tipress
CANTONE
23.06.20 - 13:010
Aggiornamento : 14:58

Una "valigiata" di soldi per le università

Il DECS ha presentato oggi gli investimenti per il prossimo quadriennio. «In Ticino un polo d'eccellenza»

BELLINZONA - Ben 695 milioni di franchi. È quanto prevede di spendere il Cantone nei prossimi quattro anni (74 milioni in più rispetto al quadriennio scorso) per sostenere la formazione universitaria in Ticino. Questa mattina il direttore del Decs Manuele Bertoli e la direttrice della Divisione culturale e studi universitari (Dcsu) Raffaella Castagnola Rossini, hanno presentato alla stampa il piano per il prossimo quadriennio. 

Presenti all'incontro anche il rettore della Supsi Franco Gervasoni e quello dell'USI Boas Erez. L'Università della Svizzera italiana nel periodo 2021-2024 intende «consolidare le proprie strutture accademiche, favorire la coesione della comunità accademica, nonché rafforzare il trasferimento delle conoscenze sia in ambito scientifico sia in ambito culturale a favore della comunità» si legge in un comunicato. 

La Supsi, dal canto suo, intende «rafforzare il proprio posizionamento nel sistema universitario svizzero, promuovere l'innovazione e favorire le sinergie tra i diversi mandati» valorizzando i nuovi campus universitari. 

I nuovi campus di Lugano-Viganello e di Mendrisio-Stazione entreranno in funzione nella prossima primavera, ha precisato il DCSU, e favoriranno uno scambio «costruttivo e continuativo» tra Usi e Supsi. L'obiettivo è creare un «polo d'eccellenza a livello nazionale e internazionale» nel campo della ricerca e innovazione. L'altra grande novità sarà la creazione della Facoltà di scienze biomediche dell'Usi, con un master che - a partire da settembre - si spera che agirà «da attrattore sia di enti di ricerca sia di aziende attive nel settore».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CHIASSO
3 ore
Muore sul bus da Chiasso: ma non si sa chi è
Un 75enne di identità sconosciuta è deceduto ieri a causa di un malore. Le autorità italiane cercano in Ticino
FOTO
CANTONE
5 ore
«Quel fumo nero che usciva dal portale del San Gottardo»
Ha avuto luogo oggi a mezzogiorno il ricordo delle undici persone che morirono nella galleria il 24 ottobre 2001
LOCARNO
7 ore
Il 20enne che ha sparato resta in carcere
Convalidato l'arresto del giovane dopo i fatti di via Vallemaggia
FOTO
CHIASSO
8 ore
«Un fans club a Chiasso? Non me l'aspettavo proprio»
Miglior giovane all'ultima Vuelta, Gino Mäder è "tornato" nel Mendrisiotto accolto da un fans club nato un po' per caso.
LOCARNO
1 gior
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
1 gior
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
1 gior
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
1 gior
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
1 gior
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
1 gior
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile