Keystone - foto d'archivio
CANTONE
23.06.20 - 12:200
Aggiornamento : 14:41

Serve sangue e non c’è pericolo di Covid-19

Nel post lockdown sono tornati interventi chirurgici e urgenze, ma in estate le donazioni diminuiscono.

Donare è sicuro, ma bisogna prendere appuntamento. Servono 0+, 0-, A-.

LUGANO - Il ritorno alla normalità passa anche dagli ospedali, che riprendono la loro attività. Questo comprende interventi chirurgici e d’urgenza, per i quali servono scorte di sangue. Scorte che in questo momento la Fondazione servizio trasfusionale CRS della Svizzera italiana sta cercando di rifornire. Pianificare una donazione, magari prima di andare in vacanza, significa fare del bene ad altri.

Serve un appuntamento - «Al momento della ripresa degli interventi sospesi, il numero di prodotti richiesti è aumentato enormemente creando una difficoltà nell’approvvigionamento - spiega il direttore operativo Mauro Borri -. E gli accessi alle strutture sono limitati, con appuntamenti scaglionati». La sicurezza resta la priorità. Ma d’estate solitamente le donazioni diminuiscono e diventa difficile «creare le riserve necessarie». In questi giorni sono i gruppi sanguigni 0+, 0- e A- quelli più richiesti. Ma il barometro della donazione di sangue nella Svizzera italiana mostra una scorta bassa anche di B+ e B-.

Trasfusioni al sicuro dal Covid-19 - Donare in questo momento è affidabile? «Le trasfusioni sono sicure - garantisce il direttore medico del Servizio trasfusionale, il dottor Stefano Fontana -. E non è necessario fare dei controlli sul sangue». Le misure di sicurezza impediscono a chi è malato di donare e «la trasmissione del SARS-CoV-2 tramite trasfusione è praticamente esclusa. Non è mai stata osservata» né sul Covid-19 né su virus simili, «nonostante numerosi paesi al mondo possiedano dei sistemi di controllo e documentazione degli effetti indesiderati della trasfusione di sangue». Anche in gravidanza, «in nessuno dei casi osservati di coronavirus è stata riscontrata una trasmissione al bambino via sangue».

Donare in sicurezza - In questo momento la donazione rimane importante. «Quando si prende appuntamento e all’entrata ai donatori viene chiesto se hanno avuto sintomi. Lo stato di salute viene verificato durante un colloquio e con un questionario medico. Solo donatori sani possono donare il sangue - conclude il dottor Fontana -. I sintomatici, chi ha avuto contatti con persone malate di coronavirus nelle ultime due settimane o chi ha contratto il virus e non è guarito da almeno un mese non vengono accettati. Inoltre i donatori devono informare il servizio trasfusionale se si ammalano nelle due settimane successive alla donazione», permettendo l’eventuale eliminazione del sangue, se necessario.

Niente tampone né test sierologico, dunque, in quanto «non contribuirebbero a un aumento della sicurezza». Ma Mauro Borri è positivo: «I nostri donatori di sangue volontari come sempre ci sono molto vicini e rispondono in modo encomiabile alle nostre richieste».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 ora
Toh, in Viale Franscini sono spuntate delle balene
È il murale realizzato sulla parete di un palazzo dal collettivo Nevercrew
CANTONE
2 ore
No del Governo alla mascherina: «È una decisione politica»
Il dottor Garzoni si dice convinto che il Consiglio di Stato sarà disposto a introdurre l'obbligo se i numeri saliranno.
CANTONE
3 ore
San Giorgio: svelato il mistero del rettile col supercollo
I ricercatori hanno stabilito che si trattava di un animale acquatico, ma non era un nuotatore efficiente
CANTONE
6 ore
No all'obbligo d'indossare la mascherina negli spazi chiusi
Norman Gobbi: «Non sarebbe stata una misura proporzionata visti i pochi casi che ci sono in Ticino»
CANTONE / ITALIA
7 ore
Riciclava soldi per il boss a Lugano
Sequestrati tre milioni di euro a un’avvocatessa di Milano legata al camorrista Vincenzo Guida.
CANTONE / SVIZZERA
9 ore
Tra ritardi e Covid, festeggiamenti ridotti per la galleria del Ceneri
Venerdì 4 settembre l'inaugurazione ufficiale. Inizialmente erano previsti 650 ospiti, ma non sarà così
CANTONE
11 ore
Un nuovo caso di Covid-19 in Ticino, anche un ricovero in più
Il totale d'infezioni da inizio pandemia ha raggiunto quota 3'446. Il numero di decessi resta fermo a 350.
BLENIO
15 ore
«Rilanceremo il cioccolato della Cima Norma»
Gastronomia e cultura. Ecco l’affascinante progetto di Abouzar Rahmani, 39 anni, imprenditore di Morcote.
CANTONE
15 ore
«Annunciarsi in ritardo è da furbi»
La hotline per chi rientra da paesi a rischio Covid lavora a pieno ritmo. Ma non mancano i problemi
BEDRETTO
22 ore
Moto completamente distrutta dalle fiamme
L'incendio si è sviluppato oggi attorno alle 21 sulla strada del Passo della Novena
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile