Archivio Tipress
CONFINE
30.05.20 - 11:480
Aggiornamento : 12:22

«L'Italia non è un lazzaretto»

Lo dice il ministro degli esteri Di Maio. Dal 3 giugno si potrà entrare nel paese senza quarantena

ROMA - Recarsi in Italia senza dover stare in quarantena per quattordici giorni? Dal prossimo 3 giugno sarà possibile per i cittadini stranieri provenienti dai paesi Schengen e dalla Gran Bretagna. Per il resto dei cittadini europei l'obbligo cadrà invece dal 15 giugno.

L'indicazione è contenuta nel decreto del presidente del Consiglio italiano in vigore, che prevede anche la fine del divieto di spostamenti fra le regioni della vicina penisola sempre a partire dal prossimo 3 giugno.

«In questi giorni ne ho sentite davvero tante sull'Italia. Non mi sembra il momento di fare polemiche, ma una cosa voglio dirla chiaramente: esigiamo rispetto. Se qualcuno pensa di trattarci come un lazzaretto allora sappia che non resteremo immobili», ha dal canto suo dichiarato su Facebook il ministro degli esteri italiano Luigi Di Maio a proposito della riapertura dei confini.

«Serve una risposta europea perché se si agisce in maniera diversa e scomposta viene meno lo spirito Ue. E crolla l'Europa», sottolinea Di Maio.

Il ministro degli esteri italiano ha anche annunciato che sarà in missione in Germania il 5 giugno, in Slovenia il 6 e in Grecia il 9. «In questi incontri spiegherò ai miei colleghi che l'Italia dal 15 giugno è pronta a ricevere turisti stranieri e che agiremo con la massima trasparenza. La situazione interna, tutti i dati sui contagi, saranno sempre pubblici. Non accettiamo black-list e non abbiamo nulla da nascondere, anzi. Abbiamo sempre agito con responsabilità e trasparenza e continueremo a farlo», sottolinea Di Maio.

«Come Ministero degli Affari Esteri stiamo lavorando senza sosta», prosegue il ministro italiano annunciando che «mercoledì 3 giugno verrà a Roma il ministro degli esteri francese Le Drian. Sarà il suo primo viaggio all'estero dopo il lockdown e siamo felici che abbia scelto il nostro Paese. Un attestato di vicinanza, che apprezziamo».

Per la Svizzera «è prematuro» - Per la Confederazione elvetica una riapertura della frontiera con l'Italia è invece considerata «prematura», come dichiarato nei giorni scorsi dal Consiglio federale. Con una riapertura unilaterale da parte dell'Italia, non esiste comunque una base legale per impedire ai cittadini di uscire dalla Svizzera. Ma cosa avverrà al loro ritorno nella Confederazione? «Le condizioni dettate al rientro dipenderanno dalla situazione epidemiologica» ha detto negli scorsi giorni il consigliere di Stato Norman Gobbi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
10 ore
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
11 ore
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CANTONE
13 ore
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
13 ore
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
LUGANO
20 ore
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
BELLINZONA
20 ore
Il Palazzo delle Orsoline e la fontana si accendono di arancione
La settimana d’azione “Sicurezza dei pazienti 2021”, appena terminata, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica
LUGANO
20 ore
Premi svizzeri di musica consegnati al LAC
Alla cerimonia era presente anche il Consigliere federale Alain Berset
LUGANO
1 gior
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
CANTONE
1 gior
Un'altra settimana di radar
Ecco dove rischierete di essere "flashati" da lunedì
CANTONE
1 gior
Il settore turistico ticinese ha retto il duro colpo della pandemia
Le autorità fanno il punto della situazione: i pernottamenti sono aumentati, anche grazie a campagne e promozioni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile