TiPress - foto d'archivio
CANTONE
25.06.20 - 13:390
Aggiornamento : 14:12

«Mascherina obbligatoria? Conto sulla responsabilità»

Il medico cantonale Giorgio Merlani non vorrebbe seguire l'esempio di Ginevra. E invita a scaricare l'app.

«Anche da noi potranno esserci dei focolai in futuro».

BELLINZONA - I numeri in Ticino sono bassi. Il "doppio zero" lascia ben sperare. Ma l'invito resta sempre a non abbassare la guardia. Lo ha ribadito questa mattina ancora una volta il medico cantonale Giorgio Merlani ai microfoni di Radio Ticino: «La situazione qui è relativamente sotto controllo. Ma il virus non scompare e questo è il periodo delle vacanze».

In ospedale ci sono attualmente ancora due persone ricoverate e tre in riabilitazione, fa sapere Merlani. «Ma anche la Germania sembrava avere la situazione sotto controllo» e ora si ritrova con due distretti in lockdown. «Ci sono Paesi che vanno verso una seconda ondata, non vedo perché da noi le cose dovrebbero essere diverse. Il virus c’è e le vacanze portano a un “rimescolamento” delle situazioni. Anche da noi potranno esserci dei focolai in futuro».

Il tracciamento dei contatti diventa quindi fondamentale. E da oggi è disponibile l'app SwissCovid, che tutti sono caldamente invitati a scaricare, in modo da «innescare una "stretta di mano digitale"».

Che dire delle mascherine obbligatorie? Ginevra sta riflettendo sulla possibilità di imporre ai passeggeri dei trasporti pubblici di indossarle, creando una base legale per multare chi non rispetterà la regola. Ma il medico cantonale si mostra scettico: «Se si inserisce l'obbligo, lo Stato deve poi controllare se viene indossata, se è la mascherina giusta, se copre nel modo giusto naso e bocca, la polizia deve controllare e multare». Merlani ha anche aggiunto: «Io auspico che la gente la indossi spontaneamente quando la distanza sociale non può essere rispettata, si tratta di responsabilità sociale. È come con i bambini, preferisco dire loro che devono lavare i denti e che capiscano il perché piuttosto che obbligarli».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BIASCA
47 min
La JYSK se ne va da Biasca: «Gli affari non sono mai decollati»
Il negozio situato in via Franscini chiuderà i battenti nel mese di dicembre
CANTONE
47 min
«Non attendete che sia il contact tracing a darvi istruzioni»
Il servizio di tracciamento dei contatti è molto sotto pressione vista l'impennata dei casi registrata in Ticino.
CANTONE
7 ore
Una ventina di quarantene dalla riapertura delle scuole
La cronistoria del coronavirus negli istituti ticinesi dallo scorso 31 agosto
LUGANO
16 ore
Tassa sui rifiuti: «C'è chi fa fatica»
Cittadini che si rivolgono alle associazioni caritatevoli, per pagare il sacco. Consiglieri comunali preoccupati
CANTONE
18 ore
Altre classi in quarantena alle medie e al liceo
La misura è scattata per allievi delle medie di Canobbio e del Liceo di Lugano 1
CANTONE
18 ore
La diversità a scuola è una risorsa, bisogna saperla gestire
Presentati i risultati della ricerca "In Scuola: promozione dell'integrazione e dell'interculturalità".
ASCONA
19 ore
Prima i tuoni, poi la naturalizzazione concessa
Il Consiglio comunale ha approvato ieri la richiesta di attinenza di un noto promotore immobiliare
CANTONE
20 ore
Coronavirus in Ticino: altri 308 casi e 22 ricoveri
Nelle ultime ventiquattro ore il numero complessivo dei contagi è salito a quota 6'530
CANTONE
21 ore
Contagio in ufficio? Ecco cosa fare
Quarantena, isolamento, malattia o possibilità di lavorare da casa. Come cavarsela in tempi di Covid
FOTO
COLLINA D'ORO
23 ore
Macchinario in fiamme in una cava di Montagnola
L'incendio, divampato ieri sera in via Civra, è stato domato dai pompieri del centro di soccorso di Lugano.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile