Immobili
Veicoli
Tipress (archivio)
GAMBAROGNO
01.06.20 - 22:070

Il Porto preoccupa il Consiglio comunale

Un'interpellanza firmata dalle commissioni delle opere pubbliche e della gestione è stata recapitata in Municipio.

Il cantiere, dopo la posa dei massi ciclopici avvenuta nel lockdown, è infatti nuovamente fermo. «Non tutti i contratti d'appalto sono stati firmati».

GAMBAROGNO - Il nuovo porto del Gambarogno continua a far discutere, tanto che il Consiglio comunale non esita a definire «preoccupante» lo stato dei lavori. «A tal proposito - precisa il Presidente del legislativo Paride Buetti - è stata consegnata al Municipio un’interpellanza firmata all’unanimità dalle commissioni delle opere pubbliche e della gestione».

Il cantiere, dopo la posa dei massi ciclopici avvenuta durante il lockdown, è infatti nuovamente fermo. Secondo «voci che circolano», il motivo è da ricercare nel fatto che non tutti i contratti d’appalto sono tutt'ora firmati. «Purtroppo faccio riferimento a voci - continua Buetti - in quanto ufficialmente il Municipio non ha informato la Commissione opere pubbliche e nemmeno il Consiglio comunale».

Buetti parla poi di «informazione carente» e che non corrisponde a quanto deciso e richiesto dal legislativo di Gambarogno. «Con l’approvazione del credito supplementare di 4.5 milioni era stata richiesta una maggiore trasparenza e di creare una commissione di accompagnamento al progetto».

Il Presidente del Consiglio comunale conclude dicendosi sfiduciato da un progetto che ormai risale a più di 20 anni fa e che prevede un costo complessivo di 19 milioni di franchi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GI 1 anno fa su tio
un classico "cappio" direi.....
Fran 1 anno fa su tio
Umma umma ?? Municipio barlafüüüs! Il Gambarogno non ha bisogno di questo scempio multimilionario! Create posti di lavoro piuttosto che siamo tutti alla canna del gas!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
3 ore
Il Ceresio è da livello B... una secca da record
Non piove da mesi, il bacino è ai minimi storici e tra i proprietari di imbarcazioni cresce il malcontento
CANTONE
3 ore
Nessun distretto sfugge ai radar
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 31 gennaio al 6 febbraio
CANTONE
6 ore
Droni peggio degli avvoltoi: rischiano di rovinare il nido del Gipeto
«Lasciamo tranquilli questi rapaci» è l'appello lanciato da Ficedula ai disturbatori
FOTO
BELLINZONA
9 ore
Dorme al gelo, lo aiutano e tenta la fuga
Un giovane, al freddo, in un sacco a pelo. È quanto osservato questa mattina di fronte a un negozio in via Henri Guisan
CANTONE/ITALIA
9 ore
Ancora uno sciopero, Tilo fermi domenica in Italia
Disagi per chi viaggerà tra il Ticino e l'Italia domenica. Circoleranno solo gli Eurocity
CANTONE
13 ore
«Don Tamagni si sente come se il mondo gli fosse crollato addosso»
La solitudine del prete in carcere per avere rubato 800.000 franchi. Nonostante tutto, riceve visite e sostegno.
AGNO
22 ore
L'operaio schiacciato da un macchinario è deceduto
Si tratta di un 51enne svizzero domiciliato nel canton Zurigo.
LUGANO
1 gior
Frontaliere, ma «vive in Marocco»
Nuovi dettagli sul caso del presunto prestanome della 'ndrangheta con un piede in Ticino
LUGANO
1 gior
Lugano, dopo anni in calo, diventa più grande
Nel corso del 2021 la popolazione è aumentata di 95 unità.
CANTONE
1 gior
«La cassa nera mi è stata ordinata»
Al Tribunale militare parlano l’ex comandante Antonini e l’ex capo dello stato maggiore delle guardie di confine
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile