deposit
BELLINZONA
05.06.20 - 06:560
Aggiornamento : 10:35

«Ho il Covid», e sparisce con i soldi

Ci eravamo occupati di lui in passato. Ora un insolvente seriale è finito in manette, con l'accusa di truffa

Avrebbe incassato pagamenti per merce inesistente. Il Ministero pubblico conferma l'arresto. Diversi imprenditori e dipendenti truffati negli anni

BELLINZONA - «Ho preso il coronavirus, non posso rispondere». La pandemia di Covid-19 ha fornito una scusa d'oro a un "insolvente seriale" del Bellinzonese, che non ha esitato a raccontare - tra le altre cose - di avere contratto il virus per sfuggire ai creditori. Ma gli è andata male.

L'uomo, 31 anni, è una vecchia conoscenza di tio.ch/20minuti. Attivo nel settore del marketing, ci eravamo occupati di lui a più riprese - nel 2017 e 2018 - dopo le lamentele di diversi clienti da cui si era fatto pagare per servizi mai effettuati. Al coro delle accuse si erano aggiunti anche alcuni dipendenti assunti dal 31enne tramite gli uffici di collocamento, e non pagati.

Il trucco: incassare in anticipo, far sparire i soldi - lasciando clienti e collaboratori a bocca asciutta - e poi chiudere baracca e burattini. Diverse le aziende aperte e chiuse a suo nome: anche nel giro di poche settimane. Due anni fa la Procura di Lugano aveva aperto un'indagine. L'uomo era finito una prima volta in carcere, a dicembre 2018.

Lezione imparata? Neanche per sogno. Di recente il 31enne è tornato a colpire. La modalità è sempre la stessa: «Abbiamo avviato una collaborazione, ma dopo un po' ho capito che qualcosa non andava. Chiedeva di essere pagato in anticipo, inventava continue scuse» racconta un'imprenditrice del Luganese che si è rivolta alla polizia. «Mi ha creato un notevole danno, e so già che non rivedrò un soldo».    

Diversi i piccoli imprenditori raggirati dal recidivo, che si rendeva irreperibile accampando malori, infarti e - da ultimo - persino il Covid. La Procura non gli ha creduto: dopo l'ennesima denuncia, l'uomo è finito di nuovo in manette con l'accusa di truffa. L'indagine è affidata al Pp Andrea Minesso. Il Ministero pubblico conferma l'arresto, avvenuto il 19 maggio, ma non fornisce dettagli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Coronavirus: in Ticino altri tre casi
Le persone ricoverate negli ospedali a causa del covid-19 restano due
CANTONE
1 ora
La scuola "ai tempi del Covid-19" piace più agli allievi che ai docenti
Il loro carico di lavoro è aumentato, così come quello dei genitori. Si sono sentiti sotto pressione e/o ansiosi
ORIGLIO
3 ore
«Sono centinaia, ce li troviamo quasi in casa»
Il sindaco Alessandro Cedraschi sulla presenza di cinghiali vicino al Paese: «Continuiamo a sollecitare il Cantone».
CANTONE
5 ore
Un brutto male nei rubinetti
Si chiama clorotalonil, è vietato in Svizzera perché cancerogeno. Ma in alcune località del Mendrisiotto sfora i limiti.
LUGANO
5 ore
Cassarate, si cercano volontari per ripulirne le sponde
Dopo il successo dell'appuntamento di luglio si riparte per «rendere bello e vivibile il nostro bene pubblico».
GAMBAROGNO
12 ore
«Il mio Rodolfo non merita di finire così»
Waldis Ratti, 63 anni, "piange" per lo storico ristorante di famiglia. Un patrimonio che rischia di svanire.
SANTA MARIA (GRIGIONI)
14 ore
«Quando il treno è affollato, cedo il posto e mi siedo per terra»
Nella “sua” Calanca la chiamano tutti “Robi” ma lei è la donna forte delle ferrovie svizzere.
ASCONA
16 ore
«Per chilometri legata alla borsa della padrona»
L'animale, zoppicante e in evidente stato d'incuria, non avrebbe nemmeno la possibilità di fare i suoi bisogni.
OSCO
18 ore
La vittima dell'incidente di Osco è stata identificata
Ieri la Polizia aveva chiesto a eventuali testimoni di farsi avanti.
FOTO E VIDEO
LUGANO
21 ore
Prima del Gran Consiglio, contro le politiche del DI di Gobbi
Presidio "antirazzista e per il rispetto dello stato di diritto", a partire dalle 12, davanti al Palazzo dei Congressi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile