deposit
CANTONE
07.06.20 - 09:180
Aggiornamento : 17:10

Tutti (o quasi) vogliono il congedo paternità

Lo dice un sondaggio dell'istituto Link. Si voterà il 27 settembre: i favorevoli lanciano la campagna in Ticino

BELLINZONA - Al Covid piacendo, a fine estate gli svizzeri torneranno alle urne. La data è il 27 settembre (l'appuntamento del 17 maggio è stato annullato, ricordiamo, causa epidemia) e i fronti in campo iniziano ad affilare le armi.

I sostenitori dell'iniziativa per un congedo di paternità di due settimane - uno dei cinque oggetti in votazione - hanno lanciato oggi la loro campagna a favore del "sì". In Ticino la coalizione dei favorevoli è numerosa: la capeggiano i sindacati Travail.Suisse e OCST, assieme all'associazione Faft Plus e alla fondazione ProFamilia Svizzera italiana. 

Il fronte del "sì" ha diffuso oggi un comunicato per illustrare i propri argomenti, forte di un sondaggio rappresentativo dell'istituto Link secondo cui il 71 per cento degli aventi diritto di voto si dichiarano favorevoli all'introduzione del congedo lavorativo (pagato) per i neo-papà. Solo il 16 per cento si dichiara contrario. 

Attualmente, il diritto svizzero non disciplina il congedo per i padri. «La Svizzera è fanalino di coda in Europa nel campo della politica familiare - sottolinea FAFT Plus -. Il congedo di due settimane per i padri è una prima tappa obbligata per recuperare il ritardo e rappresenta un imprescindibile tassello nel superamento dei ruoli tradizionali nella società, nelle famiglie e nella professione e per il raggiungimento di una effettiva parità di genere».

Per Adrian Wüthrich, presidente di Travail.Suisse e del comitato d’iniziativa, l'ampio consenso segnalato dal sondaggio «è un segnale che i tempi sono maturi. È un investimento per la famiglia, un’occasione per le piccole e medie imprese per offrire condizioni vantaggiose per propri dipendenti. Con due settimane di congedo paternità il Parlamento ha raggiunto un ottimo compromesso».

È dello stesso avviso Renato Ricciardi, segretario cantonale OCST: «Ritengo che il congedo paternità sia un importante aiuto per le famiglie e un invito alla condivisione dei compiti all’interno della famiglia. È un bene sociale che va sostenuto».

Per Michela Trisconi di Pro Familia Svizzera italiana «il congedo paternità rende la fondazione di una famiglia un progetto comune della coppia. Esso rafforza i modelli familiari egualitari, poiché entrambi i genitori condividono sin dall’inizio sia la vita professionale che l’esperienza familiare».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
28 min
Il Covid colpisce anche via Nassa
Bucherer licenzia, ma tutto il settore orologiero in Ticino è in difficoltà. «Mancano i clienti arabi e americani»
CANTONE
47 min
Gobbi sorpreso dalla decisione sugli eventi: «Si parlava di fine anno»
Secondo il Presidente del Governo cantonale, la decisione porrà molte competenze e costi sulle spalle dei cantoni
CANTONE
2 ore
Pornografia fra minorenni: «A chi sgarra confischiamo il telefono»
Il fenomeno dello scambio di materiale via chat o social è in aumento. Così come le segnalazioni alla magistratura.
CONFINE
3 ore
Pregiudicato napoletano estradato a Ponte Chiasso
Gravi capi d'imputazione, da omicidio ad associazione mafiosa. Avrebbe dovuto trovarsi in custodia cautelare a Napoli
FOTO
MESOCCO (GR)
6 ore
Centro sportivo vittima dei ladri
Qualcuno si è introdotto nel locale dopo aver tentato di sfondare la vetrina e aver rotto alcune finestre
SONDAGGIO
CANTONE
8 ore
«I turisti persi tra marzo e maggio non si possono recuperare»
Per gli alberghi ticinesi si prospetta un calo del giro d'affari di almeno il 25%, nonostante il turismo interno
CANTONE
9 ore
Covid, due mesi senza decessi
È di 3'460 il totale dei tamponi finora risultati positivi da inizio pandemia nel nostro cantone.
FOTOGALLERY
BREGAGLIA (GR)
9 ore
Non solo acqua per produrre energia
Oltre 1'200 pannelli sono stati posati sulla diga dell'Albigna. Sarà il più grande impianto solare alpino in Svizzera.
AGNO
13 ore
Scintille tra e-biker e pedoni
La convivenza sulla frequentata passeggiata "Bill Arigoni" è messa a rischio dalla velocità dei ciclisti
CANTONE / LIBANO
13 ore
Un ticinese a Beirut: «Vivo per miracolo»
L'ex granconsigliere ha raccontato la sua esperienza durante gli scoppi: «L'appartamento è completamente distrutto»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile