tipress
CANTONE
10.08.20 - 06:340
Aggiornamento : 10:01

C'è un iceberg d'amianto in Ticino

Il "killer dormiente" continua a fare vittime. E nelle nostre case ne spunta sempre di più

In cinque anni i quantitativi smaltiti sono aumentati di sette volte. Il Cantone: «Difficile fare stime, ma il problema è diffusissimo»

BELLINZONA - È un male silenzioso. Che colpisce a decenni di distanza. Ne sanno qualcosa gli orfani e le vedove degli ex dipendenti delle Officine di Bellinzona: almeno cinque quelli che, in pensione, sono deceduti per tumori riconducibili alla stessa causa. 

Il caso è scoppiato un anno fa: ma l'amianto continua a far discutere in Ticino. Le vittime del "killer dormiente" a livello federale sono in media 120 l'anno: nel nostro Cantone si contano sulle dita di una mano, ma in futuro - secondo la Suva - potrebbero aumentare anche del 40 per cento

«Il problema è tutt'altro che risolto» ha ricordato martedì a Keystone-Ats il presidente dell'Associazione svizzera dei consulenti di amianto Daniel Bürgi. In Ticino – ha osservato – i quantitativi smaltiti sono aumentati notevolmente negli ultimi anni. È la punta di un iceberg.

Difficile dire quanto sia grande il resto. Una mappatura a livello ticinese non esiste: il Cantone dispone di dati «unicamente sull'amianto debolmente agglomerato, quello più pericoloso perché le fibre vengono rilasciate facilmente nell'aria» spiega Carlo Riva del Dipartimento del territorio. Gli importi smaltiti sono schizzati in alto dall'introduzione (nel 2016) dell'obbligo di dichiarazione. Da 247 a 1316 tonnellate l'anno. Sette volte.

L'amianto debolmente agglomerato smaltito in Ticino:

annotonnellate
2015247
2016392
2017808
20181275
20191316

«La probabilità di trovare amianto negli immobili costruiti prima di trent'anni fa è altissima» avverte l'esperto. Le segnalazioni dai cittadini non mancano, «arrivano da diversi canali» ma riguardano «per lo più tetti in eternit e blocchi di amianto fortemente agglomerato, quello più riconoscibile ma meno pericoloso» precisa Riva. Ne vengono smaltite circa 2mila tonnellate l'anno, in Ticino: direttamente in discarica, senza l'intervento di ditte specializzate. «Per questo una tracciabilità vera e propria non esiste». 

La buona notizia: la sensibilizzazione funziona. In Ticino la popolazione «è sempre più attenta al tema» anche se il rischio riguarda piuttosto i lavoratori edili. Molte aziende straniere – i sindacati lo ribadiscono da tempo – tenderebbero ancora a sottovalutare il problema. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
5 min
Mozziconi e "cicche" più resistenti del Covid
La pandemia abbatte il consumo di chewing gum, ma chi lavora per tenere pulito l'asfalto non rileva grandi miglioramenti
VIDEO
MAGGIA
2 ore
Schianto sulla cantonale, arriva la Rega
Coinvolta una monovolume con a bordo un uomo, una donna e tre bambini
MONTE CARASSO
3 ore
Salvati nella notte cinque escursionisti
Intervento della Rega sopra Monte Carasso, nei pressi della capanna Albagno
LUGANO
9 ore
Aggressione in stazione, l'accusa è di tentato omicidio
I tre dovranno rispondere anche di lesioni gravi, aggressione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti.
CANTONE
10 ore
Covid in Ticino: 41 contagi e 4 vittime
Sono 469 le infezioni da Coronavirus contate da inizio settimana.
SVIZZERA
11 ore
Aumenti di decessi fra i senior durante la seconda ondata, in Ticino si parla del 76% in più
Nel periodo che va da ottobre 2020 a gennaio 2021, è il secondo cantone con il maggiore incremento in Svizzera
FOTO
AIROLO
11 ore
Perde il controllo, prende l'uscita sbagliata e si incaglia nella rete di protezione
È successo questa notte a Stalvedro, per rimuoverla è stato necessario l'intervento di un carro attrezzi
CANTONE
12 ore
I nostri vaccini sono nelle loro mani
Il preparato Pfizer/BioNTech viene trasportato a una temperatura di -75°C dalla ditta Galliker, con sede a Sant'Antonino.
FOTO
LUGANO
23 ore
Aggredito da tre ragazzi in stazione
Due individui sono stati arrestati dalla polizia, un terzo sarebbe fuggito.
CARÌ
1 gior
Leggere ferite per lo sciatore travolto dalla valanga
Si tratta di un 43enne svizzero domiciliato nel Luganese che si trovava a Carì con altre due persone.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile