Archivio Tipress (immagine illustrativa)
CANTONE
20.06.20 - 10:580

«Noi tassisti ci sentiamo abbandonati»

Il settore è in piena crisi e ora resta senza aiuti da parte dello Stato

Il portavoce: «Siamo pronti a farci sentire con una manifestazione»

LUGANO - «Per noi la situazione è drammatica». È questo il grido d’aiuto che i tassisti ticinesi avevano lanciato all’inizio dell’emergenza Covid-19, quando tutto il paese si era fermato. Ma ora che si è gradualmente tornati a una nuova normalità, il settore è ancora in piena crisi: «Non ci sono turisti, quasi nessuno chiama un taxi, gli aeroporti sono deserti: è ancora tutto fermo» afferma il presidente dell’Associazione tassametristi concessionari Lugano B (ATClub) e del comitato Taxi Ticino Uniti.

Una situazione, questa, resa ulteriormente difficile dal fatto che la categoria ora non ha più la possibilità di ottenere un’indennità di perdita di guadagno, come sottolinea il nostro interlocutore: «Proprio in questi giorni il Cantone sta comunicando ai professionisti del settore che le richieste d’aiuto finanziario sono respinte». Il motivo? «Avendo un piano di protezione, possiamo lavorare».

Ma - lo sottolinea ancora il presidente - «centinaia di tassisti e le loro famiglie devono fare i conti con il fatto che attualmente manca la clientela». E le perdite sfiorano il 90%. La categoria si sente pertanto abbandonata a se stessa.

Insegne luminose in piazza? - I tassisti lanciano quindi un nuovo appello al Cantone. E se necessario, si dicono pronti a farsi sentire anche con una manifestazione: «L’idea è di posare decine di insegne luminose dei nostri taxi in una piazza di Bellinzona» conclude.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
47 min
«Non sapevamo. Chiariremo e affronteremo»
Sui presunti abusi in Rsi viene comunicato che le indagini saranno affidate ad esterni.
CANTONE
1 ora
«In Ticino restrizioni prorogate fino al 18 dicembre»
Durante una conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline il governo ha illustrato la sua strategia
LUGANO
2 ore
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
FOTO
CANTONE
2 ore
«Gli assembramenti sono stati solo spostati di un'ora»
Lo slittamento dell'orario delle scuole superiori non avrebbe finora avuto l'effetto sperato.
CANTONE
5 ore
Aveva tentato di recarsi in Siria, senza successo
La fedpol ha fornito nuove informazioni sulla donna che ieri ha ferito due persone alla Manor di Lugano.
ONSERNONE
6 ore
Mentre tagliava le piante, gli è caduto addosso un muro
L'incidente si è verificato in Valle Onsernone. Gravi ferite per un 52enne della regione
CANTONE
6 ore
«Sconcerto e delusione» per la conferenza stampa di ieri
Critiche da parte dell’Associazione ticinese dei giornalisti per come Gobbi e Cocchi hanno gestito la conferenza stampa
CANTONE
7 ore
Altre dieci vittime del Covid-19 in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore 21 persone sono state ricoverate in ospedale, mentre 29 lo hanno lasciato.
CANTONE
8 ore
«Quando mi ha detto “ti ammazzo” qualcosa si è rotto»
Quella di Federica è solo una delle tante, troppe, storie di violenza. Che non è solo fisica, ma psicologica, verbale
FOTO E VIDEO
MAROGGIA
10 ore
«Un colpo duro per tutti. Maroggia ha perso il suo ultimo simbolo»
Il Mulino apparteneva alla famiglia Fontana da 42 anni ed era stato tramandato di padre in figlio.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile