Deposit
LOCARNO
31.07.20 - 07:040

«Più decessi, ma niente affari d’oro»

La pandemia non ha fatto esplodere la cifra d’affari nel settore funerario

Anzi c'è chi ha fatto ricorso all’orario ridotto e spiega perché

LOCARNO - In questi mesi di pandemia anche le onoranze funebri hanno fatto ricorso all'orario ridotto. Ed è un “anche” che ha fatto strabuzzare gli occhi a chi riteneva i mesi del Covid sinonimo di superlavoro e guadagni record per i professionisti delle esequie.

La salute del personale - L’orario ridotto, ad esempio, è una misura richiesta e ottenuta, dal Centro funerario e crematorio locarnese di Nicora & Vigizzi Sa. Un’opzione giustificata innanzitutto da ragioni di sicurezza, spiega Marco Sgroi, direttore del Centro funerario: «Noi qui siamo in sei e abbiamo creato due gruppi, che lavoravano a giorni alterni per evitare di incrociarsi. La nostra richiesta di lavoro ridotto al 50% è stata motivata innanzitutto dalla volontà di proteggere il nostro personale ed evitare il rischio di una chiusura che avrebbe comportato problemi a più livelli».

Funerali spartani - Il direttore Sgroi ci tiene anche a sfatare l’opinione secondo cui quello più recente e drammatico sia stato un periodo di affari d’oro per le pompe funebri: «È vero che le cremazioni sono aumentate, ma non dimentichiamo che in Ticino ci sono quattro crematori. Senza scordare che i funerali durante il lockdown sono stati quanto mai "spartani" e al risparmio. Basti ricordare che le cerimonie erano vietate». Per il ritorno alla normalità ci vorrà del tempo: «Ancora oggi, di nostra iniziativa e per evitare assembramenti, preferiamo tenere chiusa la caffetteria del centro funerario. Le camere mortuarie sono state riaperte, ma possono entrare al massimo tre persone alla volta. L’attività resta protocollata e richiede meno personale. Preciso però, a beneficio dei critici, che abbiamo lavorato a orario ridotto a Locarno per meno di due mesi, dal 14 aprile fino all’8 giugno».

Più pressione, ma saldo dimezzato - Tra i paradossi di questo periodo straordinario spicca il fatto che «durante l’emergenza gli impegni sono aumentati, ma c’era meno lavoro effettivo da svolgere» rileva Sgroi, che spiega: «Se prima un funerale “normale” poteva arrivare all’ipotetica cifra di ottomila franchi (comprensivi di camera mortuaria, celebrazione in chiesa, cerimonia al centro funerario, servizio di caffetteria), dopo con i casi di Covid il costo finale del funerale si è quasi dimezzato. Questo a fronte di una pressione e un impegno aumentati, visto che gli ospedali, ad esempio, sollecitavano una rapida rimozione delle salme» conclude il direttore. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
MENDRISIO
4 ore
«Oggi qualcuno sorride, ma altri piangono»
È entrato in vigore stamattina il divieto di transito attraverso il nucleo di Ligornetto. Non mancano però le lamentele.
CANTONE
5 ore
Tre nuove quarantene di classe in Ticino
Scendono a quota 7 gli ospedalizzati a causa del virus.
SONDAGGIO
CANTONE
7 ore
Canarie e Dubai fanno il pieno di turisti ticinesi
In vista delle vacanze autunnali, le prenotazioni sono in aumento. Ma non sono ancora al livello pre-crisi
CANTONE
9 ore
«Ci chiamano doule, accompagniamo alla vita, ma anche alla morte»
Assistono al parto, ma sono presenti anche al termine di una vita. Una di loro racconta cosa vuol dire essere doula.
CAPOLAGO
19 ore
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
21 ore
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
23 ore
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
1 gior
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
1 gior
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
1 gior
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile