Ti Press
CANTONE / ITALIA
05.06.20 - 09:070
Aggiornamento : 12:26

Dal Ticino all'Italia, cosa c'è da sapere?

Dalla libertà di movimento all'uso delle mascherine, le regole cambiano secondo la regione.

Per chi sgarra la multa può arrivare fino ai 3'000 €

LUGANO - L’Italia è stato uno dei primi Paesi provenienti da una fase di lockdown a consentire nuovamente gli spostamenti dall’estero. Chi si reca nella vicina Penisola deve essere informato e “pronto a tutto”, poiché le normative generali previste nel decreto legge in vigore dal 3 giugno vanno a sommarsi alle ordinanze delle varie regioni, spesso più restrittive.

Per i ticinesi non è necessaria la sorveglianza sanitaria o l’auto-isolamento, a meno che non abbiano soggiornato in Stati extra-europei nei 14 giorni precedenti. Una volta varcato il confine, le direttive possono però variare in base alla destinazione finale. Chi dovesse essere colto ad infrangere una normativa, può subire una sanzione amministrativa variabile dai 400€ ai 3000€.

Distanziamento - Le regole generali - comuni a tutto il Paese - consistono sempre nel distanziamento sociale (almeno un metro, due per chi fa attività fisica), con mascherina tassativamente da indossare in caso d'impossibilità di rispettare questa misura (in Lombardia e Trentino Alto Adige l’obbligo permane sempre, anche all’aperto, almeno fino al 14 giugno).

Temperatura corporea - In tutte le stazioni, nei porti e negli aeroporti, sia alla partenza che all’arrivo, viene misurata la temperatura corporea: con un valore superiore a 37,5 gradi si viene “presi in consegna” dalle autorità competenti per i test di rito.

In auto - In auto nessun problema se viaggiano insieme persone conviventi. In caso contrario, il guidatore deve essere seduto nel sedile anteriore ed eventuali passeggeri su quelli posteriori, a debita distanza l’uno dall’altro, tutti dotati di mascherina.

Libertà al nord - La circolazione sarà libera e senza alcuna restrizione o obbligo di tracciamento in buona parte delle regioni settentrionali, tra cui Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Toscana, Piemonte, Valle d’Aosta e Veneto, mentre l’Emilia Romagna presenta regole più precise sulle spiagge, dove dovranno esserci almeno 1,5 metri tra i vari ombrelloni, lettini e sdraio.

Più rigore al sud - Per chi dovesse spostarsi più a sud, la Puglia e la Sardegna sono le regioni più rigorose: qui viene infatti richiesta la registrazione obbligatoria tramite un apposito modulo da compilare con i propri dati anagrafici e varie informazioni relative alla propria anamnesi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
9 min
Escursionisti che mettono i bastoni fra le ruote dei bikers
Ostacoli e trappole piazzati sui Monti di Claro: la convivenza fra i vari fruitori dei sentieri non è sempre semplice.
CHIASSO/LUGANO
1 ora
Anche in treno si viaggia un po' stretti
Pendolari stipati su un convoglio dimezzato. Le Ffs: «Può capitare, ma esistono diverse alternative»
CANTONE
3 ore
Mascherine, è iniziata la guerra dei prezzi
A gennaio, la domanda di FFP2 è aumentata notevolmente. Ma non in Ticino
LUGANO
4 ore
Cade dalla scalinata, finisce in ospedale
L'incidente si è verificato sulla strada che transita sul Ponte del diavolo.
CANTONE
8 ore
Delitto di Muralto: 30enne a processo per assassinio
È stato rinviato a giudizio il cittadino germanico che era stato fermato a seguito dei fatti del 9 aprile 2019
CANTONE
9 ore
Negli ospedali ci sono meno di 200 pazienti col coronavirus
Le autorità sanitarie cantonali segnalano altri 58 contagi e 6 nuovi decessi
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Salt: «Problema tecnico risolto»
I primi disagi erano stati riscontrati attorno alle 15 di ieri. Il guasto è stato sistemato in tarda serata
FOTO E VIDEO
AIROLO
10 ore
Tampona un camion fermo sull'A2: è gravissimo
L'incidente è avvenuto questa mattina nei pressi dell'area di servizio di Stalvedro.
VIDEO
CANTONE
11 ore
In moto anche d'inverno: attenzione a ghiaccio e temperature!
Il TCS: «La guida di una due ruote esige, come per l'auto, una prudenza e un'attenzione permanente»
VIDEO
SEMENTINA
14 ore
«Gira poca gente, affari giù del 50%»
Crisi Covid: stare a casa equivale a usare poco l'auto. Sconforto tra i benzinai. Lo sfogo del 35enne Davide Ciaburri.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile