini –. Pensiamo ai molti mesi in cui non hanno potuto vedere nipotini e parenti. Un allentamento nelle case di riposo ce lo auspichiamo tutti. Ma è evidente come i direttori vivano nell’incubo, comprensibile, di fare un passo falso».   

In attesa di nuove decisioni – Una cosa è certa. Così non si può continuare. Altrimenti gli ospiti delle case di cura, al posto di ammalarsi di Covid-19, avranno comunque sempre più ulteriori effetti collaterali. Eliano Catelli, presidente della ADiCASI, associazione che raggruppa una cinquantina di direttori di case per anziani, interpellato sulla questione, replica così: «I piani di protezione delle case per anziani devono rispettare le direttive dell’Ufficio del medico cantonale. Seguendo l’evoluzione della situazione e tenendo in considerazione le osservazioni ricevute dai diversi specialisti, le stesse direttive vengono aggiornate nel tempo. In questo senso, è previsto a breve un incontro con il Cantone per valutare quali allentamenti è necessario adottare per salvaguardare il benessere dei residenti, senza aumentare sensibilmente i rischi di contagio. Nel mentre le case per anziani, pur auspicando degli allentamenti, hanno il dovere di attenersi scrupolosamente a quanto stabilito nella direttiva del 29 maggio scorso».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
6 ore
Scontro tra un'auto e una bici: ciclista in pericolo di vita
L'uomo è un 63enne della regione. Alla guida della vettura una 86enne domiciliata nel Luganese.
LUGANO
9 ore
Se l'arte urbana passa dal Wi-Fi
Presentato questa mattina da Leonardo Angelucci "Wi-Fi: Looking for networks", attivo da novembre
FOTO
CAMORINO
11 ore
Moto contro la barriera metallica
Sul posto due auto della polizia. Chiusa la corsia di sorpasso.
CANTONE / SVIZZERA
14 ore
Quando "la plastica" si vede nella pipì dei bambini
Trovate anche tracce di bisfenolo A, classifica come sostanza con effetti tossici
CANTONE / URI
16 ore
Le vacanze autunnali bloccano il San Gottardo
La coda al portale nord della galleria ha già toccato i 10 chilometri
FOTO
CANTONE
1 gior
«In classe distanti, sui bus ammassati»
Azione di protesta quest'oggi in diversi istituti scolastici.
CANTONE
1 gior
Beccato dal radar a 100 km/h sui 50, poliziotto a processo anche se era un'emergenza
Il prossimo 9 ottobre un agente della Cantonale sarà giudicato alle Assise correzionali di Lugano
CHIASSO
1 gior
Pelli all'asta
La curiosa vendita all'incanto organizzata dall'Ufficio di esecuzione
CANTONE
1 gior
I radar risparmiano (ancora) solo la Valle di Blenio
La prossima settimana i controlli della velocità mobili avranno luogo in sei distretti su otto.
BELLINZONA
1 gior
Mamme tremende, col SUV quasi in classe
Nuove segnalazioni dalla zona delle scuole nord. Il municipale Roberto Malacrida: «Chiediamo più rispetto».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile