TiPress - foto d'archivio
CANTONE
23.07.20 - 00:070

Mascherina o visiera nei ristoranti? Ognuno sceglie per sé

Il Cantone parla di «mascherina o un adeguato dispositivo di protezione individuale».

L'UFSP scrive: «Non sostituiscono la mascherina». GastroTicino: «Libera scelta finché non ci saranno contrordini da Berna».

BELLINZONA - Rendere (ancora) più sicuro il settore della ristorazione. È questo lo scopo alla base della decisione del Consiglio di Stato di introdurre l’obbligo per il personale addetto al servizio alla clientela di indossare «la mascherina o un adeguato dispositivo di protezione individuale». Da lunedì, quindi, in Ticino sono ricomparsi i camerieri “mascherati”. Ma con loro sono tornate in scena anche le visiere in plastica, nelle scorse settimane al centro delle discussioni.

In particolare, è stato il medico cantonale grigionese a sollevare il polverone. «Trasmettono una sensazione illusoria di sicurezza» ha detto, sconsigliandone l’impiego e invitando gli esercizi «a rivedere i loro piani di protezione».

Sull’argomento l’Ufficio federale di sanità pubblica (UFSP) non si è espresso direttamente. Ma le indicazioni fornite in merito ai dispositivi di protezione sono chiare e accessibili (sul loro sito Internet): «Le visiere non sostituiscono la mascherina. Proteggono gli occhi da una possibile infezione causata da goccioline, ma non consentono di escludere un’infezione attraverso la bocca o il naso. Le visiere servono soltanto da ulteriore misura di protezione in aggiunta alla mascherina».

Il Governo non è entrato nel dettaglio della questione, affidandosi a quanto previsto dall’UFSP e limitandosi a parlare di «mascherina o un adeguato dispositivo di protezione individuale». E lo stesso ha fatto l’Ufficio del medico cantonale ticinese che - da noi interpellato - chiarisce: «Non spetta a noi commentare le decisioni del Consiglio di Stato».

GastroTicino, dal canto suo, sottolinea come «i piani di protezione avvallati per il settore dall’UFSP e dalla SECO sono chiari: mascherina o visiera». Lo ribadisce anche il suo presidente, Massimo Suter: «Fintanto che non è espressamente vietata, pur non essendo efficace alla stessa maniera della mascherina, si accetta anche l’utilizzo della visiera». La Federazione esercenti albergatori pone piuttosto l’attenzione su un corretto utilizzo dei dispositivi di protezione, che deve essere chiaro a esercenti e personale. «L’importante è che mascherine e visiere vengano utilizzate nel modo giusto - conclude Suter -. Libera scelta su quale usare finché non ci saranno contrordini da Berna».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
CANTONE
33 min
Luca: da vetraio a portabandiera della Nazionale
Dopo due anni di attesa tornano gli EuroSkills, in programma a Graz. A rappresentare la Svizzera ci saranno 17 giovani.
LUGANO
33 min
Stragi, killer e vite blindate (e non): parla Michele Santoro
Il famoso giornalista italiano sarà ospite questa sera all'Endorfine Festival di Lugano. Lo abbiamo intervistato.
CANTONE
10 ore
Vaccinazione, future mamme preoccupate
L'Eoc è confrontato con i dubbi delle donne in dolce attesa. Il primario Papadia fa chiarezza
LUGANO
11 ore
Un centro tamponi nel parcheggio del Casinò
La casa da gioco offre la possibilità di effettuare un test a tutti i suoi clienti che non dispongono del certificato.
CANTONE
13 ore
Le 24 misure del PS per trasformare il Ticino
Il progetto intende contribuire a costruire un Cantone «inclusivo, sostenibile e accogliente».
CANTONE
14 ore
Città Ticino si scopre "Sfittopoli": urge ricontare
La situazione dello sfitto nei centri appariva drammatica, invece è tragica
FOTO
MENDRISIO
15 ore
Il giallo diventa più verde
L’organizzazione di recapito del Mendrisiotto è la prima in Ticino ad avvalersi di veicoli completamente elettrici.
CANTONE
17 ore
L'elettricità di 150'000 famiglie per il secondo tubo del San Gottardo
L'energia necessaria per la realizzazione del traforo sarà fornita da un consorzio che unisce AET ed EWA-energieuri
CANTONE
18 ore
L'intelligenza artificiale che tiene sotto controllo il cuore
Ecco un progetto “made in Ticino” pensato per i pazienti affetti da disturbo del ritmo cardiaco su base genetica
CANTONE
20 ore
Covid in Ticino: 21 nuovi casi, stabili i ricoverati
Non si contano nuove vittime della malattia. Sette le classi tuttora in quarantena.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile