foto Philipp Plein
LUGANO
09.06.20 - 06:000
Aggiornamento : 08:47

La pandemia di Plein: «Scelte dure, non mi nascondo»

Licenziamenti a Lugano, fatturato in calo. Ma lo stilista non abbassa la testa. L'intervista a tio.ch/20minuti

«Situazione disastrosa, non prendo in giro nessuno». E fa una donazione alla famiglia di George Floyd

LUGANO - La pizza in ufficio. Il sushi. Le riunioni fino a notte fonda, e le liti con i sindacati. Una cosa è certa: Philipp Plein ha reso il Ticino un posto meno noioso. Con il suo seguito di frontalieri e businessman (persino Berlusconi) e la sua Ferrari verde, per cui è finito a litigare anche con la casa di Maranello. Negli ultimi mesi lo stilista ha dovuto fare due cose che probabilmente non gli piacciono: fermarsi, e ridimensionarsi.     

I primi licenziamenti a Lugano – sette – risalgono a marzo. Ma era solo l'inizio: con la pandemia il marchio ha ridotto i dipendenti sul Ceresio da 110 a 79. A confermarlo a tio.ch/20minuti è lo stesso imprenditore. «Non è stato bello né facile» racconta in un'intervista esclusiva. «La crisi attuale ha colpito il nostro settore in modo pesante. Ho dovuto prendere decisioni difficili». 

Non è nuovo a queste scelte, però.

«Abbiamo iniziato una fase di riorganizzazione già l'anno scorso. Il settore del commercio all'ingrosso è entrato da tempo in una fase di contrazione a livello mondiale. In compenso abbiamo visto crescere le vendite online e al dettaglio».

Ma non abbastanza. 

«Abbiamo creato molti nuovi impieghi nell'online e nei negozi, che però sono fuori dal Ticino. A Lugano nel complesso eravamo scesi da 140 dipendenti a 110. Ma abbiamo investito ampliando gli uffici, e creando un nuovo showroom». 

Poi è arrivato il Covid. 

«È cambiato tutto. Abbiamo dovuto fermarci. Fare scelte nuove, a livello aziendale e personale».

Come ha reagito?

«Mi sono trasferito in Germania. Sono stato affianco ai miei genitori, come non facevo da anni. È stato bello. Ma ho anche lavorato molto. Il lockdown è stato un colpo durissimo, e la ripartenza non è più semplice». 

In che senso?  

«La confusione è enorme: siamo presenti in svariati paesi e ognuno ha regole diverse, a volte assurde. Alcuni mercati si sono ripresi in fretta, come quello tedesco, dove stiamo facendo addirittura meglio dell'anno scorso. In Italia, Spagna e Francia le vendite sono un disastro». 

E i dipendenti?

«Abbiamo dovuto ridurre l'organico del 20 per cento nei negozi. Questo a fronte di un calo del fatturato molto maggiore, dell'80 per cento. Abbiamo limitato i danni, ma anche noi abbiamo costi fissi: le bollette, gli affitti». 

In Ticino, la sua azienda ha però beneficiato del lavoro ridotto. 

«È vero. Ma in assenza di prospettive, non licenziare è immorale. Tenere un dipendente a spese dei contribuenti, sapendo già che lo lascerò a casa una volta terminati gli aiuti? Altri lo fanno. Io non ho voluto».

Una posizione che farà discutere. Ma lei è abituato alle polemiche. 

«Sono una persona trasparente. Dico quello che penso, e non prendo in giro nessuno. In Ticino in passato diversi mi hanno attaccato senza conoscermi né interpellarmi: e questo mi ha fatto arrabbiare».

Il suo rapporto con il Ticino è travagliato...

«In realtà io sono molto legato al Ticino. Nasco come stilista svizzero, mi sono trasferito qui - prima in Svizzera tedesca, poi a Lugano - quando ancora non ero nessuno. Sono partito con quattro dipendenti, di cui due erano mie sorelle, e l'obbiettivo di diventare l'imprenditore più grande del mondo». 

Un obbiettivo un po' più lontano, ora. 

«È un momento difficile, e durerà ancora uno o due anni. Ma sono assolutamente positivo. Non sono venuto a Lugano con un progetto transitorio. Qui ho creato il mio show-room, dove ogni anno presento le collezioni a visitatori e professionisti da tutto il mondo. Quanti hanno fatto lo stesso, in Ticino? Ma a differenza di altre aziende, anche nel mio settore, io sono qui veramente, e mi espongo».

A proposito di altre aziende: Ferrari le ha chiesto un risarcimento per delle foto su Instagram.  

 «È una storia triste. Ho pubblicato sui miei social delle foto della mia auto, e mi hanno fatto causa. Io continuo ad amare la Ferrari. Ne ho acquistate tre, una l'ho regalata a mia madre per il suo compleanno. Ora ogni volta che ricevo una lettera dagli avvocati, vorrei bruciare la mia auto». 

Problemi da ricchi. 

«Esatto: ricchi che litigano tra di loro, mentre il mondo va a rotoli. Lo trovo vergognoso. Per questo ho proposto alla Ferrari di deporre le armi, e di donare la cifra richiesta alla moglie di George Floyd: né io né Ferrari abbiamo bisogno di quei soldi. È un momento difficile, sono da sempre vicino al movimento contro il razzismo, e vorrei dare un segnale positivo. Vedremo cosa rispondono*». 

* Aggiornamento: dopo l'intervista, Ferrari ha fatto sapere di non accettare la proposta. Plein ha comunque donato 20mila franchi alla famiglia Floyd, e la causa legale continua 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
8 ore
La photo challenge di Lorenzo: «Fatevi una foto con la scritta»
L'ex pilota di MotoGp in posa con il sindaco Marco Borradori invita i suoi follower a visitare Lugano
LOCARNO
9 ore
L'Astrovia di Locarno? «Da oltre dieci anni abbandonata a se stessa»
Un'interrogazione chiede al Municipio d'intervenire per sistemare il percorso didattico
CANTONE
14 ore
Ecco le località nel mirino del radar
Sono sette i distretti ticinesi in cui sono previsti controlli mobili della velocità
SLOVENIA / SVIZZERA
14 ore
La Slovenia mette la Svizzera sulla lista gialla
Ora è prevista una quarantena di 14 giorni per chi entra nel Paese
FOTO
BELLINZONA
15 ore
Corbaro ha ritrovato la libertà
La Spab si è presa cura del rapace, che ora riprenderà la sua vita nei boschi che sovrastano la Turrita
CANTONE
20 ore
Fine della tregua: riecco la canicola
MeteoSvizzera annuncia una nuova ondata di caldo. Temperature fino a 34 gradi da domani a mercoledì
CANTONE
21 ore
Il Ticino ha tre nuovi casi di coronavirus
Nel nostro cantone il tampone ha dato esito positivo per un totale di 3'449 persone da inizio pandemia.
LUGANO
1 gior
Muffa e umidità: e ti ritrovi in trappola
I guai di una 30enne nel suo appartamento. Ora se ne andrà per questioni mediche. Ma il proprietario non si fa trovare.
GORDEVIO
1 gior
«Le mie vacanze in Kenya per aiutare chi ha bisogno»
Un cuore grande, molta generosità e la voglia d'imparare da chi non ha nulla ma è sempre felice.
FOTO
BREGAGLIA (GR)
1 gior
A soli tre anni alla conquista di un tremila (sulla schiena della mamma)
Si tratta del piccolo Jackson, figlio dell'alpinista inglese Leo Houlding: con tutta la famiglia è salito sul Badile
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile