TiPress
Piero Marchesi, Presidente UDC Ticino.
CANTONE
28.06.20 - 10:430

Piero Marchesi furioso con la RSI: «Promuove l'economia italiana»

Duro l'attacco alla RSI da parte del Presidente della Sezione ticinese dell'UDC

MONTEGGIO - L'UDC ticinese, e in particolare il Presidente Piero Marchesi, ha pubblicato oggi un duro attacco alla Radiotelevisione Svizzera di lingua Italiana (RSI).

L'accusa è quella di aver «pubblicizzato una catena alimentare italiana, in barba a tutte le iniziative locali per sostenere le attività commerciali sul nostro territorio», ha scritto Marchesi in un comunicato diramato oggi. 

«La libertà di scelta del consumatore è legittima e garantita, ma proprio tirarsi la zappa sui piedi con la connivenza del servizio pubblico é inaccettabile», ha spiegato Marchesi, invitando l'azienda a vergognarsi, e mettendo l'accento sul finanziamento: «La nostra televisione, finanziata dai contribuenti e dalle aziende svizzere».

Il Presidente della Sezione ticinese dell'UDC ha inoltre voluto sottolineare come ci troviamo in un periodo duro post-Covid, in cui si ipotizzano fallimenti e licenziamenti. E perciò, «la scelta di RSI è irresponsabile e frutto delle scelte di dirigenti che hanno il posto di lavoro assicurato e che vivranno questo difficile periodo osservandolo dalla loro torre d'avorio» conclude la nota.

Secondo Piero Marchesi, è importante che si impegnino tutti, pubblico e privato, per rilanciare i consumi e l'occupazione del Cantone.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Heinz 1 anno fa su tio
La legge non lo vieta quindi il problema non esiste in un mercato libero. La RAI manda pubblicità di aziende svizzere che fanno caffè, dolci, medicinali, forniscono energia elettrica, assicurazioni, ho visto un servizio dell'ente del turismo svizzero (ben fatto) che mostrava quanto sono belle le valli grigionesi in un programma di punta della RAI etc etc etc. Nessuno si é mai lamentato perché in concorrenza con aziende italiane, o località montane italiane neanche ora in momenti di crisi. É giusto così, ognuno gioca le sue carte e il consumatore decide liberamente. Come detto, anche la pubblicità in sé stessa é un servizio venduto sul mercato, paga tasse e crea lavoro.
Tzozjlred 1 anno fa su tio
Ma e mai possibile che un presidente di partito dia importanza a fatti che non hanno niente a che fare con la politica? I ticinesi non hanno bisogno di polemiche futili, ma di proposte sensate e utili al benessere comune. In particolare da politici che sono remunerati ....
Tato50 1 anno fa su tio
Evviva la libertà d'espressione; avete fatto Bennet a togliermi il mio Post ;-((((
marco17 1 anno fa su tio
Marchesi dovrebbe sapere che non è la RSI che gestisce gli spot pubblicitari. Del resto chi va a fare la spesa in Italia non lo fa certo perché ha visto una pubblicità alla RSI.
Tato50 1 anno fa su tio
@marco17 Non li gestirà ma le manda in onda. Devo però anche dire che su Rete 4 hanno mostrato 4 servizi di oltre un'ora sulla Svizzera nella trasmissione "Donnavventura" e francamente ho visto lunghi a me sconosciuti e specialità culinarie mostrate dall'inizio alla fine. Forse essendo una TV privata ha giocato un suo ruolo ma era veramente ben fatta anche nei dettagli-;))
marco17 1 anno fa su tio
@Tato50 Li mette in onda perché non può fare altrimenti. Sarebbe diverso un programma RSI sponsorizzato da un supermercato italiano. E poi, uno spot della Bennet sono soldi che dall'Italia tornano in Ticino!
Tato50 1 anno fa su tio
@marco17 Infatti, non penso che una pubblicità invogli la gente a recarsi in quel luogo. Chi vuole lo fa indipendentemente da uno Spot. Credo che adesso siamo confrontati con problemi ben più seri!
Dioneus 1 anno fa su tio
Su Telelombardia c'è una pubblicità che presenta Lugano ed invita ad andarci, ma presumo che quella a marchesi non dia fastidio :)
Zarco 1 anno fa su tio
@Dioneus Effettivamente hai ragione! Però tele Lombardia privata , non la Rai!!!!!!
Tato50 1 anno fa su tio
@Dioneus Ho la vaga sensazione che tra RSI e Telelombardia ci sia una specie di collaborazione non scritta. Infatti la seconda da molte notizie di fatti avvenuti in Ticino e per le previsioni del tempo fa capo a quelle che vediamo sulla " nostra " .
Dioneus 1 anno fa su tio
@Tato50 Sì penso anche io. Telelombardia è molto aperta, fanno anche pubblicità a dentisti che operano in Moldavia :)
Tato50 1 anno fa su tio
@Dioneus Ahah, qualche privato immetterà liquidità ma non certo per beneficenza e quindi qualsiasi pubblicità è la benvenuta. Senza quella chiudono bottega :)
Dioneus 1 anno fa su tio
@Zarco Sì ma i soldi sono uguali. Se un privato paga per uno spazio pubblicitario da qualche parte non penso sia importante l'emittente, dato che non penso che la RSI conceda spazi gratis, neanche a società autoctone
marco17 1 anno fa su tio
Forse qualcuno dovrebbe spiegare al presidente UDC che la RSI non ha alcuna responsabilità per gli spot pubblicitari diffusi dai canali SSR.
seo56 1 anno fa su tio
Evviva la spesa in Italia. L’altro giorno, alla Bennet di Como, ho incontrato due politici.... uno di sinistra e l’altro di destra. Inutile dire che i carrelli erano stracolmi..
Axio 1 anno fa su tio
C’è poco da arrabbiarsi, Hanno pagato per fare la pubblicità, e siccome le tv “ campano “ con le pubblicità è una cosa leggitima. Bisogna ricordare all UDC che questo si chiama globalizzazione
Gus 1 anno fa su tio
La RSI è in mano ai Socialisti; quindi nessuan meravilgia. Come nessuna meraviglia che molti imprenditori UDC assumano dipendenti frontalieri a ripetizione
aquilasolitaria 1 anno fa su tio
Ho visto pubblicità Svizzera su Telelombardia che é una rete privata come la TSI e voi continuate a dire e credere che e la (nostra) ahahahahahahhahahahahaahah
driver1973 1 anno fa su tio
Probabilmente Marchesi non sa che le aziende pagano per fare pubblicità. RSI non l'ha fatta gratis. Potrebbe pagare gli stessi soldi a RSI per non fare pubblicità. Semplice fare discorsi con i soldi degli altri
gmogi 1 anno fa su tio
Sarà un Italiano che lavora presso la rsi che promuove il suo paese... non sarà una novità! Oramai rimane poco da salvare. Saluti a tutti
Benj1986 1 anno fa su tio
Poro Pierino non hai più argomenti da portare avanti per farti eleggere?
patrick28 1 anno fa su tio
marchesi, 27 settembre un'altra sberla ! Forza UE ! Mercato libero con la Svizzera
miba 1 anno fa su tio
Veramente a vergognarsi dovrebbe essere lo stesso Marchesi che come politico dimostra pubblicamente di annegare in un bicchiere d'acqua... Certo che se l'UDC ricorre a queste miserevoli strategie di marketing per ottenere qualche consenso è messa peggio di quanto pensassi.......
Lourmarin 1 anno fa su tio
Per una volta concordo con Udc e sottoscrivo . La rsi deve essere indipendente ma pure riflettere in quale contesto opera. Giacché valuta che nei contenuti nei modi di condurre e animare e nello stile sembra più una radio e televisione italiane in Svizzera che una radio televisione della Svizzera italiana
Zarco 1 anno fa su tio
Io sono un pro Ticino a tutto tondo ! diciamo che in buona parte ha ragione, ma non del tutto !
franco1956 1 anno fa su tio
Piú niente mi meraviglia.Dalla TSI purtroppo non ci possiamo aspettare di meglio.
Heinz 1 anno fa su tio
In Italia nessuno si scandalizza per le réclame di Repower, Nestlé, Nespresso, etc etc sui canali della RAI.
Ecthelion 1 anno fa su tio
Marchesi la censura lasciamola ai Paesi totalitari. La RSI è un attore dominante nel mercato della pubblicità radiotelevisiva e non può certo discriminare chi vuole promuoversi a livello pubblicitario (notabene a pagamento).
sctaquet 1 anno fa su tio
Condivido pienamente , bravo Piero
bananasplit 1 anno fa su tio
svegliati Piero ... svegliati adesso che, la RSI non la guarda + nessuno ... ;-)))
F/A-18 1 anno fa su tio
La prossima volta che il popolo dovrà decidere circa una riduzione di budget per i nostri servizi pubblici deciderà per un netto taglio, poi quando i dipendenti dal posto sicuro si ritroveranno all’URC a fare i timbri , forse si ricorderanno che potevano dare di più........
Tato50 1 anno fa su tio
Hai fatto Bennet !!!!!!!!!!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LAMONE
22 min
Investito da un'auto: il ciclista 81enne non ce l'ha fatta
L'anziano era stato vittima di un incidente il 14 settembre in via Cantonale a Lamone.
CANTONE
2 ore
Covid in Ticino, 26 casi e ricoverati stabili
Non ci sono nuovi decessi né nuove quarantene di classe. Fermi a quota 18 gli ospedalizzati.
FOTO
BELLINZONA
4 ore
È stata un'estate complicata per gli animali selvatici
Tra aprile e fine agosto la Spab ha dovuto soccorrere un «numero impressionante» di bestiole in difficoltà.
BELLINZONA
6 ore
Forse c'è la svolta per i due "mostri"
Palazzine lasciate a metà in Viale Olgiati: tutto fermo da inizio 2019. Proprietaria vicina alla cessione del progetto.
CANTONE
6 ore
Aghi, inchiostro e quel vuoto (formativo) da colmare
Per diventare tatuatore a oggi non esiste alcuna formazione regolamentata e ufficialmente riconosciuta.
FOTO
BREGGIA
18 ore
Gli alberi stanno tornando in piazza
Le piante erano state rimosse lo scorso marzo per i lavori di valorizzazione a Cabbio
MENDRISIO
20 ore
Si getta ancora la spugna, niente Fiera di San Martino
La tradizionale fiera di novembre non avrà luogo per il secondo anno di fila: «Decisione sofferta, ma obbligata»
LUGANO
21 ore
Oltre 7'200 veicoli controllati durante "Bimbi sicuri"
La maggioranza degli utenti della strada si comporta con prudenza, ma c'è qualche eccezione...
LUGANO
1 gior
Arresto "da film" sul lungolago: erano due truffatori
Le due persone fermate giovedì scorso sono sospettate di aver tentato una truffa di tipo "rip-deal".
CANTONE
1 gior
Un weekend con 38 contagi
Le strutture sanitarie accolgono 18 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile