Deposit
CANTONE
13.06.20 - 10:120

Legge sul CO2: «Anche il Ticino dovrà fare la sua parte»

Berna ha deciso, ma ora Bellinzona deve aiutare chi non può fare a meno dell'auto, sostiene il vicepresidente PS Ticino

BELLINZONA - Approvata questa settimana al Nazionale, la nuova legge sul CO2 ha suscitato tiepidi entusiasmi e accese critiche. Per i sostenitori è uno strumento che contribuirà a rispettare gli obiettivi dell'Accordo di Parigi sul clima. Per i contrari, un'inutile stangata che risulta ancora più odiosa in tempi di crisi economica.

In una presa di posizione sul provvedimento approvato dalle Camere federali, anche il vicepresidente del PS cantonale Evaristo Roncelli ammette che «il momento storico non è certo dei migliori per annunciare la nuova legge sul CO2», ma sottolinea che «la politica ha i suoi tempi e il cambiamento climatico non aspetta». Per l'esponente socialista, dopo la scelta fatta a Berna la palla è ora nel campo del Ticino, che dovrebbe potenziare il trasporto pubblico e prevedere «aiuti» per chi fosse messo particolarmente in difficoltà dalle nuove tasse: «Anche il nostro Cantone dovrà fare la sua parte», sostiene.

«Il sistema politico svizzero prevede che ci siano delle regole federali e che poi i Cantoni prendano misure proprie per compensare eventuali situazioni particolari», scrive il responsabile per le questioni economiche del PS TI. «Il Canton Ticino è un Cantone geograficamente complesso, dove è complicato offrire un servizio di trasporto capillare, in modo particolare nelle valli- aggiunge -. Il PS deve farsi promotore dell’equità sociale nella svolta ecologica. Per fare questo dovrà chiedere un ulteriore aumento degli investimenti nel trasporto pubblico, affinché sempre più persone possano utilizzare il mezzo di trasporto pubblico».

Per Roncelli, il fatto che da «un viaggio coi mezzi pubblici da Caslano a Grancia duri come un viaggio fra Berna e Zurigo (un’ora)» non è l'unico problema. «A queste difficoltà si aggiungono quelle economiche, che obbligano molte persone a lavorare a turni o su chiamata e costringono molti a doversi arrabattare per conciliare lavoro e famiglia - afferma -. Questo implica che qualcuno l’automobile la deve usare, non per voglia ma per necessità».

Secondo l'esponente socialista, «in Ticino sarà necessario pensare a degli aiuti puntali per chi un’auto o un riscaldamento a basso consumo non può permetterseli e non ha alternative»: «Se gli incentivi per l’acquisto di auto ecologiche o per gli investimenti nel risparmio energetico sono sicuramente positivi, da soli non bastano - scrive Roncelli -. È necessario pensare a misure compensative per le persone a basso e medio reddito che vivono in zone discoste e poco servite dai trasporti pubblici. Inoltre, bisognerà chiedere ai datori di lavoro uno sforzo, creando una compensazione finanziaria a chi lavora a turni o su chiamata».

Evaristo Roncelli
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
35 min
Frontalieri in homeworking (per ora) tassati in Ticino
L'accordo di giugno 2020 varrà fino al termine della pandemia, poi si applicheranno nuovamente le normali regole
MENDRISIO
1 ora
Due conti svuotati «dalla sera alla mattina»
Una coppia momò ha sporto denuncia per 5mila franchi spariti misteriosamente. Postfinance e Raiffeisen indagano
LUGANO
2 ore
Emergono altri due positivi dai test a tappeto al Liceo Lugano 2
Gli allievi interessati, che frequentano la stessa classe, sono stati posti in isolamento.
CANTONE
3 ore
Le spingevano a prostituirsi e pretendevano i soldi
Un 31enne e un 32enne sono finiti in manette per aver gestito un giro di prostituzione nel Luganese.
CONFINE
5 ore
Ruba i gioielli alla nonna, poi cerca di fonderli a Chiasso
I carabinieri di Giussano hanno denunciato una 23enne. L'accusa è furto e ricettazione
LUGANO
6 ore
Il (terzo) ricorrente fa chiarezza, e non vuole rallentare le cose
Al centro della questione la richiesta, nel pieno della procedura, di presentare una garanzia immediata e liquida
CANTONE
8 ore
In Ticino altri 22 contagi
Nelle ultime 24 ore non si sono registrati decessi. Il bollettino del medico cantonale
CANTONE
8 ore
Non è vero che le donne fanno più incidenti
In Ticino l'anno scorso sono stati 1036 i sinistri stradali "al femminile". Quelli causati da uomini oltre il doppio
FOTO E VIDEO
BISSONE
9 ore
Si rompe un condotta, fuga di gas lungo la Cantonale
Disagi alla circolazione stradale, stamattina, a Bissone. Sul posto pompieri, polizia e tecnici dell'AIL.
CANTONE
10 ore
«Sarebbe devastante riaprire tutto a Pasqua e richiudere due settimane dopo»
Covid: Raffaele De Rosa, direttore del DSS, è preoccupato. Anche per quello che sta accadendo nella vicina Italia.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile