Immobili
Veicoli
DEposit
CANTONE
20.06.20 - 23:000
Aggiornamento : 21.06.20 - 09:57

Diventa mamma, e perde il posto di lavoro a Natale

Lunedì in Parlamento si discute per una maggiore protezione delle donne dopo il parto. La storia di Claudia.

«Sono stata umiliata come donna e come lavoratrice – racconta la 30enne –. È una questione di rispetto e di dignità».

MENDRISIO - Più protezione per le neomamme ticinesi. Sarà una giornata di fuoco quella di lunedì in Parlamento. A Bellinzona si dibatterà sull’iniziativa di Giorgio Fonio e Fiorenzo Dadò (PPD), che chiede di allungare da 4 mesi a 12 il periodo di tutela da un eventuale licenziamento.

Tra chi è in attesa del verdetto, anche Claudia (vero nome noto alla redazione), 30enne del Medrisiotto, licenziata di recente dopo avere partorito per la seconda volta. «Per me è stata un’umiliazione, come donna, come mamma e come lavoratrice». 

Meglio il maschio – Il Parlamento ticinese è spaccato in due. Da una parte PPD, PS e Verdi chiedono un anno di protezione per le neomamme. Dall’altra Lega e PLR propongono "solo" 6 mesi (dunque 2 in più dei 4 attuali). Claudia lavorava come impiegata d’ufficio, era parecchio stimata in azienda. Eppure, poco prima dello scorso Natale, quando si apprestava al rientro, le sono state dette cose orribili. «Stavano per scadere i 4 mesi di congedo. E dunque mi sono ripresentata al colloquio per pianificare il mio ritorno. Mi hanno detto che preferivano puntare su un maschio, perché lui non si sarebbe dovuto assentare per ragioni legate alla maternità».

Quanta ipocrisia – Claudia aveva chiesto un tempo parziale. «Ma mi è stato negato pure quello. Strano, perché ad altri miei colleghi era stato concesso. Ho capito che mi volevano fare fuori e basta. E pensare che le stesse persone che mi hanno annunciato il licenziamento, pochi mesi prima si erano congratulate con me per la nascita di mio figlio. Mi sono sentita tradita. Mancavano pochi giorni a Natale. Formalmente non potevano ancora licenziarmi, ero ancora in congedo. Ma volevano pure fare la bella faccia facendo finta di essere stati gentili a darmi questo preavviso. Come se mi avessero fatto un piacere. Sono rimasta di stucco di fronte a tanta ipocrisia, senza parole».  

Un'esperienza bellissima – La 30enne del Mendrisiotto ha accettato di raccontare la sua storia a Tio/20Minuti perché ritiene urgente una riflessione sul tema della tutela delle neomamme. «Questo era il mio secondo figlio. Essere mamma è una cosa bellissima. Ma una società impostata così te la fa vivere come un incubo. Ci vuole veramente più correttezza. È una questione di rispetto e di dignità».

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
3 ore
Due foreign fighters ticinesi, pentiti ma non troppo
Negli ultimi tre anni due ticinesi sono stati condannati per avere combattuto all'estero. Li abbiamo intervistati
CANTONE
9 ore
«Ma quindi casa tua è in affitto?», c'è una nuova truffa su WhatsApp
Che segue una analoga di poco meno di un anno fa. E il consiglio del Centro di cibersicurezza di Berna vale ancora
CANTONE
14 ore
Le api ticinesi stanno un po' meglio di quelle svizzere
I nostri apicoltori sono attualmente impegnati nel raccolto primaverile. «Il miele di quest'anno è di qualità».
FOTOGALLERY E MAPPA
CANTONE
16 ore
Da Breggia a Braggio: alla scoperta dei nostri mulini
Tredici in Ticino e uno in Calanca: ecco le strutture che apriranno le porte durante la Giornata Svizzera dei Mulini.
CANTONE/SVIZZERA
1 gior
San Gottardo preso d'assalto: 10 km di coda
Durante la notte la situazione si era calmata, ma in prima mattinata era già da bollino nero
CANTONE
1 gior
I frontalieri in telelavoro «vanno regolarizzati»
Un'interrogazione firmata Plr e Ppd chiede al Consiglio di Stato di attivarsi
CUGNASCO GERRA
1 gior
Dieci anni dopo, in memoria di Alan
Giubileo per la Birra Bozz. Il titolare Richy Bozzini porta avanti il sogno del fratello, morto di cancro alle ossa.
FOTOGALLERY
BEDRETTO
1 gior
Il Passo della Novena è uscito dal letargo invernale
La strada che collega Bedretto a Ulrichen è stata riaperta questa mattina alle nove.
CANTONE
2 gior
«Così potrete risparmiare»
I consigli di Laura Regazzoni Meli, segretaria generale dell'ACSI, ospite di Piazza Ticino. Guarda il video.
CANTONE
2 gior
Ladri "elettrizzati" fanno incetta di bici (e di denunce)
Nei primi mesi del 2022 la Polizia cantonale ha ricevuto parecchie denunce per furti di biciclette.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile