TiPress - foto d'archivio
Marzo 2020, nella foto Marija Marjanovic, fisioterapista, mentre assiste un paziente intubato da più giorni con della ginnastica quotidiana presso le Cure Intense del Pronto Soccorso.
CANTONE
17.06.20 - 06:000
Aggiornamento : 12:34

Applausi a medici e infermieri, ma non dimentichiamo i fisioterapisti

Dalle cure intense alle cliniche di riabilitazione fino a casa il suo supporto è basilare, sulla mente e sul corpo

physioTicino: «Spesso non viene riconosciuto come una figura sanitaria fondamentale per salvare e aiutare il paziente affetto da Covid-19».

MORBIO INFERIORE - La pandemia di coronavirus ci ha ricordato quanto il personale socio-sanitario sia importante. Si sono moltiplicate le attestazioni di stima e gratitudine nei confronti di medici e infermieri. Ma c’è un’altra figura che ha avuto un ruolo fondamentale in tutto il periodo di crisi e che, anche ora che i casi sono pochi, è al centro del percorso di recupero di chi ha contratto la malattia. Stiamo parlando del fisioterapista.

Non solo massaggi e ossa rotte - Spesso si tende a pensare al fisioterapista come a colui che “aggiusta il corpo di chi si è ammalato”. Massaggi, riabilitazione in caso di incidenti, rossa rotte o legamenti stirati. Ma si tratta di «una vecchia concezione che non tiene conto dell’elevata preparazione, competenza e professionalità che possiedono». Su questo punto il comitato direttivo di physioTicino ha un’idea chiara. «Il fisioterapista, soprattutto in ambito respiratorio acuto, non viene riconosciuto dalla popolazione generale come una figura sanitaria fondamentale per salvare e aiutare il paziente affetto da Covid-19 - spiega il suo vicepresidente, Alessandro Bonafine -. Non si tratta di sottovalutazione, ma manca una corretta conoscenza».

Anche in cure intense - In realtà, durante la pandemia di Covid-19 i fisioterapisti «hanno contribuito a sgravare il sistema sanitario». Nella fase acuta, hanno cooperato con il personale delle cure intense per gestire la ventilazione meccanica del paziente e aspirare dai polmoni eventuali secrezioni. «Molti fisioterapisti che normalmente lavorano al di fuori dell’EOC - aggiunge physioTicino - si sono messi a disposizione per aiutare le strutture pubbliche che si sono trovate in difficoltà per mancanza di personale». I pazienti che hanno sviluppato una polmonite, necessitano in seguito di una riabilitazione che tenga conto dei «parametri vitali, al fine di non sollecitare troppo l’apparato cardio-circolatorio e respiratorio». I fisioterapisti si occupano pertanto della «terapia muscolo-scheletrica» accompagnata dalla «riabilitazione polmonare». Infine, una volta tornato a casa, chi è stato affetto da coronavirus ha bisogno di continuità delle cure: «Il paziente è protagonista centrale di un percorso terapeutico a carattere biologico, psicologico e sociale che lo aiuta a trovare le giuste risorse per gestire al meglio questa situazione particolare».

Non solo corpo, ma anche testa - Chi è stato colpito dal Covid-19 può avere conseguenze a lungo termine. «L’impatto emotivo è notevole e, dai volti provati, traspare un grande senso di stanchezza». Spesso sono presenti «dolori diffusi in tutto il corpo, con conseguenze negative sulla qualità di vita». Sono necessari «in media 2-3 mesi di trattamento in studio, accompagnati da un percorso in autonomia a casa» per migliorare le sue condizioni. Un percorso impegnativo, dove «il supporto del fisioterapista è basilare sia dal lato psico-emotivo sia fisico».

Più consapevolezza - Dopo questa pandemia «si avrà sicuramente maggiore consapevolezza dell’importanza di tutti i professionisti sanitari e di quanto siano fondamentali le diverse competenze - conclude Bonafine -. Come fisioterapisti continueremo a essere attivamente al fianco dei pazienti più fragili».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
15 min
Le sardine con la mascherina (a metà)
Mezzi pubblici affollati: a Lugano la situazione più problematica. Un 17enne con l'asma: «Ho paura»
MENDRISIO
15 min
«Basta un codice QR e il cliente è tracciato»
Esercenti stufi di “perdere tempo” nel registrare gli avventori? Forse c’è una soluzione.
COMANO
8 ore
Caffè "scorretto" Covid
La gerente dell'esercizio pubblico critica i silenzi dell'azienda: «Un cliente aveva il Covid e l'ho saputo da altri»
LUGANO / BELLINZONA
12 ore
Covid, quarantena di classe al Liceo 1 e alla Commercio di Bellinzona
Diversi allievi contagiati dal virus. Seguiranno le lezioni da casa
BIOGGIO
12 ore
Chiude la TE Connectivity: in 106 perdono il posto
L'azienda chiuderà lo stabilimento produttivo sul piano del Vedeggio a causa delle difficoltà attuali del mercato
CANTONE
13 ore
In treno senza mascherina? Poche multe
Le Ffs vigilano sul rispetto delle regole in treno. Ma «la maggioranza dei passeggeri si comporta bene» assicurano
CANTONE
18 ore
«Scegliamo con chi avere contatti stretti»
Oggi nel nostro cantone sono stati segnalati altri 255 casi. Negli ospedali sono ricoverate 35 persone
CANTONE
19 ore
Ambrì-Losanna: processo rimandato a data da definire
Doveva tenersi domani, ma non avrà luogo. «La farsa continua», commenta la Gioventù Biancoblu
CANTONE
19 ore
Trafficanti di marijuana in manette
Si tratta di un 57enne e un 30enne. In uno stabile in Riviera sono stati trovati stupefacenti e una coltivazione indoor
CANTONE
20 ore
In Ticino raddoppiano i contagi, 255 in un giorno
Il bollettino del medico segna un aumento notevole. I dati aggiornati sulle ultime 24 ore
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile