Ti Press
CANTONE
06.08.20 - 15:270
Aggiornamento : 15:59

«L'accordo sui frontalieri può essere disdetto unilateralmente»

A dirlo è il parere legale commissionato dal Governo all'Università di Lucerna.

L'accordo è da considerarsi indipendente rispetto alla Convenzione per evitare la doppia imposizione.

BELLINZONA - Un'eventuale disdetta unilaterale dell’Accordo del 1974 tra la Svizzera e l’Italia relativo all’imposizione dei lavoratori frontalieri, in particolare sulla Convenzione per evitare la doppia imposizione (CDI-CH/I), è possibile. A dirlo è la Professoressa Dr. iur. Andrea Opel dell'Università di Lucerna, alla quale il Consiglio di Stato aveva commissionato un parere legale.

Secondo l’analisi dell’Università di Lucerna, l’Accordo sull’imposizione dei lavoratori frontalieri «è da considerarsi quale contratto indipendente esistente a complemento della CDI-CH/I. Non vi sono chiare indicazioni che, con la conclusione della CDI-CH/I, l’accordo sui frontalieri sarebbe stato implicitamente annullato. Ai sensi dell’art. 15 par. 4 CDI-CH/I si evince piuttosto che l’accordo sui frontalieri trova applicazione per quanto concerne la tassazione dei lavoratori frontalieri. Da ciò si può dedurre una coesistenza di entrambi i contratti».

«L’accordo sui frontalieri non contiene alcuna disposizione riguardante la sua rescissione. Tuttavia, può essere disdetto unilateralmente anche senza tale disposizione, in quanto si tratta di un contratto che, per la sua natura giuridica, ha una possibilità di rescissione intrinseca», si legge ancora sull'analisi. In altre parole, una disdetta dell’accordo sui frontalieri non intaccherebbe la CDI-CH/I. Visto che l’art. 15 par. 4 CDI-CH/I dichiara esplicitamente che gli art. 1-5 dell’accordo sui frontalieri sono “parte integrante” della convenzione, «si deve partire dal presupposto che questi articoli, per quanto concerne l’applicazione della CDI-CH/I, continuino ad esplicare i loro effetti. Ne consegue che una disdetta dell’accordo sui frontalieri non avrebbe conseguenze».

Il Governo cantonale ha ora trasmesso copia dello studio al Consiglio federale e chiesto un incontro allo scopo di ricevere un aggiornamento sullo stato delle negoziazioni in corso con la controparte italiana per la firma del nuovo accordo sull’imposizione dei lavoratori frontalieri, così come per discutere di altre possibili opzioni praticabili.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / ITALIA
8 min
"Un buono Amazon da 150€". Ma è una truffa
Nelle scorse settimane molti hanno condiviso nelle stories uno screenshot taggando un profilo fake
LUGANO
2 ore
Cinquanta abeti dentro il Municipio
Così Lugano ha festeggiato oggi l'accensione dell'albero, con un concerto in diretta streaming
CANTONE / SAN GALLO
3 ore
Pronta al via, la SOB crea «oltre 200 posti di lavoro», ma non in Ticino
Dal 13 dicembre la società sangallese opererà sulla tratta panoramica del Gottardo.
CANTONE
4 ore
«Non giochiamoci nonni e genitori per un Natale»
Covid-19: l'imprenditore e musicista Antonio Andali ospite di piazzaticino.ch. Guarda la video intervista.
MENDRISIO
5 ore
2 gatti e 1 cane vittime di bocconi avvelenati, intervengono i bambini
Gli allievi della 5B di Arzo mettono in guardia la popolazione: «Sono orribili atti crudeli. Ci sono cuori che soffrono»
FOTO E VIDEO
CANTONE
6 ore
Arriva la prima neve a sud delle Alpi
In giornata attesa qualche spruzzata anche in pianura.
FOTO E VIDEO
SERRAVALLE
6 ore
Tre minorenni dietro il rogo di una stalla
L'incendio era divampato il 5 settembre in via Mondate a Malvaglia.
CANTONE / BERNA
7 ore
Ceneri: dal 13 dicembre treni in galleria
Rilasciata alle FFS l'autorizzazione necessaria.
CANTONE
10 ore
Un giapponese da quarantena
Lo scarabeo di Newman è diffuso ormai in tutto il Sottoceneri. L'Ufag creerà una "zona rossa" con misure di contenimento
CANTONE
11 ore
Ticinesi sugli scudi agli SwissSkills
Si sono conclusi i campionati svizzeri delle professioni, che quest'anno si sono svolti in modo decentralizzato.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile