Applausi a medici e infermieri, ma non dimentichiamo i fisioterapisti
TiPress - foto d'archivio
Marzo 2020, nella foto Marija Marjanovic, fisioterapista, mentre assiste un paziente intubato da più giorni con della ginnastica quotidiana presso le Cure Intense del Pronto Soccorso.
CANTONE
17.06.20 - 06:000
Aggiornamento : 12:34

Applausi a medici e infermieri, ma non dimentichiamo i fisioterapisti

Dalle cure intense alle cliniche di riabilitazione fino a casa il suo supporto è basilare, sulla mente e sul corpo

physioTicino: «Spesso non viene riconosciuto come una figura sanitaria fondamentale per salvare e aiutare il paziente affetto da Covid-19».

MORBIO INFERIORE - La pandemia di coronavirus ci ha ricordato quanto il personale socio-sanitario sia importante. Si sono moltiplicate le attestazioni di stima e gratitudine nei confronti di medici e infermieri. Ma c’è un’altra figura che ha avuto un ruolo fondamentale in tutto il periodo di crisi e che, anche ora che i casi sono pochi, è al centro del percorso di recupero di chi ha contratto la malattia. Stiamo parlando del fisioterapista.

Non solo massaggi e ossa rotte - Spesso si tende a pensare al fisioterapista come a colui che “aggiusta il corpo di chi si è ammalato”. Massaggi, riabilitazione in caso di incidenti, rossa rotte o legamenti stirati. Ma si tratta di «una vecchia concezione che non tiene conto dell’elevata preparazione, competenza e professionalità che possiedono». Su questo punto il comitato direttivo di physioTicino ha un’idea chiara. «Il fisioterapista, soprattutto in ambito respiratorio acuto, non viene riconosciuto dalla popolazione generale come una figura sanitaria fondamentale per salvare e aiutare il paziente affetto da Covid-19 - spiega il suo vicepresidente, Alessandro Bonafine -. Non si tratta di sottovalutazione, ma manca una corretta conoscenza».

Anche in cure intense - In realtà, durante la pandemia di Covid-19 i fisioterapisti «hanno contribuito a sgravare il sistema sanitario». Nella fase acuta, hanno cooperato con il personale delle cure intense per gestire la ventilazione meccanica del paziente e aspirare dai polmoni eventuali secrezioni. «Molti fisioterapisti che normalmente lavorano al di fuori dell’EOC - aggiunge physioTicino - si sono messi a disposizione per aiutare le strutture pubbliche che si sono trovate in difficoltà per mancanza di personale». I pazienti che hanno sviluppato una polmonite, necessitano in seguito di una riabilitazione che tenga conto dei «parametri vitali, al fine di non sollecitare troppo l’apparato cardio-circolatorio e respiratorio». I fisioterapisti si occupano pertanto della «terapia muscolo-scheletrica» accompagnata dalla «riabilitazione polmonare». Infine, una volta tornato a casa, chi è stato affetto da coronavirus ha bisogno di continuità delle cure: «Il paziente è protagonista centrale di un percorso terapeutico a carattere biologico, psicologico e sociale che lo aiuta a trovare le giuste risorse per gestire al meglio questa situazione particolare».

Non solo corpo, ma anche testa - Chi è stato colpito dal Covid-19 può avere conseguenze a lungo termine. «L’impatto emotivo è notevole e, dai volti provati, traspare un grande senso di stanchezza». Spesso sono presenti «dolori diffusi in tutto il corpo, con conseguenze negative sulla qualità di vita». Sono necessari «in media 2-3 mesi di trattamento in studio, accompagnati da un percorso in autonomia a casa» per migliorare le sue condizioni. Un percorso impegnativo, dove «il supporto del fisioterapista è basilare sia dal lato psico-emotivo sia fisico».

Più consapevolezza - Dopo questa pandemia «si avrà sicuramente maggiore consapevolezza dell’importanza di tutti i professionisti sanitari e di quanto siano fondamentali le diverse competenze - conclude Bonafine -. Come fisioterapisti continueremo a essere attivamente al fianco dei pazienti più fragili».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
5 ore
Ragazzo preso a calci, l'appello della madre
L'episodio risale alla serata di sabato. Il branco che lo ha aggredito sarebbe recidivo.
ZURIGO
6 ore
«Sono giovane e sano, non ho paura». Ecco perché è un errore pensarlo
Si ha sì un minor rischio di morire, ma sono molti i fattori da valutare.
Vacallo
6 ore
Da otto anni, Edo Pellegrini chiede spiegazioni al Municipio sul fondo 451
Ci sono un sentiero impraticabile, una costruzione di utilità non specificata e delle domande rimaste senza risposta
STABIO
10 ore
Non accetta il salario fuorilegge: licenziata
Alle dipendenze della sua azienda da cinque anni, la donna è stata messa alla porta.
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
«Spostarli nel Luganese non è una soluzione»
Simonetta Sommaruga ha risposto a Marco Romano, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei comuni momò.
FAIDO
16 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE
16 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
17 ore
Altre 20 classi in quarantena
Si tratta di 15 sezioni di scuola elementare e 5 di scuola dell'infanzia. Il totale sale a quota 62
CANTONE
18 ore
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
CANTONE
19 ore
Controlli e multe in vista per chi è al telefono alla guida
L'operazione della Polizia cantonale ha il via già da questo mese.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile