Tipress
LOCARNO
26.06.20 - 20:170
Aggiornamento : 22:37

«I cento giorni di mio marito in lotta contro il maledetto Covid»

L'odissea di Jean-Jacques, il paziente che da tre mesi sta battagliando alla Carità dopo aver preso il coronavirus

La testimonianza della moglie Martine: «Non sottovalutate questa malattia. Mio marito era sano come un pesce. Ma ha dovuto essere intubato e gli hanno tolto tre metri di intestino».

LOCARNO - Cento giorni in un letto d’ospedale lottando contro il coronavirus. Jean-Jacques, 70 anni, ha stabilito suo malgrado un record per il Ticino. È il paziente con la degenza più lunga a La Carità di Locarno, dove è entrato lo scorso 20 marzo come Covid-19 positivo. Da lì è iniziata una via crucis che, nonostante il prodigarsi del personale sanitario, non è ancora finita. «Domani saranno passati cento giorni da quando si è sentito male a casa. Aveva la sensazione di svenire ed è intervenuta l’ambulanza» racconta la moglie Martine. 

«Non sottovalutate il virus» - Oggi l’uomo sta meglio, ma è stata durissima: «Per questo ci tengo a portare la nostra testimonianza. Vi prego non sottovalutate le conseguenze di questo maledetto Covid. È una porcheria. Per noi è stato peggio di una peste». Una peste che ha colpito Jean-Jacques in rapida sequenza, prima ai polmoni e poi subito dopo all’intestino. «Mio marito è stato intubato alla Carità e poi, il 29 marzo, trasferito all’ospedale di Zurigo dove gli sono stati tolti tre metri di intestino. Era nero, perché ormai intaccato dal virus. Per tre settimane è stato lontano dal Ticino, prima di tornare all'ospedale di Locarno» racconta Martine, la quale pure negli stessi giorni di marzo è stata contagiata dal virus ma in forma più lieve. È stata comunque anche lei ospedalizzata per una settimana.

«Sano come un pesce» - «Prima di prendere il Covid, mio marito non era mai malato. Era anzi sano come un pesce - sottolinea la moglie -. Gli stessi medici non si spiegano perché abbia preso il virus in maniera così aggressiva». Nel raccontare la battaglia del marito Martine si commuove: «Sono stati cento giorni da incubo. Per fortuna i medici e le infermiere, i nostri angeli custodi, sono stati tutti bravissimi». Dopo cinque tamponi, ora Jean-Jacques è negativo, non si trova più nel reparto Covid-19 e la moglie può, giornalmente, visitarlo: «Il periodo in cui le visite in ospedale erano vietate è stato orribile - ricorda Martine -. Poter parlare solo con i medici non è la stessa cosa». 

«Troppi menefreghisti in giro» - La tempra di Jean-Jacques ha resistito al “maledetto Covid”, anche se ancora oggi Martine non sa quando il marito potrà lasciare la Carità per affrontare un periodo di convalescenza e riabilitazione. «Non si sa, per tre volte è stato sul punto di venir dimesso. Ma sono subentrati problemi. Ancora oggi viene nutrito per vena - racconta -. Mio marito resta molto ottimista, ma io ci tengo a testimoniare che non è una malattia da sottovalutare. Quando giornalmente vado a visitare Jean-Jacques, che oggi non si trova più nel reparto Covid, le infermiere mi raccontano della loro fatica per obbligare i visitatori a indossare la mascherina. Purtroppo c’è troppo menefreghismo in giro».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
34 min
Mozziconi e "cicche" più resistenti del Covid
La pandemia abbatte il consumo di chewing gum, ma chi lavora per tenere pulito l'asfalto non rileva grandi miglioramenti
FOTO E VIDEO
MAGGIA
2 ore
Schianto sulla cantonale, arriva la Rega
Coinvolta una monovolume con a bordo un uomo, una donna e tre bambini
MONTE CARASSO
4 ore
Salvati nella notte cinque escursionisti
Intervento della Rega sopra Monte Carasso, nei pressi della capanna Albagno
LUGANO
9 ore
Aggressione in stazione, l'accusa è di tentato omicidio
I tre dovranno rispondere anche di lesioni gravi, aggressione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti.
CANTONE
10 ore
Covid in Ticino: 41 contagi e 4 vittime
Sono 469 le infezioni da Coronavirus contate da inizio settimana.
SVIZZERA
11 ore
Aumenti di decessi fra i senior durante la seconda ondata, in Ticino si parla del 76% in più
Nel periodo che va da ottobre 2020 a gennaio 2021, è il secondo cantone con il maggiore incremento in Svizzera
FOTO
AIROLO
12 ore
Perde il controllo, prende l'uscita sbagliata e si incaglia nella rete di protezione
È successo questa notte a Stalvedro, per rimuoverla è stato necessario l'intervento di un carro attrezzi
CANTONE
12 ore
I nostri vaccini sono nelle loro mani
Il preparato Pfizer/BioNTech viene trasportato a una temperatura di -75°C dalla ditta Galliker, con sede a Sant'Antonino.
FOTO
LUGANO
23 ore
Aggredito da tre ragazzi in stazione
Due individui sono stati arrestati dalla polizia, un terzo sarebbe fuggito.
CARÌ
1 gior
Leggere ferite per lo sciatore travolto dalla valanga
Si tratta di un 43enne svizzero domiciliato nel Luganese che si trovava a Carì con altre due persone.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile