Applausi a medici e infermieri, ma non dimentichiamo i fisioterapisti
TiPress - foto d'archivio
Marzo 2020, nella foto Marija Marjanovic, fisioterapista, mentre assiste un paziente intubato da più giorni con della ginnastica quotidiana presso le Cure Intense del Pronto Soccorso.
CANTONE
17.06.20 - 06:000
Aggiornamento : 12:34

Applausi a medici e infermieri, ma non dimentichiamo i fisioterapisti

Dalle cure intense alle cliniche di riabilitazione fino a casa il suo supporto è basilare, sulla mente e sul corpo

physioTicino: «Spesso non viene riconosciuto come una figura sanitaria fondamentale per salvare e aiutare il paziente affetto da Covid-19».

MORBIO INFERIORE - La pandemia di coronavirus ci ha ricordato quanto il personale socio-sanitario sia importante. Si sono moltiplicate le attestazioni di stima e gratitudine nei confronti di medici e infermieri. Ma c’è un’altra figura che ha avuto un ruolo fondamentale in tutto il periodo di crisi e che, anche ora che i casi sono pochi, è al centro del percorso di recupero di chi ha contratto la malattia. Stiamo parlando del fisioterapista.

Non solo massaggi e ossa rotte - Spesso si tende a pensare al fisioterapista come a colui che “aggiusta il corpo di chi si è ammalato”. Massaggi, riabilitazione in caso di incidenti, rossa rotte o legamenti stirati. Ma si tratta di «una vecchia concezione che non tiene conto dell’elevata preparazione, competenza e professionalità che possiedono». Su questo punto il comitato direttivo di physioTicino ha un’idea chiara. «Il fisioterapista, soprattutto in ambito respiratorio acuto, non viene riconosciuto dalla popolazione generale come una figura sanitaria fondamentale per salvare e aiutare il paziente affetto da Covid-19 - spiega il suo vicepresidente, Alessandro Bonafine -. Non si tratta di sottovalutazione, ma manca una corretta conoscenza».

Anche in cure intense - In realtà, durante la pandemia di Covid-19 i fisioterapisti «hanno contribuito a sgravare il sistema sanitario». Nella fase acuta, hanno cooperato con il personale delle cure intense per gestire la ventilazione meccanica del paziente e aspirare dai polmoni eventuali secrezioni. «Molti fisioterapisti che normalmente lavorano al di fuori dell’EOC - aggiunge physioTicino - si sono messi a disposizione per aiutare le strutture pubbliche che si sono trovate in difficoltà per mancanza di personale». I pazienti che hanno sviluppato una polmonite, necessitano in seguito di una riabilitazione che tenga conto dei «parametri vitali, al fine di non sollecitare troppo l’apparato cardio-circolatorio e respiratorio». I fisioterapisti si occupano pertanto della «terapia muscolo-scheletrica» accompagnata dalla «riabilitazione polmonare». Infine, una volta tornato a casa, chi è stato affetto da coronavirus ha bisogno di continuità delle cure: «Il paziente è protagonista centrale di un percorso terapeutico a carattere biologico, psicologico e sociale che lo aiuta a trovare le giuste risorse per gestire al meglio questa situazione particolare».

Non solo corpo, ma anche testa - Chi è stato colpito dal Covid-19 può avere conseguenze a lungo termine. «L’impatto emotivo è notevole e, dai volti provati, traspare un grande senso di stanchezza». Spesso sono presenti «dolori diffusi in tutto il corpo, con conseguenze negative sulla qualità di vita». Sono necessari «in media 2-3 mesi di trattamento in studio, accompagnati da un percorso in autonomia a casa» per migliorare le sue condizioni. Un percorso impegnativo, dove «il supporto del fisioterapista è basilare sia dal lato psico-emotivo sia fisico».

Più consapevolezza - Dopo questa pandemia «si avrà sicuramente maggiore consapevolezza dell’importanza di tutti i professionisti sanitari e di quanto siano fondamentali le diverse competenze - conclude Bonafine -. Come fisioterapisti continueremo a essere attivamente al fianco dei pazienti più fragili».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
2 ore
Infortunio sul lavoro a Cadro, 59enne in fin di vita
L'uomo è caduto da un'altezza di circa un metro e mezzo, battendo la testa. La sua vita è in pericolo.
BELLINZONA
2 ore
Altre 28 postazioni per il bike sharing di Bellinzona
Il Municipio intende aumentare ulteriormente il numero di biciclette disponibili sul territorio comunale
CANTONE
2 ore
I nuovi contagi in Ticino sono 36
Quattro le sezioni in quarantena nelle scuole ticinesi
CANTONE
4 ore
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
LUGANO
4 ore
L'uomo che vuole costruire lo stadio
Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.
LOCARNO
6 ore
Colpo di spugna alla Santa Chiara: disdetta all'ex direttrice e altri 3 medici
Tre allontanati con effetto immediato. Il quarto dovrà lasciare a fine anno. Contestate loro gravi manchevolezze
Massagno
6 ore
Per Elisa ci vogliono 18 milioni
L'edificio ha un valore di stima peritale di 18 milioni e mezzo
CANTONE
21 ore
L'obiettivo: ri-vaccinare trentamila anziani entro Natale
Ecco la tabella di marcia delle autorità sanitarie cantonali per la somministrazione del richiamo
CANTONE
1 gior
Mortale in pista: condanna confermata
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso contro la sentenza per l'omicidio colposo avvenuto all'aeroporto di Lodrino
BRISSAGO
1 gior
Un'intera scuola in quarantena
Le elementari in isolamento. Domani partono i test a tappeto: «Ma solo per chi vuole farli»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile