Foto Deposit
+3
LUGANO
25.06.20 - 06:420

Gli esclusi rinascono grazie a un hotel particolare

Il Bigatt, con albergo e ristorante incastonati nella cornice del Morchino, offre un'opportunità a chi non trova lavoro

È il progetto più importante attuato dalla Cooperativa area con l'aiuto di Fondazioni, Cantone e Comuni. I partecipanti al reinserimento vengono affiancati da professionisti. La direttrice Donatella Zappa: «Il Covid ha reso incerta la partenza. Ma ora tutto sta funzionando benissimo»

LUGANO - La sfida è quella di far ripartire le persone in bellezza. Perché il luogo è magnifico. Ai piedi del Monte San Salvatore, con vista sul golfo di Lugano e attorno quasi un ettaro di natura, tra prati, orti, vigne, uliveto e bosco. Qui da alcune settimane, nonostante una partenza frenata dalla morsa del Covid, è diventato realtà il progetto “Bigatt”, imperniato su un albergo e un ristorante di qualità inseriti nella rinnovata e storica masseria del Morchino. 

La particolarità è che si tratta di un’impresa sociale. A promuoverla, con il sostegno della Fondazione Crepaz Antonietti proprietaria dell’immobile, è la Cooperativa area che in questa idea ha investito quasi otto anni di lavoro. L’anima del “Bigatt” fa coesistere - in una dimensione no profit - lo spirito imprenditoriale e il sostegno all’inserimento degli esclusi dal mondo del lavoro. 

«L’idea ha preso forma da questa dimora storica, conosciuta da tutti come il Morchino, che stava andando in rovina - spiega Donatella Zappa, direttrice della Cooperativa area che da 30 anni è attiva nel reinserimento delle persone attraverso piccole imprese -. Sull’immobile c’era un vincolo d’uso per scopi sociali e sanitari. La Fondazione ci ha contattati e ha mostrato subito entusiasmo per il nostro progetto». Uno degli ostacoli principali, l’importante investimento per la ristrutturazione e il restauro della proprietà, è stato superato grazie al coinvolgimento di un’altra Fondazione, pure ticinese. Un significativo sostegno al “Bigatt” arriva anche dal Cantone, che riconosce il finanziamento dei coach e consulenti coinvolti nella formazione e nel sostegno all’inserimento dei lavoratori esclusi dal mondo del lavoro. Inoltre anche i Comuni di Lugano e Paradiso hanno fornito un contributo finanziario nella fase d'avvio. 

«Il funzionamento a pieno regime di albergo e ristorante prevede - continua Zappa - una ventina di professionisti affiancati da altrettanti partecipanti al reinserimento». Per ora sono una dozzina, tre in cucina, due ai piani dell’albergo, cinque negli orti bio-dinamici e due in sala. Uno di loro, Rino descrive con entusiasmo la sua attività in sala: «Senza questo aiuto sarebbe stato impossibile trovare oggi impiego. Qui c’è un bell’ambiente di lavoro, mi trovo bene. Sto cercando di migliorare e imparare ogni giorno di più».

La scommessa, continua Zappa, è far sì che l’impresa riesca a pagarsi tutte le spese. I meccanismi sono quelli dell’economia privata. La bellezza di questo progetto no profit è che noi diamo lavoro oggi a persone finite all’ultimo posto della società... in un luogo pieno di bellezza e positività. L’obiettivo è rimettere in sella le persone» sottolinea Zappa.

L’avvio, nonostante le limitazioni imposte dalla pandemia, è molto promettente: «Siamo aperti da un mese. Dovevamo partire il 1. aprile, ma è stato un inizio con lavoro ridotto e tanta incertezza per il futuro. Ora sta funzionando benissimo. Il ristorante, con la sua cucina di alta qualità fatta di prodotti solo locali e in parte coltivati nei nostri orti, è sempre pieno e nell’albergo c’è una buona affluenza». 

Foto Bigatt
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
7 min
Denuncia "il malandazzo" in ufficio, parte la procedura di licenziamento
Sul caso avvenuto all'Istituto delle assicurazioni sociali (IAS) l'MPS ha presentato un'interpellanza
FOTO E VIDEO
CANTONE
28 min
«La gente ha voglia di uscire e fare shopping»
Dopo quarantadue giorni di chiusura a causa della pandemia, oggi è avvenuta l'attesa riapertura dei negozi
CANTONE
3 ore
«Pensavo di aver visto tutto a 80 anni, ma sono finito in prigione»
Don Azzolino Chiappini rompe il silenzio, a qualche giorno dal decreto di abbandono per "sequestro di persona"
CANTONE
3 ore
Assembramenti e mascherina: in Ticino sono scattate 490 multe
È il bilancio del primo mese di controlli effettuati dalla polizia cantonale e da quelle comunali
CANTONE
4 ore
Revocato il limite degli 80 chilometri orari in autostrada
Alle 13.30 scadranno le misure straordinarie, introdotte giovedì scorso dal DT, per contrastare lo smog nel Sottoceneri.
BELLINZONA
5 ore
Restano in carcere i sei giovani della rissa di Giubiasco
Il Giudice dei provvedimenti coercitivi ha confermato l'arresto di tutte le persone coinvolte nell'alterco.
CANTONE
5 ore
Nessun ricovero e nessun morto per coronavirus
Nelle strutture sanitarie del nostro cantone 63 posti letto sono attualmente occupati da pazienti positivi
PONTE CHIASSO
7 ore
Rifiuti dall'Italia, sequestrato un camion
La Guardia di Finanza ha fermato un carico illegale alla dogana: trasportatore denunciato per truffa
CANTONE
7 ore
Non rinnovano la richiesta per il "lavoro ridotto" e ora gli stipendi sono fermi
Credevano che l’eccezionalità della pandemia prolungasse in automatico gli aiuti. Alcuni ristoratori nei guai.
CANTONE
9 ore
Fiori d'arancio gelati dal Covid ma...
Nel 2020 i matrimoni civili sono calati del 30% e quelli in chiesa addirittura del 62 per cento
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile