tipress
SVIZZERA
10.08.20 - 08:300
Aggiornamento : 09:26

I genitori potranno portare i figli a scuola?

Dipende dalla scuola. Alcune lo vietano espressamente. Oggi il Ticino chiarirà la sua strategia

Il Decs ha pronti tre scenari, ma intanto gli psicologi avvertono: «Evitare divieti troppo drastici»

BERNA - Tempo di vacanze, e il ritorno a scuola è già un grattacapo per molte mamme e papà. Il Consiglio di Stato si appresta a comunicare (lo farà oggi alle 11, in conferenza stampa) quale dei tre scenari ha deciso di adottare per gli scolari ticinesi. Intanto, da oltre Gottardo arriva un'anticipazione confusa di quanto potrebbe succedere - si spera di no - da noi a settembre.

A far discutere nelle ultime ore, in particolare, la decisione di alcune scuole e asili di vietare l'ingresso ai genitori il primo giorno di scuola. Dai cantoni Argovia e Basilea Città si sono levati i primi cori di protesta. «Non ho intenzione di scaricare mio figlio in un piazzale il primo giorno d'asilo» ha dichiarato a 20 Minuten la mamma di un bambino di 3 anni di Gränichen (AG). «Ho scritto una mail alla scuola perché si trovi un'altra soluzione». 

Il punto è che - siamo alle solite - una normativa a livello svizzero non esiste. Basilea Città ha deciso di bandire i genitori da tutte le scuole, cantonali e comunali. In Argovia, invece, ogni istituto ha mano libera. Nel comune di Ehrendingen, i genitori possono accompagnare i loro figli purché indossino una maschera. A Murgenthal invece un genitore può presentarsi con i figli alla scuola materna, non alla scuola primaria. A Gränichen, invece, il divieto è esteso anche agli asili. 

Una misura esagerata, quest'ultima, secondo lo psicologo dell'apprendimento Fabian Grolimund. «Il momento dell'introduzione in un ambiente nuovo è importate per un bambino. La presenza di un genitore lo aiuta ad acquisire fiducia e ad ambientarsi». Se il "passaggio di consegne" non può avvenire in aula, «si dovrebbe almeno poter organizzare un incontro all'aperto».

Difficile far digerire ai bambini una situazione così anomala. «Il primo giorno di scuola è già abbastanza emozionante di per sé - osserva Grolimund -. Se in più le maestre si mettessero a spiegare ai bambini i rischi legati al virus, peggiorerebbero solo la situazione». 

 «È una situazione complicata. Nel prossimo futuro i divieti saranno tanti» afferma Dagmar Rösler, presidente dell'Associazione svizzera degli insegnanti (LCH). «Gli amministratori scolastici hanno un peso enorme sulle spalle. Nessuno vuole prendersi la responsabilità di un contagio o magari di dover chiudere una scuola». Accontentare tutti è impossibile, ma Rösler crede che il buonsenso prevarrà: «Sono sicuro che nonostante i provvedimenti ci siano modi per festeggiare in modo creativo il primo giorno, superando le paure reciproche». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
RIAZZINO
1 ora
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
5 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
6 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
8 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
9 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
13 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
13 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
15 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
15 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
17 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile