Archivio Depositphotos
VEZIA
10.07.20 - 16:230

Ecco come mantenere in vita i negozi di paese

Sono stati presentati i risultati di uno studio promosso dall'Ente regionale per lo sviluppo del Luganese

VEZIA - Con la concorrenza di grandi supermercati e discount, per i negozi di paese è difficile sopravvivere. Da qui la necessità d'intervenire sull'assortimento, come pure sulla formazione del personale, la messa in rete e la digitalizzazione. È quanto emerge dallo studio “Manteniamo vivi i negozi di paese” promosso dall'Ente regionale per lo sviluppo del Luganese (ERSL).

I risultati - che sono stati presentati e discussi ieri a Vezia in presenza dei responsabili dei negozi di paese del Luganese - hanno permesso d'individuare cinque ambiti sui quali concentrare la ricerca di soluzioni: l'assortimento di prodotti e i servizi alla clientela; i locali, gli arredi e gli apparecchi dei negozi (infrastruttura); le possibili collaborazioni o sinergie; la comunicazione e promozione; aspetti legali o regolamenti.

Per ogni asse tematico sono poi stati individuati due obiettivi e in seguito sono state indicate misure concrete (per un totale di 29) in risposta agli obiettivi. Tra le misure ritenute prioritarie e più urgenti ci sono: fare vivere ed evolvere l'assortimento per ampliare la gamma dei prodotti; creare un centro di competenza per i piccoli negozi per promuovere le filiere locali; investire nella formazione del personale; sostenere progetti di messa in rete e promuovere le collaborazioni; adattare le strutture e il servizio alle esigenze attuali in termini di digitalizzazione.

I risultati dello studio fungeranno da base per pianificare una strategia che permetta d'implementare il prima possibile le misure e azioni scelte.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
34 min
Covid: sette ricoveri, ma 17 dimessi
Nelle ultime 24 ore sono 48 i nuovi positivi al Coronavirus. Purtroppo ci sono anche 4 vittime.
MENDRISIO
42 min
Con 400 grammi di eroina in auto: arrestato un 19enne
Il giovane è stato fermato martedì 26 gennaio nei pressi dello svincolo di Mendrisio dalle guardie di confine.
CANTONE
55 min
L’ex funzionario DSS: «Ho ricevuto telefonate e messaggi anonimi»
Si è aperto il processo in appello per abusi sessuali avvenuti tra il 2004 e 2005.
CANTONE
2 ore
Valanghe, bollino rosso nell'Alto Ticino
Allerta di grado 4 nell'Alta Leventina e nella Valle Bedretto, sopra i 1'800 metri
LUGANO
2 ore
«Quel ragazzo disabile va vaccinato»
Una madre alle prese col figlio “che non sta mai fermo” e che non rispetta le misure anti Covid. Vaccino negato.
CANTONE
4 ore
L'ex funzionario DSS torna alla sbarra
Si apre oggi il processo in Appello. Ma stavolta si trattano soltanto i fatti relativi a una delle tre vittime
CANTONE
4 ore
Telelavoro obbligatorio, ma stesso traffico
La conta dei veicoli mostra che la chiusura dei negozi avrebbe inciso più dello smart working che marcia sul posto
BELLINZONA
14 ore
«Non abbiamo potuto dirgli addio»
L'ultimo saluto è un diritto garantito (in teoria) anche in tempi di Covid. Ma allo Iosi qualcosa è andato storto
LUGANO
16 ore
«Abbiamo bisogno di quest'opera»
Dopo l'annunciato referendum dell'Mps, Roberto Badaracco interviene in difesa del nuovo stadio di Cornaredo
FOTO
CANTONE
18 ore
Neve fin nel Sottoceneri e forti disagi a nord
Un furgone è andato a sbattere sul'A2, all'altezza di Faido.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile