Tipress
LOSANNA/LOCARNO
22.07.20 - 06:360
Aggiornamento : 08:48

Magro indennizzo per il 34enne prosciolto da violenza carnale

Il Tribunale federale ha ritenuto inammissibile il ricorso dell'uomo contro la donna che lo aveva denunciato

Chiamato a decidere sulla denuncia mendace, il giudice rileva che l'indennizzo di mille franchi per 43 giorni di carcere preventivo avrebbe potuto essere impugnato al momento del proscioglimento. Ormai è tardi.

LOSANNA/LOCARNO - Dovrà accontentarsi di mille franchi per quei 43 giorni di carcere preventivo alla Farera. Il Tribunale federale di Losanna ha infatti ritenuto inammissibile il ricorso presentato dal 34enne prosciolto nel gennaio 2018 al termine di un processo per violenza carnale, coazione sessuale e minaccia. Due anni prima la figlia di un'anziana vicina di casa lo aveva accusato di averla obbligata ad un rapporto sessuale. Ma il giudice delle Assise Criminali prosciolse l’uomo da tutte le accuse.  A fronte delle quali il 34enne ha sempre sostenuto non esserci mai stato alcun tipo di rapporto, neppure consenziente.

In seguito, nel luglio 2019, il 34enne aveva presentato al Ministero Pubblico una denuncia penale nei confronti della donna per “denuncia mendace”, ossia accusandola di aver mentito sapendolo innocente. Una denuncia che però è finita dapprima in un “non luogo a procedere” da parte del procuratore pubblico (poi confermato lo scorso aprile dalla Corte dei reclami penali), e in seguito, lo scorso 22 giugno, è terminata in una decisione di inammissibilità da parte del Tribunale federale. 

Tra le motivazioni addotte nella sentenza, oltre a rilevare che il ricorso «non solleva critiche di natura formale», il giudice di Losanna sottolinea che, quanto alle pretese di indennità per la carcerazione subita, «la decisione del tribunale di primo grado sull'ammontare dell'indennità  (i 1'000 franchi per 43 giorni di carcere, ndr) avrebbe potuto, se del caso, essere impugnata dinanzi all'istanza superiore di ricorso». Fatto che all’epoca del proscioglimento non avvenne per comprensibili motivi. Riaprire ora la questione del risarcimento, secondo quanto osserva il Tf, appare tardivo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
LUGANO
1 min
Due auto si scontrano sulla Crespera
L'incidente è avvenuto questa sera a Breganzona: i due conducenti se la sono cavata con leggere escoriazioni.
LUGANO
10 min
Don Tamagni, oltre 600mila franchi sottratti ai genitori
Il parroco di Cadro era il curatore della coppia di anziani, ed era esente da controlli.
CONFINE
2 ore
Covid, più controlli tra Svizzera e Piemonte
Il Verbano Cusio Ossola aumenta la sorveglianza sul confine, con l'introduzione del super Green Pass
RIVERA
2 ore
La Lega si riorganizza, ma c'è di mezzo la variante
L'appuntamento doveva tenersi questa domenica al Centro istruzione della Protezione civile
POSCHIAVO (GR) / SVIZZERA
4 ore
Valposchiavo fra i migliori borghi turistici del mondo
L'Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) ha accolto tutte le tre candidature presentate dalla Svizzera.
BELLINZONA
9 ore
Niente Rabadan nel 2022
Lo ha deciso ieri sera il Comitato, prendendo atto della «preoccupante evoluzione della situazione pandemica»
CANTONE
10 ore
In Ticino 160 nuovi contagi e altre cinque classi in quarantena
Negli ospedali ticinesi si contano attualmente 64 pazienti Covid, di cui otto in cure intense
RIAZZINO
22 ore
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
1 gior
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
1 gior
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile