Ti-Press
ONSERNONE
04.08.20 - 06:050
Aggiornamento : 08:19

Aveva minacciato la polizia col decespugliatore, la sorella ora lo difende

Il 71enne era finito in prigione per una notte. Scende in campo anche l'Unione Contadini Ticinesi.

«Mio fratello stava solo lavorando – racconta la donna –. Non avrebbe mai fatto del male a quegli agenti, era solo snervato».

ONSERNONE - «Quello che hanno fatto a mio fratello è tremendamente ingiusto. L'hanno malmenato. E l'hanno portato via». A raccontarlo è la sorella del 71enne che a fine giugno, a Loco (Onsernone), è stato posto in stato di fermo perché tagliava l'erba col decespugliatore, il classico "zechiboy", fuori orario. «Non sappiamo chi ha fatto la segnalazione. Forse le autorità. Di giorno fa caldo. Gli agricoltori spesso tagliano l'erba alla sera».

Pittoresco e selvatico – L'uomo, un personaggio "strano", pittoresco, piuttosto ruspante, selvatico, sicuramente fuori dagli schemi, sarebbe stato raggiunto da una pattuglia della polizia comunale di Locarno attorno alle 20 del 30 giugno. In seguito si sarebbe ribellato allo stop, minacciando gli agenti con il decespugliatore. «Non avrebbe mai commesso una follia – sospira la sorella – e non avrebbe fatto del male agli agenti. Era solo snervato perché gli stavano impedendo di lavorare».

Per terra a faccia in giù – Morale della favola. L'uomo sarebbe stato bloccato e portato per una notte in carcere, a Lugano. «Ha opposto resistenza e si è fatto male a una spalla, a cui aveva già qualche problema. L'hanno sbattuto per terra con la faccia in giù. E lo hanno ammanettato. Io alle 22.30 non sapevo ancora dove fosse mio fratello. Ero qui a piangere come una disperata. Ho trovato il "zechiboy" per terra e ho temuto che fosse accaduta una tragedia. Ho chiamato la polizia comunale e mi hanno detto di chiamare la Cantonale. Lì mi hanno spiegato che mio fratello non sarebbe ritornato a casa per la notte. Sono passate diverse settimane, non stiamo bene moralmente, siamo in difficoltà».

Multa di 500 franchi – La donna, che ha un anno in più del fratello, è affranta. «È vero, siamo tipi particolari, ma siamo gente alla buona, vogliamo solo lavorare. Il Covid-19 ci ha già creato tanti disagi, abbiamo una quindicina di pecore. Ora mio fratello ha seri problemi alla spalla, deve pagare una multa di 500 franchi e siamo sotto avvocati». 

Il ritorno a casa – Alla mattina successiva, dopo la notte in cella trascorsa dall'uomo, la sorella viene chiamata al telefono. Deve andare a prenderlo. «Io non sono pratica di Lugano. Me lo hanno portato fino alla stazione di Rivera, per farmi un piacere. Sono anche stati gentili, devo dire».      

La voce dell'Unione Contadini – In difesa dell'agricoltore onsernonese è sceso in campo di recente anche il segretario dell'Unione Contadini Ticinesi, Sem Genini, con un editoriale sulla rivista "L'Agricoltore Ticinese". Interpellato da Tio/20Minuti, Genini ribadisce la sua posizione: «Quell'uomo stava facendo il fieno per le proprie bestie. I rapporti col Comune, forse, non erano idilliaci, ma non è possibile arrivare a questi punti. Si possono trovare altre soluzioni. Che bisogno c'è di chiamare la polizia, in una valle discosta e per una situazione simile? C'è sempre più intolleranza. Erano le otto di sera. Non mezzanotte. Quest'uomo si è fatto male alla spalla, durante l'intervento di polizia a quanto pare, e adesso non si sa chi proseguirà il suo lavoro. Personalmente sono amareggiato».  

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
4 ore
Brucia l'auto del medico: condannato
Un 58enne se l'era presa per un'operazione «andata male». Ed è finito davanti al giudice
LUGANO
5 ore
È la sola al mondo ad avere quella malattia: lo scopre dopo 7 anni
L’incredibile percorso di Silvia Arioli, classe 1982: «Ho trovato la verità solo perché sono caparbia e “del mestiere”».
LUGANO
7 ore
Delitto alla pensione La Santa: l'accusa è assassinio
Il 34enne austriaco dovrà rispondere davanti al giudice dei fatti avvenuti lo scorso 17 dicembre a Viganello.
PAMBIO-NORANCO
8 ore
Sparisce un'urna tra le lapidi
Cimitero profanato. La denuncia è stata confermata da Marco Regazzoni, comandante della Polizia Ceresio Sud.
CANTONE
9 ore
Sfruttamento della prostituzione: arresti confermati
Due soggetti, già finiti in manette, avrebbero gestito un giro di "lucciole" presso diversi appartamenti.
CANTONE
9 ore
Pazienti oncologici col coronavirus monitorati a distanza
Si tratta di un progetto pilota dello IOSI, premiato al congresso della Società svizzera di ricerca sul cancro
CANTONE
9 ore
Salario minimo: sarà «fisso, garantito e prevedibile»
Il Governo adotta il nuovo regolamento. Viene anzitutto specificata la nozione di “stagista”
CANTONE
10 ore
Rientrano in gioco anche i cinque procuratori "bocciati"
La Commissione Giustizia e diritti ha proposto al Parlamento 27 nomi ritenuti idonei alla carica di procuratore pubblico
CANTONE
13 ore
«Messi in circolazione 2'000 chili di canapa e hashish»
Avviata nel 2017, l'indagine è stata condotta dalla Polizia cantonale in collaborazione con agenti spagnoli e italiani.
CANTONE
14 ore
Altri quattro decessi in Ticino, 128 i nuovi positivi
Da inizio pandemia sono 542 le vittime del coronavirus nel nostro cantone.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile