tipress
CANTONE
10.07.20 - 12:100
Aggiornamento : 16:52

Furbetti dei crediti Covid: denunciati in 10

In Ticino la Procura indaga su una serie di presunti abusi sui prestiti garantiti dalla Confederazione

Un arresto, e verifiche a tappeto su tutte le pratiche. Le autorità non fanno sconti: possibile inasprimento delle pene

LUGANO - Carte false per ottenere i crediti Covid. In Ticino sono dieci finora i procedimenti aperti dalla Procura contro altrettanti presunti "furbetti", che avrebbero approfittato dell'epidemia per intascare soldi indebitamente. 

A renderlo noto è il Consiglio di Stato, in risposta a un'interrogazione del deputato Tiziano Galeazzi (Udc). «Il segreto istruttorio - si legge nel testo - non permette di fornire ulteriori indicazioni in merito». Il governo precisa che l'Ufficio di registro di commercio, nel verificare la correttezza delle domande, ha «soltanto un potere limitato». 

In almeno un caso gli accertamenti giudiziari hanno portato all'arresto dell'indagato. Settimana scorsa è finito in manette un 47enne italiano residente nel Luganese, accusato di avere utilizzato «per spese personali» circa 600mila franchi ottenuti come prestito d'impresa. 

I "furbetti" sono tuttavia un'esigua minoranza (almeno quelli finiti sotto inchiesta). Nel complesso, infatti, in Ticino sono stati erogati 1 miliardo e 203 milioni di franchi in crediti Covid, per un totale di 9774 prestiti concessi ad altrettante imprese, a fine maggio. La maggior parte delle richieste - ha precisato il Consiglio di Stato - sono arrivate da imprese con meno di 10 dipendenti. I settori più interessati sono il commercio (22 per cento), l'edilizia (17 per cento), artigianato (13 per cento) e turismo (11 per cento). 

Il Cantone, si legge, «procederà a un controllo sistematico dei crediti concessi, collegandoli ai dati sull'imposta sul valore aggiunto e altri dati». A livello federale, intanto, si sta valutando un inasprimento delle sanzioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
3 ore
Mozziconi e "cicche" più resistenti del Covid
La pandemia abbatte il consumo di chewing gum, ma chi lavora per tenere pulito l'asfalto non rileva grandi miglioramenti
FOTO E VIDEO
MAGGIA
5 ore
Schianto sulla cantonale, arriva la Rega
Coinvolta una monovolume con a bordo un uomo, una donna e tre bambini
MONTE CARASSO
6 ore
Salvati nella notte cinque escursionisti
Intervento della Rega sopra Monte Carasso, nei pressi della capanna Albagno
LUGANO
12 ore
Aggressione in stazione, l'accusa è di tentato omicidio
I tre dovranno rispondere anche di lesioni gravi, aggressione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti.
CANTONE
13 ore
Covid in Ticino: 41 contagi e 4 vittime
Sono 469 le infezioni da Coronavirus contate da inizio settimana.
SVIZZERA
14 ore
Aumenti di decessi fra i senior durante la seconda ondata, in Ticino si parla del 76% in più
Nel periodo che va da ottobre 2020 a gennaio 2021, è il secondo cantone con il maggiore incremento in Svizzera
FOTO
AIROLO
14 ore
Perde il controllo, prende l'uscita sbagliata e si incaglia nella rete di protezione
È successo questa notte a Stalvedro, per rimuoverla è stato necessario l'intervento di un carro attrezzi
CANTONE
15 ore
I nostri vaccini sono nelle loro mani
Il preparato Pfizer/BioNTech viene trasportato a una temperatura di -75°C dalla ditta Galliker, con sede a Sant'Antonino.
FOTO
LUGANO
1 gior
Aggredito da tre ragazzi in stazione
Due individui sono stati arrestati dalla polizia, un terzo sarebbe fuggito.
CARÌ
1 gior
Leggere ferite per lo sciatore travolto dalla valanga
Si tratta di un 43enne svizzero domiciliato nel Luganese che si trovava a Carì con altre due persone.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile