Keystone - foto d'archivio
CANTONE
29.07.20 - 19:430
Aggiornamento : 30.07.20 - 09:46

L'apprendista causa un danno, tutti dal Giudice di pace

Nel 2017, in retromarcia, un giovane ha distrutto il veicolo di una donna, che ha preteso la riparazione totale.

Il padre del ragazzo: «Attenti ai datori di lavoro dei vostri figli». Il garagista: «Questi ragazzi devono prendersi le loro responsabilità».

MENDRISIO - Tre anni. È il tempo che ci è voluto per risolvere l’annosa questione legale in cui era coinvolto suo figlio, contro il datore di lavoro da cui ha svolto parte dell’apprendistato. Anzi, in realtà non si è neppure risolta. E ora lui vuole mandare un messaggio: «Fate attenzione alle persone da cui i vostri figli trovano lavoro».

I fatti - M. nel 2017 ha stipulato un contratto di tirocinio con un garage quale meccanico d’auto. Durante l’apprendistato, in fase di retromarcia, ha causato un grave danno all’auto di una cliente (oltre 5’000 franchi). Il garagista si è rivolto all’assicurazione RC che gli ha però comunicato che il valore del veicolo (1’400 franchi circa) era inferiore ai costi necessari per la riparazione, pretesa dalla proprietaria in quanto legata all’auto affettivamente (che aveva portato in garage solo per il cambio gomme). L'auto è tornata come nuova, ma a spese del garage.

Un genitore infuriato - Invocando la negligenza dell’apprendista, il datore di lavoro ha preteso da lui la copertura dei costi sostenuti. Quando il padre l’ha scoperto, è andato su tutte le furie: «Non è normale chiedere a un ragazzo 5’000 franchi. Mio figlio era disperato e ha versato a mia insaputa un anticipo di 1’000 franchi. A cosa serve avere un contratto presso un garage se poi l’assicurazione di questo non paga? Sul posto di lavoro a volte si commettono errori».

Il dettaglio che fa la differenza - I rapporti tra datore di lavoro e apprendista si sono incrinati e il contratto di tirocinio è stato rescisso. Ma quanto accaduto è finito davanti al Giudice di pace. Che, a marzo 2020, ha dato il suo responso. E nessuna delle due parti ha avuto “ragione”. Nella rescissione del contratto, infatti, le parti concordavano di «rinunciare a qualsiasi pretesa di risarcimento per danni o altro titolo». E questo dettaglio ha messo, forzatamente, la parola “fine” al contenzioso. 

Due campane, due versioni - Da una parte c’è un genitore indignato: «L’ex datore di lavoro aveva emesso un precetto esecutivo. E mio figlio ha dovuto rinunciare al desiderio di diventare Guardia di confine - racconta -. Ha concluso l’apprendistato altrove ed è andato avanti con la sua vita, ma bisogna fare attenzione alle aziende in cui i nostri figli finiscono a lavorare». Dall’altra il garagista racconta di un ragazzo che «era già stato licenziato altrove» e la cui negligenza commessa «non era affatto la prima». E rilancia l’appello: «L’apprendistato è un’opportunità. Servono impegno e attenzione nei confronti della propria formazione, anche pratica».

Diligenza e obblighi - Cosa dice la legge? «Il lavoratore deve eseguire diligentemente e con cura il lavoro che gli è stato affidato» (Codice obbligazioni). «Violando tale dovere il lavoratore non adempie le obbligazioni derivanti dal contratto, e può comportare per lui l’obbligo di riparare il danno cagionato per negligenza». La colpa è presunta e «compete al datore di lavoro l’onere di dimostrare la prova del danno, la violazione degli obblighi contrattuali, nonché l’esistenza di un nesso di causalità».

In un momento in cui anche trovare un posto di apprendistato non è per niente facile, anche a causa della crisi causata dal Covid-19, l’impegno e la professionalità sono componenti necessarie all’inizio di un percorso formativo e professionale. Da ambo le parti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / BRASILE
9 min
Anziano ticinese ucciso a Fortaleza
Il pensionato, un 79enne già consigliere comunale a Caslano, si era trasferito in Brasile ormai da 16 anni.
CANTONE
2 ore
Covid, altri 219 casi e 3 decessi in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore si è reso necessario il ricovero di 34 malati. Quindici sono stati dimessi
CANTONE
4 ore
È prevista altra neve (stavolta in montagna)
Mattinata di tregua, poi nel pomeriggio arriveranno nuove precipitazioni
LUGANO
4 ore
Pubblicità dei mercatini di Lugano a Losanna in tempo di covid: arriva l'interpellanza
Demis Fumasoli interroga il Municipio: «La volontà di attirare persone da lontano è un pugno nello stomaco».
FOTO E VIDEO
CANTONE
19 ore
Disagi sulle strade e black out
Disagi in tutto il Cantone: colonne, incidenti, alberi caduti, black out e trasporto pubblico in difficoltà.
CANTONE
19 ore
La neve non ferma i radar, ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili colpiranno però solo tre distretti.
CANTONE
21 ore
Maltempo, ritardi e soppressioni di treni
Saltata la corrente alla stazione di Chiasso. Scambi bloccati a Cadenazzo e a Bellinzona
FOTO
CANTONE
22 ore
Neve, continuano i disagi nel Sottoceneri
Diverse le strade chiuse e le code. La polizia invita a limitare gli spostamenti.
LOSONE
1 gior
Limo della Silo Melezza: "Questa è ecomafia"
Un'accusa pesante, con tanto di nomi e cognomi, arriva attraverso un'interpellanza inoltrata oggi da Matteo Pronzini
CANTONE
1 gior
Mancava da oltre 150 anni, ma ora è tornato
Il Gipeto, il più grande avvoltoio delle Alpi, è tornato a nidificare su suolo ticinese.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile