Tipress
GAMBAROGNO
19.06.20 - 10:460

27 milioni per opere aggiuntive del Comune di Gambarogno

Intanto si sono conclusi i lavori di potenziamento dell’infrastruttura ferroviaria

GAMBAROGNO - I lavori di potenziamento dell’infrastruttura ferroviaria nel tratto fra Cadenazzo e Ranzo/Sant’Abbondio sono conclusi. Gli interventi hanno permesso la costruzione di un secondo binario tra Contone e Quartino, il prolungo del secondo binario alla stazione di Magadino, la sostituzione degli impianti di sicurezza in tutte le stazioni ora integrate nel sistema di telegestione del Centro di esercizio Sud di Pollegio, l’edificazione di un nuovo stabile di tecnica ferroviaria a Magadino (ETF), nonché la sostituzione e il potenziamento della linea di
contatto elettrica.
Il 1° luglio 2016 il Dipartimento federale dell’ambiente (DATEC) aveva approvato il progetto di sviluppo dell’infrastruttura ferroviaria del Gambarogno, imponendo alle Ferrovie Federali
Svizzere (FFS) solo una parte delle richieste formulate dal Comune in fase di pubblicazione. Queste miravano a migliorare la sicurezza del trasporto merci, a ridurne l’impatto per la
popolazione e rispettivamente ad ottenere delle misure di compensazione atte a mitigare le conseguenze del potenziamento. Poiché le richieste del Comune erano state disattese, il 31
agosto 2016 il Municipio aveva inoltrato ricorso al Tribunale amministrativo federale. Dopo un’estenuante trattativa svolta dal Municipio con l’Ufficio federale dei trasporti e le FFS, si
è giunti ad un accordo in sintonia con le richieste iniziali del Comune, che ha permesso il ritiro del ricorso in data 22 febbraio 2017.

All’inizio del mese di maggio 2020 le FFS hanno indirizzato al Municipio il consuntivo delle opere scaturite dall’accordo, realizzate a favore del Comune e meglio:  una nuova passerella ciclo-pedonale sul riale Trodo a Cadepezzo; il rifacimento sottopasso in via Vairano a San Nazzaro, la  sistemazione delle rampe di accesso est e ovest alla Stazione di Magadino-Vira, con realizzazione di un nuovo posteggio con nove stalli e di un camminamento pedonale; la ristrutturazione e ampliamento dell’Eco-Centro alla Stazione di San Nazzaro.

Oltre a ciò, in corso d’opera e su richiesta del Municipio, sono pure stati realizzati da FFS i lavori di allargamento del calibro stradale dal sottopasso di San Nazzaro fino alla Chiesa
parrocchiale; le correzioni e migliorie su diverse strade comunali a ridosso della linea ferroviaria, con allargamenti, posa di guardrail, drenaggi e aiuole. Il tutto per un investimento complessivo di 4.37 milioni di franchi. 

A queste opere si aggiungeranno nei prossimi anni, con precisi obblighi già assunti e sottoscritti, il sottopasso in zona Monda a Contone, comprensivo di pista ciclabile, di 15.4
milioni e la realizzazione di una lunga serie di interventi riguardanti i pericoli naturali, da realizzare a monte della linea ferroviaria e stimati in 7.4 milioni. «Seppure vero - fa sapere il Municipio - che la gestione dei cantieri è stata complessa e problematica, con disagi e limitazioni per gli utenti del Gambarogno, bisogna pur riconoscere che il lungo “braccio di ferro” intrapreso fra le Autorità comunali, le FFS e l’UFT hanno comunque permesso di ottenere, fra opere realizzate e da realizzarsi, indennizzi pari a 27.1 milioni».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
C'è troppo smog: velocità ridotta in tutto il Sottoceneri
Gli 80 km/h entreranno in vigore alle 13.30 e riguarderanno l'A2 fra Rivera e Chiasso e l'A394 fra Mendrisio e Stabio.
BELLINZONA
2 ore
Violenta rissa a Giubiasco, fermati sei giovani
Un 21enne è stato ferito in modo grave alla testa con un oggetto contundente. Ferite più leggere per altre tre persone.
CANTONE
2 ore
Covid: 52 positivi, ma nessuna vittima
Nelle ultime ventiquattro ore sono state ricoverate 5 persone. Quattro, invece, sono state dimesse
CANTONE
3 ore
«Lo sballo da farmaci ha ucciso mio figlio»
Dal dramma, lo slancio per aiutare gli altri: «Tante vite possono essere salvate»
CANTONE
4 ore
I 366 giorni di coronavirus del dottor Christian Garzoni
Il direttore sanitario della Clinica Luganese di Moncucco ricorda il 25 febbraio di un anno fa e il primo paziente Covid
CANTONE
6 ore
I media di fronte alla novità del coronavirus
L'esperto: «È stato fatto un buon lavoro, senza allarmismo ma nemmeno banalizzazione»
FOTO
CANTONE
6 ore
Un anno di pandemia
Il 25 febbraio 2020 venne segnalato il primo caso di coronavirus in Ticino (e in Svizzera).
CANTONE
15 ore
In Ticino è come se fosse morto un piccolo paese
Il Covid ha creato un "buco" nelle statistiche demografiche: 857 decessi in più in un anno.
CANTONE
17 ore
«Aprire le terrazze? Creerebbe tensioni»
Massimo Suter deluso dalla decisione del Consiglio Federale. E anche dalla prospettiva di una riapertura "a metà"
CANTONE
19 ore
«Non vogliamo una Pasqua come quella del 2020»
Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato ticinese, ospite di Piazza Ticino. Guarda il video.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile