tipress
CANTONE
09.07.20 - 06:300
Aggiornamento : 10:49

È presto per fallire di Covid

Fallimenti in calo rispetto all'anno scorso, in Ticino. La ristorazione stringe i denti. Suter: «Aspettiamo l'inverno»

LUGANO - Forse è solo uno sprint finale. O una crisi a scoppio ritardato. Fatto sta che in Ticino non è ancora tempo per fallire di Covid. Lo dicono i numeri degli Uffici fallimenti, che hanno registrato un calo delle procedure di oltre un terzo rispetto a un anno fa.  

Merito della stagione estiva? Del de-confinamento? Di sicuro, gli esercenti del turismo e della ristorazione stanno stringendo i denti, con l'obiettivo «di incamerare i massimi profitti in questi mesi estivi» osserva il presidente di Gastro Ticino Massimo Suter. «Per un bilancio bisognerà aspettare i prossimi mesi». 

Eppure un primo - moderato - sospiro di sollievo le statistiche lo consentono. Da aprile a oggi, le serrande abbassate nel nostro Cantone sono state 171, fanno sapere dalla Divisione Giustizia. Niente boom, anzi: il dato è inferiore del 34 per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Possibile? Dopo il blocco dei fallimenti a marzo, ci si attendeva un aumento delle chiusure. In particolare nella Svizzera italiana, da sempre in testa alle classifiche dei fallimenti. Ma proprio il lockdown ha determinato una frenata, secondo il responsabile dell'Ufficio fallimenti di Lugano Sergio Bottegal. «L’effetto dell’onda pandemica si stima che si paleserà su un arco di tempo ben maggiore, e oltre l’anno in corso».

Se lo tsunami ci sarà o meno, dipende anche dalla Confederazione. È notizia di settimana scorsa il prolungamento dell'orario ridotto da 12 a 18 mesi, a partire da settembre. «È chiaro che al momento tante aziende, in particolare nella ristorazione non turistica, stanno tenendo duro cercando di arrivare a fine stagione» sottolinea Suter. «Degli aiuti supplementari sono sicuramente benvenuti».

A farsi avanti per primo, nei giorni scorsi, è stato il settore alberghiero. Hotelleriesuisse ha chiesto che gli alberghi colpiti dalla crisi siano esonerati dal restituire i crediti Covid. «La misura è sul tavolo e, applicata in toto o in parte, potrebbe essere salvifica per molte aziende a rischio» conclude il direttore di GastroTicino. «La stagione estiva promette bene, è vero. Ma fuori dalle località più turistiche la situazione è ancora critica. In particolare la chiusura di molti uffici e il tele-lavoro penalizzano una certa fascia di esercenti». Molti di questi potrebbero non arrivare alla fine della stagione. 

Nuove aziende in calo: 

Una frenata non da poco si nota però anche nella creazione di nuove aziende: tra aprile e giugno nel nostro Cantone ne sono nate 425, ben 112 in meno (il 22 per cento) rispetto a un anno fa. Lo dice uno studio della società di consulenze Crif, che ha messo a confronto le iscrizioni a registro di commercio nei vari cantoni. Il Ticino è maglia nera, seguito da Ginevra (- 21 per cento), Vaud (-18 per cento, che resta però il terzo cantone dopo Zurigo e Berna) e Neuchâtel (- 15,3 per cento). Si tratta, fa notare lo studio, delle zone dove l'epidemia ha colpito più duro. Nel secondo trimestre, comunque, a livello svizzero le nuove imprese sono aumentate, dello 0,5 per cento. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
È bella, chatta con te e ti chiede soldi: lei non esiste
A caccia di truffatori romantici in rete. Lo ha fatto il ricercatore Luca Brunoni che racconta la sua esperienza.
LOCARNO
3 ore
«Vomito, bottiglie rotte e altri vandalismi»
I gestori di un bar locarnese denunciano il comportamento dei ragazzi che si riuniscono sotto i portici
LUGANO
11 ore
Meglio la calca, o una multa da 90 franchi?
Per evitare i bus pieni, alcuni studenti del Cpt di Trevano optano per l'auto. Ma anche qui i problemi non mancano
FOTO E VIDEO
QUARTINO
14 ore
Fiamme in una carrozzeria: un operaio ricoverato
Il rogo è divampato attorno alle 18.30 in via Mondette. Ingenti i danni alla struttura
CANTONE
15 ore
«Sindaci ticinesi, uscite dal buco»
Giovanni Cossi, presidente della Conferenza dei sindaci del Malcantone, lancia un appello: «Salviamo il Cantone».
CANTONE
16 ore
Gastroticino: «Grazie Governo»
Soddisfatti bar e ristoranti per le scelte del Consiglio di Stato: «Così possiamo lavorare»
CANTONE
16 ore
Covid: scatta l'obbligo della mascherina all'aperto
La protezione sarà da adottare laddove le distanze non possono essere mantenute, in particolar modo nei mercati.
CANTONE
19 ore
Fregati dalla solitudine e dal bisogno di affetto
Col Covid-19 aumentano i rischi di truffe amorose. Il ricercatore Luca Brunoni si è trasformato in esca.
CANTONE
22 ore
Quando gli applausi non bastano più
Al via la settimana di protesta per migliori condizioni per gli operatori sociosanitari
CANTONE
23 ore
Una classe in quarantena al Liceo di Lugano 2
Ieri la misura era stata decisa anche per allievi della Scuola cantonale di commercio
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile